Nichi Vendola & Ippazio Stefàno, della serie: “non c’eravamo mai amati” !

Nichi Vendola & Ippazio Stefàno, della serie: “non c’eravamo mai amati” !

Una lettera pubblica del presidente Vendola al sindaco di Taranto : quegli 8 milioni di euro destinati a prevenzione e tutela della salute vanno utilizzati in fretta. Ma Vendola ha la memoria corta….

C’è poco da fare, in politica la parola gratitudine, la memoria non paga mai. Il governatore uscente della Regione Puglia, Nichi Vendola ha dimenticato che nelle ultime due elezioni amministrative per il Consiglio Comunale di Taranto, se non ci fossero stati i voti ricevuti della lista civica  “per Ippazio Stefàno Sindaco” il centrosinistra non avrebbe mai raggiunto la maggioranza che gli ha consentito di governare la città dei due mari per circa 10 anni, ed allora avendo constatato che Ippazio Stefàno ha di fatto abbandonato le posizioni di Sel a cui, gli va dato merito e riconosciuto non è mai stato un “organico” di partito, nè tantomeno un “nominato” come l’enfant prodige (del nulla) Fabrizio Nardoni, trombato dagli elettori e “nominato” da Vendola ad assessore regionale, il quale, quest’ultimo ambisce alla poltrona di primo cittadino. Senza speranze, secondo le ricorrenti voci circolanti in tutti gli ambienti della città di Taranto.

Ma Vendola ha un conto “aperto” con Ippazio Stefàno, che per le prossime elezioni regionali ha pubblicamente manifestato il suo appoggio alla candidatura alla presidenza di Michele Emiliano, segretario regionale del Pd, contro la candidatura dell’ attuale Senatore della repubblica Dario Stefàno,  un ex-UdC, ora militante nelle fila di Sel, ed assessore regionale , diventato il braccio destro del “Nichi” pugliese. Cosa di meglio quindi che scrivergli oggi questa lettera, rendendola pubblica ?

CdG lettera Vendola_Stefàmo

Inizia così   la lettera di Nichi Vendola  indirizzata questa mattina al sindaco di Taranto Ippazio Stefàno.  «Gentile Sig. Sindaco, come certamente ricorderai, questo Governo Regionale (…) ha destinato un finanziamento di otto milioni di euro, per la realizzazione di interventi per la prevenzione e la tutela della salute dei cittadini di Taranto» di cui sopra potete leggere il testo integrale.  Una lettera inviata “ufficialmente” al fine di invitare l’amministrazione comunale a mettere «in campo tutti gli sforzi necessari per scongiurare ogni possibile ritardo nella realizzazione di interventi per la prevenzione e la tutela della salute dei cittadini di Taranto».

 

Nichi Vendola, Stefania Prestigiacomo  con il latitante Fabio Riva

Nichi Vendola, la Prestigiacomo con il latitante Fabio Riva ( a sx nella foto)

 

 

Quella salute che Vendola dimenticava quando flirtava telefonicamente con Girolamo Archinà , la famiglia Riva . Ricordate ?   “Archinà state tranquillo, non è che mi sono scordato. Volevo dirglielo perché poteva chiamare Riva e dirgli che il presidente non si è defilato (…) Però lei lo sa, io ho fatto veramente le battaglie e in difesa della vita e della salute“. Parlava così al telefono il governatore della Puglia Nichi Vendola, rinviato a giudizio a Taranto,  dopo le intercettazioni con Girolamo Archinà, all’epoca dei fatti eminenza grigia dell’ ILVA a Taranto, chiamato il “maestro degli insabbiatori”. Forse vale la pena rinfrescargli la memoria….




Vendola ed i suoi “compagni” di merenda, tanto prodigo a mandare lettere pubbliche al sindaco di Taranto.  ha però dimenticato un’altra lettera, cioè quella agli atti cella Procura della repubblica di Taranto, che il Corriere del Giorno, è in grado di mostrarvi e farvi leggere. la lettera che è costata a Vendola un rinvio a giudizio dal gip Patrizia Todisco per l’inchiesta “Ambiente Svenduto“.

 

CdG vendola lettera Archinà

 

 

Nella lettera odierna il Presidente Vendola ha ricordato a Ippazio Stefàno sia la delibera di giunta dell’ottobre del 2012 “Programma Straordinario Salute Ambiente e Istituzione Centro Salute Ambiente in Taranto” sia il finanziamento di 8 milioni di euro destinato alla realizzazione degli interventi. «Mettere a disposizione spazi e strumentazioni adeguate – scrive Vendolarappresenta un obiettivo qualificante del Programma Straordinario, in quanto testimonia la concreta volontà di un investimento strutturale» e  continua la lettera – «i tecnici della ASL d’intesa con il Comune hanno identificato nell’area Baraccamenti Cattolica una possibile soluzione adeguata agli scopi. Sta di fatto che a tutt’oggi non è stato possibile procedere a frazionamento catastale dei beni secondo le indicazioni della ASL».  Vendola continua «Con l’obiettivo di procedere con ogni speditezza dovuta in relazione alla rilevanza degli obiettivi sottesi, appare dunque indispensabile conoscere se sia stato realizzato il trasferimento di proprietà dall’Agenzia del Demanio al Comune di Taranto ovvero se vi siano ostacoli, e di quale natura, al trasferimento e/o all’accatastamento». «Sono certo – conclude Vendolache l’Amministrazione comunale di Taranto vorrà mettere in campo tutti gli sforzi necessari per scongiurare ogni possibile ritardo».

P.S. Nichi Vendola perchè non ci manda una bella “letterina” anche a noi e ci dice dal 2013 ad oggi, dice quanti soldi per la formazione professionale in favore dell’ Associazione Formare Puglia (senza scopo di lucro…) di Taranto e dell’ Associazione FormAzione di Lecce a capo delle quali siede e gestisce tutto … Angelo Lorusso  attuale  coordinatore provinciale per Taranto del  Movimento “La Puglia per Vendola” ???

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !

Open chat
1
Vuoi contattare la nostra redazione ?
Ciao, vuoi contattare la nostra redazione ?