MENU
18 Luglio 2024 23:20
18 Luglio 2024 23:20

L’Antitrust multa FCA-Fiat , Nissan e Toyota. “Pratiche commerciali scorrette”.

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha comminato multe per complessivi 650mila euro alle tre case automobilistiche per pratiche commerciali scorrette, ai sensi del Codice del Consumo.

di Marco Ginanneschi

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Schermata 2016-05-09 alle 21.02.42non scherza e rifila ai sensi del Codice del Consumo multe per complessivi 650mila euro a FCA, Toyota e Nissan . La motivazione  è pesante: “pratiche commerciali scorrette“. Del dettaglio la FCA (ex-Fiat)  ha ricevuto la sanzione più pesante, di 300 mila euro, Toyota di 200mila e Nissan di150mila.

Secondo l’Antitrust le società sono state sanzionate praticamente per aver fornito  le informazioni sul costo finale delle macchine “in modo lacunoso e ambiguo” soprattutto nelle martellanti campagne pubblicitarie per le varie versioni di Panda, Punto, 500, Qubo, Doblò, nel caso di Fiat, Aygo e Yaris Hybrid Cool, nel caso di Toyota; e i modelli  Juke, Micra, Note e X-Trail, nel caso di Nissan. Soprattutto le modalità di pagamento e di calcolo del prezzo non corrispondevano alla realtà.

L’Antitrust ha contestato precisamente che FCA Italy, Nissan e Toyota abbiano omesso di precisare che il costo dei modelli in promozione fosse riservato solo a chi avesse deciso di fruire di un contratto di finanziamento rateale. L’importo pubblicizzato dalle tre case automobilistiche è stato quindi ritenuto non corretto per chi volesse acquistare l’autovettura con  diverse modalità dal finanziamento rateale, e tantomeno per chi volesse fruire del pagamento rateale: in questo caso, il prezzo avrebbe dovuto essere necessariamente incrementato del costo del finanziamento, circostanza che non era adeguatamente e dovutamente precisata nei messaggi pubblicitari diffusi dalle tre case automobilistiche.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Antitrust avvia istruttoria su società dei gruppi Armani e Dior
Le "furbate" degli editori della Gazzetta del Mezzogiorno finiscono in Parlamento e sotto i riflettori delle Fiamme Gialle
A Bari l’evento "La Ripartenza, liberi di pensare" ideato dal giornalista Nicola Porro
Ok da Commissione Ue a prestito ponte da 320 milioni per Acciaierie d' Italia (ex Ilva)
Accordo da 450 milioni di euro tra BEI e Poste Italiane per promuovere digitalizzazione, automazione dei servizi e efficienza energetica
Il pugliese Giuseppe Inchingolo è il nuovo chief communication officer e chief Corporate affairs del gruppo Ferrovie dello Stato
Cerca
Archivi
Ospedale Covid alla Fiera del Levante: 10 indagati per corruzione, falso ideologico e peculato
Francesco Curcio è il nuovo procuratore capo della Procura di Catania
La DIA di Milano arresta 2 imprenditori contigui ad un "clan" di Cosa Nostra. Sequestri per 5 milioni di euro
Lucia Morselli accusata di associazione per delinquere dalla Procura di Taranto
Antitrust avvia istruttoria su società dei gruppi Armani e Dior

Cerca nel sito