MENU
3 Febbraio 2023 05:43
3 Febbraio 2023 05:43

L’Antitrust multa FCA-Fiat , Nissan e Toyota. “Pratiche commerciali scorrette”.

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha comminato multe per complessivi 650mila euro alle tre case automobilistiche per pratiche commerciali scorrette, ai sensi del Codice del Consumo.

di Marco Ginanneschi

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Schermata 2016-05-09 alle 21.02.42non scherza e rifila ai sensi del Codice del Consumo multe per complessivi 650mila euro a FCA, Toyota e Nissan . La motivazione  è pesante: “pratiche commerciali scorrette“. Del dettaglio la FCA (ex-Fiat)  ha ricevuto la sanzione più pesante, di 300 mila euro, Toyota di 200mila e Nissan di150mila.

Secondo l’Antitrust le società sono state sanzionate praticamente per aver fornito  le informazioni sul costo finale delle macchine “in modo lacunoso e ambiguo” soprattutto nelle martellanti campagne pubblicitarie per le varie versioni di Panda, Punto, 500, Qubo, Doblò, nel caso di Fiat, Aygo e Yaris Hybrid Cool, nel caso di Toyota; e i modelli  Juke, Micra, Note e X-Trail, nel caso di Nissan. Soprattutto le modalità di pagamento e di calcolo del prezzo non corrispondevano alla realtà.

L’Antitrust ha contestato precisamente che FCA Italy, Nissan e Toyota abbiano omesso di precisare che il costo dei modelli in promozione fosse riservato solo a chi avesse deciso di fruire di un contratto di finanziamento rateale. L’importo pubblicizzato dalle tre case automobilistiche è stato quindi ritenuto non corretto per chi volesse acquistare l’autovettura con  diverse modalità dal finanziamento rateale, e tantomeno per chi volesse fruire del pagamento rateale: in questo caso, il prezzo avrebbe dovuto essere necessariamente incrementato del costo del finanziamento, circostanza che non era adeguatamente e dovutamente precisata nei messaggi pubblicitari diffusi dalle tre case automobilistiche.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Polizia di Stato e Eni rinnovano l’accordo sulla prevenzione e il contrasto dei crimini informatici
Guardia di Finanza: a gennaio 989 violazioni riscontrate su 2.500 controlli ai benzinai
Poste Italiane: con Polis nasce la "Casa dei servizi digitali" in 7.000 uffici postali
Poste Italiane si conferma leader globale nella lotta al cambiamento climatico
Acciaierie d' Italia, Falck, Renewables e BlueFloat Energy: siglato accordo sulle rinnovabili
Ex-Ilva: Presidente Toti (Regione Liguria): "Alle istituzioni interessa occupazione, non guerra tra acciaio e logistica"
Archivi
Ecco chi è Alfredo Cospito(dagli attentati al 41 bis) difeso dal PD ed i suoi alleati
Il guardasigilli Nordio smentisce la sinistra: “Donzelli non ha svelato atti segreti o classificati”
Arrestato in Francia il latitante della ’Ndrangheta Edgardo Greco ricercato da 17 anni
Arriva in aula il processo Mark Caltagirone: imputate le due agenti della showgirl Pamela Prati
Perquisito l’ufficio anagrafe del Comune ad Alcamo, caccia ai complici di Messina Denaro

Cerca nel sito