MENU
3 Dicembre 2022 05:43
3 Dicembre 2022 05:43

Mattarella a Palermo per la cerimonia di intitolazione dell’aula bunker ai giudici Falcone e Borsellino

La cerimonia, organizzata dall'Associazione nazionale magistrati, disertata dal cognato di Falcone, Alfredo Morvillo. Assente anche Nino Di Matteo, componente del Csm. L'appello dei magistrati per la ricerca della verità, l'abbraccio del presidente Mattarella a Maria Falcone e ai figli di Borsellino

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si è recato a Palermo per la cerimonia di intitolazione dell’Aula Bunker della casa circondariale Calogero Di Bona “Ucciardone” a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, in occasione della giornata conclusiva dell’anno di commemorazione nel trentennale delle stragi di Capaci e Via d’Amelio. Manfredi e Lucia, I figli di Borsellino, hanno preferito stare in disparte, abbracciando Maria Falcone e suo figlio, e sono entrati solo dopo che i politici hanno completato il rito delle strette di mano.

Per salutare i magistrati e i rappresentanti delle forze dell’ordine ci sono il Ministro della giustizia Carlo Nordio, Ministro della giustizia, il ministro dell’ Interno Matteo Piantedosi, il vice presidente del Csm David Ermini, il procuratore nazionale antimafia Giovanni Melillo, il presidente della Corte d’appello Matteo Frasca, la procuratrice generale Lia Sava, il procuratore de Lucia, il procuratore di Roma Lo Voi. E poi il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri Teo Luzi, il vice capo della polizia Pellizzari, il prefetto Messina il direttore centrale anticrimine.

Il presidente Mattarella saluta Manfredi e Lucia Borsellino

Parole pesanti come macigni sono state pronunciate la sera prima da Alfredo Morvillo ex magistrato oggi in pensione , fratello di Francesca Morvillo, moglie di Giovanni Falcone: “Non partecipo a manifestazioni in cui ci sono personaggi che non hanno nulla a che fare con i nostri amatissimi giudici” con riferimento proprio all’attuale sindaco di Palermo Roberto Lagalla, sostenuto da due condannati per mafia, Totò Cuffaro e Marcello Dell’Utri. Un riferimento che molti hanno letto, rivolto anche al presidente della Regione Renato Schifani, imputato a Caltanissetta nel processo sul “cerchio magico” dell’ex leader di Confindustria Antonello Montante. Per Morvillonon si può accettare di condividere questo momento con personaggi, inevitabilmente invitati, che non hanno nulla a che fare con i nostri amatissimi indimenticabili giudici e che, dall’alto delle loro responsabilità istituzionali, non tralasciano di mandare alla cittadinanza messaggi di pacifica convivenza con ambienti notoriamente in odore di mafia“.

Il saluto di Mattarella a Maria Falcone sorella del giudice commemorato

Fra le sedie vuote c’è quella dell’ex pm Nino Di Matteo, oggi consigliere al Csm. Al telefono spiega il perché della sua assenza: “È da tempo ormai che non partecipo a commemorazioni istituzionali, preferisco confrontarmi sui temi della mafia e della giustizia con i giovani e la gente comune“.

Il presidente della Corte d’appello di Palermo Matteo Frasca ha aperto la cerimonia di intitolazione alla presenza del Capo dello Stato e i ministri Matteo Piantedosi e Carlo Nordio dicendo: “Il dolore dei parenti delle vittime è anche il nostro ed è sempre vivo e neppure lenito dall’accertamento della verità.In quest’aula, esempio unico di efficienza nell’edilizia giudiziaria, costruita in sei mesi per lo svolgimento del maxi processo, grazie al lavoro unico di Falcone e Borsellino, alle loro intuizioni e alla loro rivoluzionaria consapevolezza della specificità di Cosa Nostra si è potuto celebrare un dibattimento che ha segnato la storia della lotta alla mafia“. Frasca ha ricordato l’isolamento e gli attacchi subiti da Falcone e il senso dello Stato dei due giudici che, “nonostante le difficoltà, non si sono mai fermati e hanno sempre manifestato il loro rispetto per le istituzioni. La lotta alla mafia – ha concluso – deve essere sempre al centro dell’agenda politica del governo e del Parlamento, della magistratura e della società civile. È necessario che ciascuno senza compromessi scelga da che parte stare, con i fatti“.

Il ministro della Giustizia Nordio nel corso del suo intervento ha assicurato un potenziamento nella lotta ai clan: “Nella qualità del personale e nell’efficienza delle strutture” alla fine del suo intervento, più preoccupato a rilevare e ricordare prima che “le maggiori critiche a Falcone e Borsellino vennero rivolte da una parte della magistratura“. Il neo procuratore di Palermo Maurizio de Lucia, uno dei pm che fece condannare Totò Cuffaro, non usa tanti giri di parole: “Lo sforzo della procura è quello di fare luce sui segreti del passato, ma anche di non distrarsi rispetto a quello che è Cosa nostra, che continua ad essere presente nel tessuto economico e politico di questa città“.

Il presidente emerito della Corte di Cassazione, Giovanni Canzio invece dice:Perché non è stato fatto tutto quanto era in potere dello Stato per proteggere la vita dei magistrati e poi per arrivare al rigoroso e definitivo accertamento dei fatti? Pure nell’acquisita certezza probatoria che fu Cosa Nostra ad ideare e ad eseguire i crimini, la comunità nazionale ha il diritto di conoscere da chi e perché, dopo la strage di via D’Amelio, fu costruita la falsa verità giudiziaria e i motivi e le oscure finalità di un così indegno e clamoroso depistaggio“.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Il Guardasigilli Nordio dispone l’ispezione sui pm della Procura di Firenze: "Accertamenti rigorosi"
Avvocati, accolta la proposta di Cnf e Cassa forense su compensazione debiti
Gli ispettori del ministero chiudono le cooperative della famiglia di Soumahoro
Smantellata la rete di spie russe infiltrate in Svezia
Disastro a Ischia. Le menzogne di Conte :"Nel 2018 non firmai un condono". Ma la parola "condono" si trova persino nel titolo della norma !
Archivi
Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Per la Corte dei Conti la legge di bilancio 2023 "Manovra di ampia portata. Coperture efficaci ma poco efficienti"
Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977

Cerca nel sito