MENU
18 Maggio 2022 11:06
18 Maggio 2022 11:06

Porto di Taranto: arrivata la concessione ai turchi dell’ Yilport

Via libera alla concessione al gruppo turco: a loro la gestione per 49 anni del Molo Polisettoriale. La Yilport Holding AS, controllata al 100% dalla Yildirim Holding A.S. è uno dei gruppi industriali in più rapida crescita della Turchia, è proprietaria del 24% del capitale di CMA-CGM, con sede a Marsiglia e terza più grande compagnia di navigazione mercantile al mondo
Autorità Portuale di Taranto

TARANTO – La Commissione Consultiva e il Comitato di Gestione dell’Autorità Portuale del Mar Ionio, riunitesi hanno deliberato  su proposta del Presidente dell’Autorità, di accogliere la domanda di concessione prodotta da Yilport Holding AS e finalizzata al rilascio della autorizzazione della concessione per la durata di anni quarantanove, dell’intero compendio demaniale marittimo denominato “Molo Polisettoriale” del Porto di Taranto (con esclusione della Calata 5 ed aree retrostanti) allo scopo di rendere operativo un terminal multipurpose, per lo sviluppo dei traffici commerciali e della logistica, con particolare riferimento alla movimentazione dei container, di merci varie e ro-ro.

La definitiva valutazione positiva della Commissione Interna Permanente ed in considerazione della rilevanza del proponente e della portata operativa e di mercato della richiesta concessoria hanno fatto emergere, sotto vari punti di vista, l’evidente concreta opportunità di perseguimento degli interessi pubblici tesi a garantire la più ampia e proficua utilizzazione del Molo Polisettoriale, il rilancio occupazionale, l’incremento dei traffici portuali e della logistica, nonché la valorizzazione delle infrastrutture realizzate e realizzande, nonchè del ruolo del porto di Taranto e del sistema portuale italiano nello scenario del Mediterraneo ed internazionale.

i porti dove già opera la Yilport Holding

La Yilport Holding AS, controllata al 100% dalla Yildirim Holding A.S. è uno dei gruppi industriali in più rapida crescita della Turchia, è proprietaria del 24% del capitale di CMA-CGM, con sede a Marsiglia e terza più grande compagnia di navigazione mercantile al mondo. Prima della suindicata decisione il Comitato di Gestione ha adottato le deliberazioni di riscontro alle osservazioni presentate dalla Italcave SpA ed alle osservazioni/opposizione presentate del Consorzio Southgate Europe Terminal.

L’ Autorità Portuale del Mar Ionio è in attesa dell’esito dell’udienza cautelare  dinanzi al TAR Puglia – Lecce, relativa al ricorso presentato dallo stesso Consorzio Southgate Europe Terminal, per poter avviare con ogni urgenza tutte le attività necessarie per la piena operatività del terminal, per l’avvio del graduale ricollocamento dei lavoratori della Agenzia “Taranto Port Workers srl” e per il rilancio commerciale, logistico ed occupazionale del porto di Taranto e del suo indotto

Anche i sindacati di Taranto hanno salutato con favore il via libera dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ionio alla concessione  ad  Yilport Holding AS, e con una nota i segretari di Filt Cgil, Fit Cisl e UilTrasporti rispettivamente De Benedictis, Squicciarini e Sasso dichiarando che  “è necessario mettere in campo una serie di interventi per un concreto e complessivo rilancio del porto di Taranto“.  aggiungendo “Ci auguriamo altresì che il nuovo operatore determini le condizioni per creare un ponte più saldo tra manifattura e portualità, tra territorio e connessioni. Il “lavoro” che si svilupperà in ambito portuale, sintetizzerà in maniera straordinaria, una delle sfide più importanti dell’azione sindacale svolta: governare e tutelare gli effetti della globalizzazione che, da una parte produce precarizzazione e dall’altra richiede crescenti quote di specializzazioni e professionalizzazioni nelle attività rese dai lavoratori”.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Eni: i conti aperti presso Gazprom Bank è stata avviata senza accettazione di modifiche unilaterali dei contratti in essere
Eni consegna al Tesoro un assegno da 940 milioni di utili
Acciaierie d' Italia (ex Arcelor Mittal) continua a pagare in ritardo le aziende dell’indotto dello stabilimento di Taranto
Poste Italiane fra i 25 marchi più forti al mondo
Elon Musk compra Twitter per 44 miliardi di dollari
Le liste della CdP presentate per i Cda di Fincantieri, Aspi e Ansaldo
Archivi
Eni: i conti aperti presso Gazprom Bank è stata avviata senza accettazione di modifiche unilaterali dei contratti in essere
L’Opinione del Direttore
Guerra Russia-Ucraina. Missione Azovstal conclusa, evacuati 264 soldati e 53 feriti. Zelensky: "Gli eroi ci servono vivi". Dentro la fabbrica sono rimasti dei combattenti
Guerra Russia-Ucraina. Raggiunto accordo per evacuare feriti dall'acciaieria Azovstal. La Svezia come la Finlandia, subito nella Nato
Il presidente della Federtennis, Binaghi attacca il presidente del Coni Malagò: "Voleva danneggiare gli Internazionali"

Cerca nel sito