MENU
6 Ottobre 2022 16:50
6 Ottobre 2022 16:50

L’ex presidente USA Donald Trump è sotto indagine per spionaggio

Pubblicato il mandato di perquisizione della sua residenza in Florida (all'interno dell' articolo il testo originale completo). Gli agenti dell'Fbi hanno sequestrato documenti che potrebbero costituire la prova che Trump ha violato l'Espionage Act.

L’ex presidente americano, Donald Trump, è sotto indagine per potenziali violazioni dell’Espionage Act e di altre leggi relative all’intralcio alla giustizia e alla distruzione dei documenti riservati del governo federale. È quanto emerge dal mandato di perquisizione presentato lunedì dagli agenti dell‘Fbi che hanno perquisito la casa di Trump a Mar-a-Lago.

L’indagine è incentrata sul fatto che quando Trump ha lasciato la Casa Bianca, ha portato con sé delle scatole contenenti documenti. L’Archivio Nazionale ha cercato per mesi di recuperare il materiale, per acquisire ciò che per legge avrebbe dovuto essere conservato negli archivi federali. Quando quest’anno gli archivisti hanno recuperato 15 scatole, hanno scoperto diverse pagine di materiale classificato e hanno segnalato la questione al Dipartimento di Giustizia. In seguito i funzionari si sono convinti che altro materiale classificato fosse rimasto a Mar-a-Lago. Mesi prima che l’FBI entrasse a Mar-a-Lago, Trump aveva ricevuto un mandato di comparizione a cui non avrebbe dato seguito. Secondo il New York Times alcuni dei documenti sequestrati erano così sensibili e legati alla sicurezza nazionale che il Dipartimento di Giustizia ha dovuto agire.

Il mandato di perquisizione firmato dal giudice federale Bruce Reinhart venerdì 5 agosto ma gli agenti dell’Fbi hanno aspettato fino a lunedì per intervenire, si legge. Il giudice, in particolare, ha autorizzato gli agenti del Fbi a perquisire quello che viene chiamato ’45 Office’ e “tutte le altre stanze o aree” a Mar-a-Lago che erano a disposizione dell’ex presidente Trump e del suo staff per conservare scatole e documenti. Nel mandato la residenza di Trump è descritta come una villa con circa 58 camere da letto, 33 bagni, su una tenuta di 17 acri.

In particolare, il mandato di perquisizione della residenza dell’ex presidente pubblicato su ordine del giudice statunitense Bruce Reinhart, ha autorizzato l’Fbi a sequestrare materiali che potrebbero costituire la prova che Trump ha violato l’Espionage Act e le disposizioni sull’intralcio alla giustizia. L’ FBI stava cercando prove sul fatto che la cattiva gestione di documenti riservati da parte di Trump, inclusi alcuni contrassegnati come top secret, costituisse tre tipologie di reato. 

FBI_Trump

Trump, documenti sequestrati da Fbi erano declassificati

I documenti sequestrati nel resort in Florida dell’ex presidente Usa, Donald Trump, “erano tutti declassificati” e dunque non più top secret. Lo ha dichiarato lo stesso Trump in un post pubblicato sulla sua piattaforma social, Truth. “Primo punto – ha scritto Trump – erano tutti declassificati. Secondo, non avevano bisogno (gli agenti dell’Fbi, ndr) di sequestrarli. Potevano averle senza politicizzare e fare irruzione a Mar-a-Lago. I documenti erano in un posto sicuro, con una sicura aggiuntiva messa su loro richiesta“.

Tra i documenti sequestrati ci sarebbero, secondo il dipartimento Giustizia, segreti riferiti alla sicurezza nucleare del Paese e informazioni sulla Francia. Trump, secondo i media americani, rischia di essere incriminato per violazione della legge che regola i casi di spionaggio.  Le ricevute del mandato sono state firmate dall’ex avvocato del presidente Trump Christina Bobb che secondo quanto riferisce la Cnn si è lamentata del fatto che a lei e ad altri avvocati di Trump non è stato permesso assistere alla perquisizione.

Trump ha poi accusato il suo predecessore Barack Obama di aver portato a Chicago 33 milioni di pagine di documenti riservati, ma gli archivi nazionali e registri dell’amministrazione (Nara) hanno smentito Trump, dichiarando di avere l’esclusiva custodia legale e fisica di tutti i documenti della presidenza Obama, come vuole la legge. Circa 30 milioni di pagine di documenti non classificati si trovano a Chicago, mentre tutti i documenti classificati sono a Washington.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

La procura di Potenza dopo Taranto adesso indaga sugli uffici giudiziari di Lecce. Ma quando si indagherà anche sulla procura lucana ?
Perquisizioni delle Fiamme Gialle nelle abitazioni ed uffici della famiglia Matarrese: ipotesi di bancarotta fraudolenta
Il "caso Meloni-Jebreal" e la stampa monnezza
Governo Meloni, il vero totoministri (e non pilotato...)
Arrivano le stangate sulle bollette: quella della luce a ottobre rischia un aumento del 60%, senza interventi del governo del 100%. Quella del gas del 70%
Elezioni 2022. Scontro frontale Conte-Renzi sul reddito di cittadinanza
Archivi
La procura di Potenza dopo Taranto adesso indaga sugli uffici giudiziari di Lecce. Ma quando si indagherà anche sulla procura lucana ?
Stadio della Roma. Beppe Grillo diceva: "Voi consiglieri non valete un ca..."
Perquisizioni delle Fiamme Gialle nelle abitazioni ed uffici della famiglia Matarrese: ipotesi di bancarotta fraudolenta
Operazione del Ros Carabinieri: 15 arresti per droga. Coinvolti anche due agenti della Polizia Penitenziaria ed un ex maresciallo dei Carabinieri
GFVip: una pagina di squallore televisivo che gioca sui sentimenti delle persone

Cerca nel sito