Le tre vite di Massimo Carminati

Le tre vite di Massimo Carminati

Il Nero militante nei gruppi eversivi dell’estrema destra. Il bandito della Magliana autore del colpo al caveau della Banca di Roma. E infine il re del Mondo di mezzo. L’ascesa e la caduta di un criminale che ha attraversato quarant’anni della storia d’Italia. E i suoi misteri

di Carlo Bonini

Si dice che nei numeri sia scritto un destino. Ed è il Tre che accompagna quello di Massimo Carminati. Tre vite. Tre maschere. Tre mondi.  “Di Sopra”. “Di Mezzo”. “Di sotto”. Le terzine della Divina Commedia, Canto XXIV dell’Inferno. Quelle con con cui l’avvocato Giosuè Naso apre l’arringa nell’ultima difesa nel processo “Mafia Capitale“. Le stesse, spese nell’agosto del 1999, di fronte alla Corte di Assise di Perugia. Il collegio che avrebbe assolto Carminati dall’accusa di essere l’esecutore materiale dell’omicidio di Mino Pecorelli, il direttore di Op, foglio di ricatti e veline dell’Italia di Giulio Andreotti, di Gladio, dell’eversione armata, del Paese a sovranità limitata. Un altro secolo per davvero.

Ma chi è dunque e davvero Massimo Carminati? Nel 2012, l’aria che Massimo Carminati respira da uomo liberato dalla sua ultima coda giudiziaria, deve apparirgli luminosa, frizzante. È “un bell’incensurato“, dice. Gli hanno restituito il passaporto. Può viaggiare. E andare a Londra “per incontrare vecchi amici che non vedevo da secoli”. Non ha nemmeno sessant’anni ed è pronto per la sua terza vita. Che è la sintesi sublime delle prime due. Con il vantaggio della maturità, del prestigio del Capo, del disincanto. Che oscilla incessantemente tra cinismo e narcisismo. Che gli consente di guardare dritto negli occhi campioni delle nuove e vecchie mafie, come il boss di Camorra Michele Senese, un altro che la galera, dove pure dovrebbe stare, non sa cosa sia. Il ‘900 è finito e ha divorziato dall’Idea, Massimo Carminati. E anche dall’obbligo di sporcarsi le mani. Perché qualcun altro lo fa per lui.

Ma non ha mollato la strada, né deroga dalle sue regole ferree. Coltiva piuttosto l’ambizione canuta di immaginare una vita diversa per suo figlio, e un reimpiego dei soldi che ragionevolmente nasconde in Inghilterra, investiti nel mattone e garantiti da vecchi camerati che da quel Paese non sono più tornati. Ha soprattutto un patrimonio di relazioni, quello dei “vent’anni”, della sua prima vita, da spendere. Perché i camerati di allora non si sono soltanto fatti vecchi come lui. Hanno camminato e rimontato il vento della Storia. Sono usciti dalle “fogne”. E il purgatorio del post-fascismo è stata tutto sommato una passeggiata. Come indossare le grisaglie del Potere. Le porte del governo del Paese si sono aperte presto, molto prima di quanto potesse immaginare. E ora sono lì, con le leve del comando strette tra le mani. Nelle grandi aziende di Stato, come Finmeccanica. Nel governo della Capitale e del Paese.

Quindi ora tocca a lui. Anche a lui. Che ha un vantaggio. Non potranno negargli una sedia al tavolo imbandito. Perché ha diritto a sfamarsi quanto gli altri. E soprattutto perché lui ha afferrato prima degli altri la regola millenaria che governa le cose degli uomini. Sicuramente quelle di Roma. Dalla notte dei tempi. La parabola dei tre Mondi. Non fosse altro perché di uno di quei mondi, il più importante, è padrone. “Ci stanno i vivi sopra, e i morti sotto. E poi ci siamo noi, che stiamo nel mezzo. Un mondo in cui tutti si incontrano. E tu dici: “Cazzo, com’è possibile che quello… Che un domani io posso stare a cena con Berlusconi…. Capito? Il Mondo di Mezzo è quello dove tutto si incontra… Si incontrano tutti là… Allora, nel Mezzo, anche la persona che è nel sovramondo ha interesse che qualcuno del sottomondo gli faccia delle cose che non può fare nessuno… E tutto si mischia“.

L’assunto ha un corollario.Noi dobbiamo intervenire prima. Non si può fare più come una volta. Che noi arriviamo e facciamo i recuperi. A noi non ci interessa più. Cioè, questi devono essere nostri esecutori… Devono lavorare per noi. Deve essere un rapporto paritario. Dall’amicizia deve nascere un discorso che facciamo affari insieme. Perché tanto, nella strada, comandiamo sempre noi. Non comanderà mai uno come loro sulla strada. Avranno sempre bisogno di me“. È un esito, quello di Massimo Carminati, che suggerisce a Otello Lupacchini, magistrato, giudice istruttore del processo alla Banda della Magliana, considerazioni dotte e insieme fulminanti. Che consegna al suo blog sul Fattoquotidiano.it. Scrive Lupacchini: “Werner Sombart, economista e sociologo, capocorrente della nuova scuola storica tedesca e uno tra i maggiori autori europei del primo quarto del XX secolo nel campo delle scienze sociali, a proposito dei “magnati dei grandi trust americani“, diceva: “Sono filibustieri e calcolatori furbissimi. Signorotti feudali e speculatori insieme“.

Questa definizione può valere, mutatis mutandis, anche per Massimo Carminati. Che con i super imprenditori capitalisti sembra condividere l’abito mentale fondato su uno strano spostamento di posizione dell’uomo. Infatti, l’uomo vivo, con il suo bene e il suo male, con le sue esigenze e i suoi bisogni, è stato respinto dal centro dell’interesse e il suo posto è stato preso da un paio di astrazioni: il guadagno e l’affare (…) Per Massimo Carminati, ogni attività viene ridotta a pura e semplice agenzia di servizi, finalizzata a implementare le reti clientelari che sono la vera fonte dell’arricchimento speculativo”. Dall’Agenzia del Crimine a quella di Servizi. In una coerenza che non ha smarrito per strada la forza dell’intimidazione. Piuttosto l’ha messa a reddito.

*pubblicato dal quotidiano LA REPUBBLICA

Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !

Open chat
1
Vuoi contattare la nostra redazione ?
Ciao, vuoi contattare la nostra redazione ?
La nostra mail è: ilcorrieredelgiorno@gmail.com