MENU
16 Aprile 2024 00:17
16 Aprile 2024 00:17

Il Taranto delude e si salva in “zona Cesarini” vincendo all’ultimo minuto

Nelle orecchie del trio Campitiello-Montervino-Favo, dovrebbero riecheggiare (e far riflettere) i sonori fischi dei tifosi tarantini che hanno accompagnato alla fine del 1° tempo i rossoblù al rientro negli spogliatoi. La città ed i tifosi hanno così risposto all’appello della società, dopo il volantino di minaccia distribuito in occasione della scorsa partita giocata dal Taranto allo “Iacovone“. A nulla di fatto è servita la riduzione di prezzo applicata per le donne, ragazzi e over 65 ed infatti nonostante la splendida giornata di sole,  oltre agli abbonati,  allo stadio si sono presentati soltanto 850 tifosi. Un segnale forte e chiaro di una cittadinanza stanca di marcire in serie “D” e di farsi illudere stagione dopo stagione dal presidente di turno

Il Taranto che non vince, in campo contro la modesta Arzanese, penultima in classifica è chiaro che non attira gli appassionati del calcio . La squadra campana ha dimostrato sul campo rischiando la vittoria sino all’ 88′ di giocare senza alcun timore reverenziali ed infatti va anche vicina alla rete in almeno tre situazioni  nel primo tempo . La squadra allenata da Favo, non ha convinto, non avendo un gioco da imporre sull’avversario e qualche giocatore sia troppo innamorato del pallone, e gioca senza mai  alzare la testa per vedere i compagni smarcati e servirli. L’assenza precauzionale di Genchi  in campo si avverte in attacco, nonostante  Gabrielloni abbia giocato l’ ennesima buona prestazione.  A parte  una punizione calciata fuori da Ciarcià , il Taranto non ha pressochè mai effettuato tiri nello specchio della porta mentre l’ Arzanese nel finale ha sfiorato la realizzazione di due gol con dei tiri  di Barone e Savarise finiti entrambi alti di poco sulla traversa.

Con l’ingresso di Genchi in campo si è visto un Taranto più manovriero ed arrembante passando al 4-4-2 con Gabrielloni e Genchi riferimenti in attacco,  ma manca una qualsiasi forma di gioco organizzato, gli schemi inesistenti . L’Arzanese  ne approfitta ed  in contropiede, con un’azione solitaria di Savarise   si porta in vantaggio alla metà del secondo tempo, approfittando di un’ incomprensione tra Colantoni ed Ibojo e infila la porta rossoblu con un potente tiro su cui Mirarco nulla può fare se non raccogliere il pallone da dentro la rete.  Un gol che è la giusta punizione per quanto si sia visto sul terreno di gioco  in campo con il Taranto imbarazzante persino contro gli avversari campani, tecnicamente molto inferiori, ma che hanno sempre giocato con grinta pur avendo dei grossi limiti di realizzazione. Un’altra squadra leggermente più forte, ieri avrebbe violato senza alcun problema lo “Iacovone”.  A due minuti dalla fine è arrivato il miracolo con il pareggio dell’ottimo  Gabrielloni  molto abile nello smarcarsi in un’area affollata  e spedire in rete il pallone del pareggio.  Miracolo replicato a partita finita da Oretti,  il quale entrato da poco svetta di testa su un corner battuto egregiamente da Marsili, e realizza il gol del vantaggio-miracolo.

Grazie a queste due prodezze-miracoli ,  il Taranto si è salvato una accesa contestazione se avesse perso e dalla sconfitta proprio alla vigilia del match di domenica prossima contro la capolista Andria.  Immancabile il solito ridicolo ritornello nelle interviste dell’allenatore rossoblù Favo “siamo squadra da ultimi minuti e poi siamo ancora imbattuti,” la realtà è che si segna con difficoltà e si perdono troppe facili occasioni. Qualcuno spieghi a Favo che sta allenando il Taranto. davanti ad un pubblico ben abituato a ben altri livelli.

 

 

Schermata 2014-11-10 alle 00.16.53

 

TARANTO (4-3-2-1 ) : Mirarco, Colantoni , Pambianchi, Ibojo, Porcino; Russo (37° s.t. Carbone), Ciarcià (22° s.t. Oretti) , Marsili ; Mignogna (13° s.t. Genchi) Pia ; Gabrielloni In panchina : Pizzaleo, Tarallo, Prosperi, Conti, Fonzino, Carbone, Oretti, Genchi, Cimino All. Favo

ARZANESE (4-5-1 ) :Vigliotti, Savarise,Baratto, Pellini,Criscito;Tarascio, Giacinti, Gatta, Barone (19° s.t. Elefante), Esposito, Longobardi(41° s.t. Figliula) In panchina : Della Gatta,Montagna, Cavalier, Castaldo, Navas, Ottaviano, Elefante, Carginale, Figliulia All .Matrisciano

Arbitro : Nicoletti di Catanzaro

Marcatori : 28° s.t. Savarise (Arzanese) – 43° s.t. Gabrielloni(Taranto) – 46° s.t. Oretti (Taranto)

Ammoniti : Barone (Arz) – Ibojo (Ta) – Pia(Ta) – Vigliotti (Arz) – Elefante (Arz) Espulso Elefante (Arz)

Angoli : Taranto 9 Arzanese 2

Spettatori circa  2.000 (1149 abbonati)

Schermata 2014-11-10 alle 10.57.37

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Giochi del Mediterraneo 2026: semaforo verde di Emiliano al governo
Sinner-Dimitrov: 6-3, 6-1 il risultato della finale del Masters 1000 di Miami. E' numero 2 al momdo
F1. Doppietta Ferrari nel Gp Australia, Sainz trionfa e Leclerc secondo
Giochi del Mediterraneo 2026. Un nuovo stadio Iacovone all'inglese, progettato dalla società "Sport e Salute"
La Procura di Madrid chiede 4 anni e 9 mesi per mister Carlo Ancelotti
Il calciatore Dani Alves condannato a 4 anni e mezzo per stupro
Cerca
Archivi
La Procura europea indaga D'Adamo assessore al bilancio del Comune di Bari per "truffa allo Stato". Il sindaco Decaro gli revoca l'incarico
Par condicio, abolire la commissione di vigilanza ?
Conte il "furbetto": finge di uscire per rientrare ottenendo più poltrone per il M5s in Puglia
Netanyahu annulla la ritorsione immediata su richiesta di Biden
E' morto a 83 anni lo stilista Roberto Cavalli

Cerca nel sito