MENU
16 Giugno 2024 08:50
16 Giugno 2024 08:50

Ladri nella casa di Matteo Salvini a Roma: l’allarme dai vicini

Ladri nella casa di Salvini a Roma nel quartiere di Vigna Clara. L'allarme è stato dato dai vicini che hanno sentito rumori. Sulla vicenda indaga la polizia

Poco dopo la mezzanotte di ieri dei ladri sono entrati nella residenza romana del vice premier e ministro dei Trasporti Matteo Salvini a Vigna Clara, quando in casa non c’era nessuno.  Il vicepremier infatti ieri era a Imola per il Gran Premio e oggi a Bologna per l’evento “L’Italia dei Sì 2023-2032. Progetti e grandi opere in Italia“. Non è ancora chiaro se i malviventi siano fuggiti portandosi via un bottino di qualche genere. L’appartamento è stato messo a soqquadro, ed i ladri avrebbero anche tentato di scassinare una cassaforte, senza però riuscirci. Sul caso indagano gli investigatori della Squadra mobile della questura di Roma insieme con la Digos.

A dare l’allarme è stato un vicino che ha sentito rumori sospetti provenire dal giardino al pianterreno di un palazzo in via del Nuoto nel quartiere residenziale di Vigna Clara. A quel punto è arrivata la telefonata al 112. Sul posto sono intervenute alcune volanti della Polizia di Stato e le autoradio del commissariato “Ponte Milvio” ma all’arrivo degli agenti i ladri erano già andati via. Sulla base di una prima ricostruzione dei fatti il gruppo di ladri riuscito a raggiungere il giardino interno e ha quindi alzato la serranda della finestra del salone, dietro alla quale c’era una grata in ferro. Bisognerà però capire se hanno rubato altri oggetti di valore custoditi in casa del vicepremier, che è subito rientrato a Roma non appena è stato informato dell’accaduto.

Al momento non è ancora chiaro se la grata sia stata forzata, anche perchè i ladri in seguito sono entrati da una porta finestra accedendo all’appartamento del vice premier. Resta da accertare se abbiamo portato via qualcosa. Una dinamica del furto è molto simile a quella di altre furti notturne che in queste ultime settimane hanno subìto un’escalation nella Capitale. Nella stessa zona due estati fa dei ladri cercarono di entrare nell’ abitazione del nostro direttore, dotato di grate di alta sicurezza e di un sofisticato sistema di video-sorveglianza, che consentì ai Carabinieri allertati dal direttore di intervenire sul posto in pochi minuti, ma in quel caso i ladri non sono riusciti ad entrare nella sua abitazione si erano dileguati.

| © CDG1947MEDIAGROUP – RIPRODUZIONE RISERVATA |

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Il video del presunto stupro di gruppo nella villa di Beppe Grillo proiettato in aula. "La studentessa non era partecipe del rapporto"
Prostituzione a Bari, a giudizio immediato le “Squad girls” e altre tre persone
Ndrangheta e politica a Reggio Calabria: operazione del ROS e della Dda.
Traffico di droga tra le province di Bari e Bat: 29 arrestati dalla Guardia di Finanza
Maxi furto da Bulgari a Roma: per la “banda del buco” bottino da 500mila euro
False accuse di stalking al calciatore Lorenzo Pellegrini, indagato anche Fabrizio Corona
Cerca
Archivi
G7, Meloni incassa "successo" e ora punta Europea: "Italia abbia ruolo che le spetta"
Clima estivo nel weekend con qualche temporale al nord
Il Papa: "Nessuna macchina tolga la vita umana". La premier Meloni: "Le sue parole sono d'ispirazione per tutti"
Sguardi gelidi e il baciamano fra Macron e la Meloni : lo smacco francese senza precedenti
Il video del presunto stupro di gruppo nella villa di Beppe Grillo proiettato in aula. "La studentessa non era partecipe del rapporto"

Cerca nel sito