MENU
8 Febbraio 2023 15:34
8 Febbraio 2023 15:34

Il Guardasigilli Nordio dispone l’ispezione sui pm della Procura di Firenze: “Accertamenti rigorosi”

L’ex premier Matteo Renzi ha chiesto al ministro di Giustizia di verificare l’operato dei pm fiorentini sul caso Open

Rispondendo ad un “question time” al Senato su interrogazione di Matteo Renzi, il ministro della Giustizia Carlo Nordio, ha anticipato che il dicastero di via Arenula invierà ispettori negli uffici della procura di Firenze per un “rigoroso, e sottolineo rigoroso, accertamento” sulla condotta dei pm fiorentini titolari dell’inchiesta Open. Obiettivo quello di accertare eventuali irregolarità commesse dai magistrati che da oltre due anni indagano per “finanziamento illecito ai partiti” sulla fondazione Open (che non è un partito) nata per sostenere l’attività politica dell’ex premier. Ma non solo. Verificare anche sulla eventualità che alcuni documenti acquisiti nel corso delle indagini, di cui la Corte Cassazione aveva disposto la restituzione, invece siano finiti sul tavolo del Copasir, il comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica. 

È stato proprio Matteo Renzi, ieri in Aula al Senato rivolgendosi al Guardasigilli a sollevare il caso denunciando quello che ritiene un “atto eversivo, o anarchico, oppure una cialtronaggine” effettuato dai pubblici ministeri della Procura di Firenze che hanno iscritto sul registro degli indagati anche lo stesso leader di Italia viva insieme ad altri.

Renzi prendendo la parola a Palazzo Madama ha affermato che “I processi si fanno nelle aule giudiziarie“. mentre per quanto riguarda il question time “l’interrogazione riguarda un punto specifico: c’è una sentenza della Cassazione che ha annullato senza rinvio un sequestro fatto nei confronti di Marco Carrai, uno degli indagati, disponendo la restituzione all’indagato del materiale“, tra cui file, messaggi e documenti estrapolati da pc e telefonini. “Invece – ha aggiunto il senatore Renziil pm ha scelto di mandare il materiale al Copasir“, il comitato parlamentare che controlla i servizi segreti.

Documenti che, ha ribadito Renzi, era stata la stessa Cassazione a definire “non trattenibili“: “Le chiedo – ha detto l’ex premier rivolgendosi a Nordiose lei sia a conoscenza dei fatti e che provvedimenti intenda prendere. Per noi quello dei pm o è un comportamento eversivo, o anarchico oppure è un atto di cialtronaggine. Quest’ultima la escludo, sulle altre due aspetto la sua risposta“. 

La replica del ministro è stata chiara e rapida ed è sulla stessa linea giuridica auspicata dal leader di Italia Viva: “I fatti enunciati nell’interrogazione saranno oggetto di immediato e rigoroso, e sottolineo rigoroso, accertamento conoscitivo attraverso l’Ispettorato generale“, ha assicurato Nordio. “Successivamente, questo dicastero procederà ad una approfondita – e sottolineo approfondita – valutazione di tutti gli elementi acquisiti, al fine di assumere le necessarie iniziative. L’indagine conoscitiva – ha conclude il ministro di Giustizia – avrà assoluta priorità nell’attività ispettiva. Le determinazioni che ne deriveranno saranno adottate con la consequenziale rapidità“. Quindi per il momento gli ispettori in procura a Firenze, e dopo si valuteranno le condotta dei pm. 

Matteo Renzi si è detto “Molto soddisfatto della rispostaaggiungendo “Nordio fa parte di un governo che non appoggiamo, ma che ha una riconosciuta autorevolezza” evidenziando che alla Giustizia “siamo passati da un promettente dj (chiaro il riferimento all’ex guardasigilli grillino, Alfonso Bonafedenda) a un autorevole magistrato. Meglio anche di Andrea Orlando” quest’ultimo guardasigilli nel governo Renzi. 

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Il "caso Donzelli" divide gli elettori. Sondaggio: due italiani su tre difendono il 41 bis
La lettera del premier Meloni al Corriere della Sera sul caso Cospito
Qatargate. L'eurodeputata Eva Kaili si sente tradita da Francesco Giorgi continua a dichiararsi innocente
La relazione riservata mandata a Nordio. Cospito: "La sinistra mi tratta come una macchietta"
M5S o il partito di Conte ? Buona la seconda. Addio Movimento ed addio multe sul cambio di casacca
Ecco chi è Alfredo Cospito(dagli attentati al 41 bis) difeso dal PD ed i suoi alleati
Archivi
Arrestato Tumbarello, il medico di Messina Denaro. Il gip: “Il medico massone ha firmato 137 ricette per il latitante”
Sanremo 2023, anche il presidente della Repubblica Mattarella stasera sarà in prima fila
Continuano le "furbate" di Arcelor Mittal sull'acciaio italiano. E nessuno dice niente!
Pubblicava sui social minacce di morte ed insulti al premier Meloni: scoperto e denunciato dalla Polizia di Stato
Il "caso Donzelli" divide gli elettori. Sondaggio: due italiani su tre difendono il 41 bis

Cerca nel sito