MENU
24 Giugno 2024 13:07
24 Giugno 2024 13:07

Il Presidente della Repubblica del Congo Denis Sassou Nguesso incontra l’Ad di Eni Claudio Descalzi

In primo piano i progressi nella valorizzazione e commercializzazione delle risorse di gas nel Paese che, tramite l’utilizzo di impianti galleggianti LNG, consentiranno di esportare circa 1 miliardo di metri cubi di gas nell’inverno 2023-2024 e fino a 4.5 miliardi all’anno a partire dall’inverno 2024-2025. 

Il Presidente della Repubblica del Congo, Denis Sassou Nguesso, ha incontrato oggi a Brazzaville l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, per discutere delle principali attività di business nel Paese e di altre iniziative innovative, in linea con l’impegno dell’azienda per la just transition. All’incontro ha partecipato anche il Ministro degli Idrocarburi, Bruno Jean Richard Itoua

In primo piano i progressi nella valorizzazione e commercializzazione delle risorse di gas nel Paese che, tramite l’utilizzo di impianti galleggianti LNG, consentiranno di esportare circa 1 miliardo di metri cubi di gas nell’inverno 2023-2024 e fino a 4.5 miliardi all’anno a partire dall’inverno 2024-2025. 

Il Presidente e l’AD di ENI si sono focalizzati poi sulle iniziative di agri-feedstock avviate in Congo, che prevedono la coltivazione di ricino e altre oleaginose su terreni abbandonati e degradati, non in competizione con la filiera alimentare, per la produzione di olii vegetali da utilizzare nella bioraffinazione. L’avvio del primo agri-hub per la produzione di olio vegetale è previsto nel 2023, con una capacità di 30.000 tonnellate/anno, in aumento a 170.000 tonnellate/anno nel 2026 fino a raggiungere 200.000 tonnellate/anno nel 2030, con rilevanti sviluppi economici e sociali per le comunità rurali. Tra gli impatti attesi già nel 2023, la generazione di reddito per più di 5.000 famiglie, che saliranno a 90.000 nel 2026 e 100.000 entro il 2030.  

In corso anche studi per implementare progetti di Natural Climate Solutions in ambito forestale, in sinergia con le iniziative di agri-feedstock, che consentono di generare crediti di carbonio e positivi impatti sociali ed economici per le comunità locali promuovendo allo stesso tempo la conservazione della biodiversità.

Le parti, inoltre, hanno fatto il punto sul prossimo progetto di distribuzione di fornelli migliorati, che permetterà di sostituire i tradizionali dispositivi a biomasse, riducendo in maniera significativa l’impatto sul patrimonio forestale e consentendo la generazione di crediti di carbonio. Le imprese locali verranno coinvolte nell’assemblaggio dei fornelli ad alta efficienza, promuovendo l’imprenditoria locale e assicurando lo sviluppo economico.

Infine, è stato fatto il punto sui principali progetti avviati per contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile della Nazioni Unite, tra cui il Progetto Integrato Hinda, che garantisce accesso all’acqua, alle cure mediche e all’educazione a circa 25.000 beneficiari. È previsto inoltre l’avvio di un nuovo progetto per assicurare supporto agli istituti tecnici e professionali nei Dipartimenti di Pointe Noire e Plateau per migliorare la formazione, con l’obiettivo di promuovere la creazione di posti di lavoro per i giovani.

Eni è presente in Congo da oltre 50 anni. Ad oggi è l’unica società impegnata nello sviluppo delle ingenti risorse di gas della Repubblica del Congo, e fornisce gas alla Centrale Elettrica del Congo (CEC), che garantisce il 70% della produzione di energia elettrica del Paese.  

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Italia maglia nera in Europa per evasione Iva
In Italia il mare più pulito d'Europa. Ecco le regioni migliori: il primato della Puglia
“Edufintour”: con Poste Italiane l'educazione finanziaria fa il giro d' Italia
Imu, ecco per chi sarà più caro il conto finale
Le "fake news" di Briatore. Dichiara che il Twiga paga 3 milioni di tasse ed invece sono 165mila euro! I dipendenti? Solo 53 e non 150
L' "indiana" Morselli ed il "fido" Ponzio dopo i loro disastri nell' ex-Ilva pretendono anche 8milioni di euro !
Cerca
Archivi
Emiliano: Medimex torna a Taranto a giugno 2025
Il delirio dell’eurodeputata Ilaria Salis che definisce "diritto" un reato previsto dalla Legge italiana
L'impegno delle Fiamme Gialle contro la criminalità per tutelare cittadini ed imprese
La Nazionale femminile di pallavolo vince la Nations League per la seconda volta
Da Bari a Firenze ballottaggio in 101 comuni: cala l'affluenza rispetto al primo turno

Cerca nel sito