MENU
30 Settembre 2022 01:20
30 Settembre 2022 01:20

Le solite promesse da marinaio della politica ai lavoratori

Il ministro Maurizio Lupi, ha convocato per il 18 febbraio alle ore 14 presso la sede del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti,  un incontro con le associazioni di rappresentanza del settore trasporti per confrontarsi  sulle problematiche in essere sui rapporti tra l’Maurizio Lupi e le imprese di autotrasporto.

Lupi ha garantito (verbalmente…) che “Il presidente del Consiglio ed il Governo sono direttamente impegnato in prima persona ” aggiungendo che  ” per la soluzione del caso, e sono certo che, insieme, la troveremo”  rivolgendo un invito agli autotrasportatori per “sospendere le agitazioni previste per lunedì prossimo. Mercoledì potremo verificare lo stato dei lavori della commissione parlamentare sul decreto per l’ ILVA di Taranto e valutare insieme eventuali nuove iniziative in merito“.

Gli autotrasportatori non ripongono molta fiducia nell’ennesima assicurazione (verbale) dei ministri e sottosegretari del Governo Renzi ed hanno concordato unitariamente che da lunedì il numero dei tir a cui sarà consentito il passaggio dalla portineria imprese dello stabilimento di Taranto per rifornire di materie prime l’ILVA, verrà ridotto da 20 a 10 . E così sarà almeno fino a mercoledì.

Giacinto Fallone, uno dei tre portavoce della protesta degli autotrasportatori dell’indotto ILVA , che è un attivitsa politico di Forza Italia a Taranto,  ha dichiarato all’ ANSA che “Siamo insoddisfatti delle risposte che ci sono state date e non sospendiamo l’agitazione. Martedì forse saremo a Roma con i nostri tir e non è escluso che bloccheremo i rifornimenti all’ILVA

Gli autotrasportatori sono stanchi di aspettare dopo otto mesi passati a lavorare senza ricevere alcun pagamento, sono tornati subito dopo la manifestazione di ieri a Roma a presidiare la portineria imprese dello stabilimento ILVA. Da alcuni giorni è stato consentito l’ingresso  per rifornire di materie prime il Siderurgico solo a venti mezzi . I rappresentanti della categoria affermano di non poter attendere la conversione in legge del decreto ILVA e rivendicano il pagamento immediato almeno di una parte dei crediti vantati, che ammontano complessivamente per Taranto a 15 milioni di euro. “Siamo stanchi – dice Fallonedi ricevere promesse mai mantenute. A Taranto servono atti concreti, non prededucibilità che significa altre incertezze, visto che solo in caso di utili saranno tali somme divise a tutte le aziende creditrici”.

Ieri sera nel corso della puntata finale del Festival della canzone di Sanremo, il conduttore Carlo Conti fra una canzone ed un altra ha voluto dedicare qualche parola al grave stato di crisi che stanno vivendo i lavoratori dell’indotto ILVA, da settimane in stato di agitazione, esprimendo loro la sua vicinanza, rivolgendosi dal palco del teatro Ariston di Sanremo al Governo, al quale ha chiesto un impegno concreto per la risoluzione della questione quanto prima.

Anche perchè le promesse del Governo Renzi al momento sembrano solo tante canzonette…

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Il Viminale corregge l'assegnazione dei seggi: alla Camera entra il consigliere regionale De Palma
Il Governo Draghi approva i decreti di attuazione della riforma della giustizia civile e penale
Montecitorio accoglie i nuovi deputati dal 10 ottobre
Vincenti & Sconfitti: ecco chi sono
Tutti gli eletti dei "listini" nei collegi plurinominali alla Camera e Senato in Puglia
Elezioni 2022: successo per Giorgia Meloni, male gli alleati Lega e Fi. Crollo Pd e ripresa del M5s. Cresce il Terzo Polo
Archivi
Confermate le condanne definitive per Buzzi e Carminati che ritornano in carcere 
Licenziata l'ex vice questore "no-green pass" Nunzia Schilirò
L’Opinione del Direttore
Il Viminale corregge l'assegnazione dei seggi: alla Camera entra il consigliere regionale De Palma
"Monnezzopoli". L'imbarazzante silenzio della Gazzetta del Mezzogiorno sui processi del proprio co-editore Antonio Albanese imprenditore dei rifiuti

Cerca nel sito