MENU
17 Maggio 2022 16:52
17 Maggio 2022 16:52

Londra sanziona la stampa russa: la guerra basata su bugie sulla guerra in Ucraina

“La guerra di Putin all’Ucraina è basata su un torrente di bugie”, ha affermato il ministro degli esteri Liz Truss. “Quest’ultima serie di sanzioni colpisce i portavoce gli spudorati portavoce della propaganda che amplificano le fake news di Putin”.

Una nuova serie di sanzioni contro la Russia è stata varata dal governo inglese. Nel mirino di Londra come riporta l’agenzia Reuters  sono finite le società che gestiscono i media collegati al Cremlino, come TV Novosti, ente che controlla il canale RT, vietato in Ue e nel Regno Unito, Rossia Segodnia, che controlla l’agenzia di stampa Sputnik. Nella lista compaiono anche manager e dipendenti della tv come Alexey Nikolov, direttore generale di Rt, o Sergei Brilev, un ‘volto noto’ di Rossiya Television e Radio network, e Anton Anisimov direttore di Sputnik .

“La guerra di Putin all’Ucraina è basata su un torrente di bugie”, ha affermato il ministro degli esteri Liz Truss. “Quest’ultima serie di sanzioni colpisce i portavoce gli spudorati portavoce della propaganda che amplificano le fake news di Putin”. Mosca ha più volte definito RT, cui Ofcom ha revocata la licenza di trasmissione nel Regno Unito, un modo per competere con il dominio dei media americani e inglesi che secondo i russi offrirebbero una visione parziale del mondo.

il Premio Nobel per la Pace Dmitry Muratov

All’elenco dei media non allineati, neutralizzati dal Cremlino, si è aggiunto Novaya Gazeta, il più importante quotidiano indipendente del paese. Sul suo sito lo stesso giornale, di cui è caporedattore il Premio Nobel per la Pace Dmitry Muratov , ha annunciato la sospensione delle pubblicazioni.

la notizia della chiusura pubblicata dai redattori della Novaya Gazeta


La decisione arriva dopo aver ricevuto un nuovo avviso da Roskomnadzor, l’agenzia statale per il controllo sui media, per il contenuto critico degli articoli. “Sospendiamo la pubblicazione del giornale sul sito, nelle reti e sulla carta fino alla fine ‘dell’operazione speciale sul territorio dell’Ucraina’”, hanno scritto i redattori, utilizzando la definizione ufficiale imposta dalle autorità per definire l’invasione del paese.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Il prestigioso magazine americano Forbes celebra i più belli alberghi di lusso del Sud Italia.
Arrivano nuove regole europee contro la disinformazione online ed i contenuti illegali
Ecco la nuova funzione Community di WhatsApp che diventa più social
Il caso Martellotta: il "giornalista...sindacalista" che invoca il reato di opinione. Povero giornalismo!
Crimini e attacchi informatici: poteri dell’Agenzia Cybersicurezza Nazionale e indagini della Magistratura
La giornalista Marina Ovsyannikova: "Ho pensato di licenziarmi fin dal primo giorno di guerra"
Archivi
Guerra Russia-Ucraina. Missione Azovstal conclusa, evacuati 264 soldati e 53 feriti. Zelensky: "Gli eroi ci servono vivi". Dentro la fabbrica sono rimasti dei combattenti
Guerra Russia-Ucraina. Raggiunto accordo per evacuare feriti dall'acciaieria Azovstal. La Svezia come la Finlandia, subito nella Nato
Il presidente della Federtennis, Binaghi attacca il presidente del Coni Malagò: "Voleva danneggiare gli Internazionali"
Guerra Russia-Ucraina. La Finlandia ufficializza la richiesta di entrare nella Nato. L’intelligence Gb: “L’offensiva russa nel Donbass ha perso impeto”
Il giornalista Furio Colombo, persona seria, sospende la collaborazione col "Fatto Quotidiano": "Non voglio essere complice di Orsini".

Cerca nel sito