MENU
18 Agosto 2022 15:55
18 Agosto 2022 15:55

Onu: “Questo sarà lʼanno più letale”. Da gennaio 2016 morti 3.800 migranti nel Mare Mediterraneo

Nell'anno 2015 le vittime della "traversata della morte" erano state 3.771.

L’anno più letale per i migranti che hanno tentato di attraversare il Mediterraneo sarà secondo l’ Onu il 2016. Lo conferma William Spindler, il portavoce dell’Unhcr, il quale aggiunge: “Possiamo confermare che almeno 3.800 persone sono morte o disperse nel Mar Mediterraneo dall’inizio dell’anno, rendendo il bilancio delle vittime del 2016 il più alto mai registrato“. Nello scorso anno, il 2015  erano state 3.771 le persone morte durante la traversata.

“Abbiamo raccolto molte testimonianze – ha dichiarato Spindler –  dalle persone soccorse durante il weekend e fatte sbarcare in Italia. In base ai resoconti abbiamo potuto comprendere quante persone sono morte o risultano disperse. Si tratta chiaramente di stime“.

schermata-2016-10-27-alle-12-41-06

In calo il numero dei migranti  Il numero di persone che sono riuscite a compiere la traversata è invece drasticamente calato: sono infatti 327.800 i migranti che fino ad oggi hanno raggiunto le sponde nord del mar Mediterraneo, a fronte dei 1.015.078 del 2015. Se lo scorso anno perdeva la vita un migrante ogni 269, quest’anno il rapporto, drammatico, è di un morto ogni 88. Sulla rotta centrale, quella che porta in Italia, il dato sale a una vittima ogni 47.

Nel 2015 l’Unhcr aveva registrato per tutto l’anno un totale di 3.771 decessi nel Mediterraneo. Ma mentre nel 2015 1.015.078 persone avevano attraversato il Mediterraneo per raggiungere l’Europa, quest’anno il numero è di circa 327.800.

Aumentano i morti – Aumentato anche il tasso dei decessi: nel 2016 una persona ogni 88 ha perso la vita mentre tentava la traversata. Si tratta di un dato in netta crescita rispetto a uno ogni 269 registrato nel 2015. Nel Mediterraneo Centrale questo dato è addirittura più alto, con una morte ogni 47 arrivi

Metà degli sbarchi in Italia Secondo l’Unhcr, circa la metà di coloro che tentano la traversata partono dal Nord Africa e raggiungono le coste italiane, attraverso la rotta più pericolosa del Mediterraneo. Questo è spiegabile, secondo l’agenzia dell’Onu, con il cambio di tattiche dei trafficanti di esseri umani: è sempre più forte infatti la tendenza a imbarcare quanti più migranti possibili per effettuare partenze di massa, rendendo più ardui i soccorsi. L’Unhcr ha esortato gli Stati membri dell’agenzia a intensificare gli sforzi per tentare di diminuire il numero di vittime, non solo attraverso una più intensa attività di monitoraggio dei mari ma anche rafforzando l’accesso a percorsi regolari che garantiscano sicurezza ai rifugiati.

31 morti – Non si fermano, intanto, gli sbarchi sulle coste italiane: ieri sono arrivate in Italia quasi 2.000 persone, trasportate dalle navi della Capitaneria di Porto di Messina e di Medici senza Frontiere. Insieme a loro sono state recuperate anche le salme di 31 persone che sono morte durante la traversata.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Quello che le "toghe rosse" non dicono sul Csm...e le loro carriere "correntizie"
I vertici nazionali e provveditori regionali del DAP a ferragosto negli istituti penitenziari
Fratelli d’Italia e Crosetto ridicolizzano il TG1 e l' Usigrai sul Pnrr
Sondaggi elettorali: il centrodestra in netto vantaggio
La sede del quotidiano La Stampa imbrattata con scritte "no war" e "no vax"
Migranti, 438 migranti salvati dalla Sea Watch sbarcano a Taranto. I sindacati di polizia protestano sulle condizioni dell'hotspot
Archivi
Sequestrato un milione di euro dalla Guardia di Finanza ad una coop di assistenza ai migranti
I disservizi di Dazn all’inizio del campionato di Serie A. Ecco come farsi rimborsare
È morto Niccolò Ghedini, storico avvocato di Berlusconi. Il Cavaliere: "Dolore immenso"
Liste centrodestra, la corsa è ancora lunga: troppi nomi sul tavolo e pochi collegi
Controlli di Ferragosto dei NAS alla case di riposo: blatte in cucina ed operatori in stato di ebrezza

Cerca nel sito