MENU
2 Febbraio 2023 21:58
2 Febbraio 2023 21:58

Il cordoglio del Sindaco di Bari Decaro per la scomparsa di Luigi Farace

Aveva 84 anni. Il ricordo del sindaco Antonio Decaro: "Ha amministrato la città in anni difficili, dal 1978 al 1981, e intuì come la vocazione mercantile della città dovesse essere valorizzata". La camera ardente allestita nella sala consiliare del Comune di Bari a Palazzo di Città

BARI – “Luigi Farace, protagonista della vita politica e istituzionale della nostra Città, ci ha lasciato – ha commentato il sindaco di Bari Antonio Decaro -. È stato sindaco di Bari, dal 1978 al 1981, negli anni difficili in cui la politica era contrapposizione ideologica e la contestazione scadeva spesso nella violenza di piazza. Esponente della Democrazia Cristiana ha ricoperto l’incarico di parlamentare in più legislature ed è stato componente del I Governo Amato, con il ruolo di sottosegretario con la delega al Commercio. Uomo del fare ed esponente del tessuto imprenditoriale barese Luigi Farace intuì come la vocazione mercantile della città dovesse essere valorizzata con strutture di supporto al passo con i tempi”.

“Infatti fu sua l’idea di creare una grande piattaforma logistica – ricorda De Caro  –  al servizio delle produzioni agro alimentari dell’area metropolitana barese“. “Al figlio Pantaleone e alla moglie Olimpia – conclude il Sindaco – giungano le espressioni di cordoglio mie personali e della intera comunità barese“.

Luigi Farace é stato sindaco e più volte presidente della Camera di Commercio del capoluogo pugliese. Protagonista della vita politica ed economica della città, anche da imprenditore alberghiero, Farace era malato da qualche tempo . Reso popolare e ricordato  grazie anche al suo slogan politico “Far fare Farace”, è stato artefice di radicali cambiamenti del capoluogo pugliese sin dal momento in cui diventò Sindaco  di Bari nel 1981, dopo essere stato presidente della Federazione Provinciale del Commercio di Bari, e vice presidente Nazionale di Confcommercio, incarichi conservati per anni prima di passare alla guida dell’ Ente camerale,  diventando un politico di peso  della Dc barese, impegno che lo portò all’elezione in Parlamento avvenuta nelle legislature del 1986 e del 1990.

La camera ardente è stata allestita nella sala del Consiglio comunale a Palazzo di Città a partire dalle 13 di sabato 1 dicembre fino alle 15 di lunedì 3 dicembre. I funerali si terranno lunedì alle 16.30 nella chiesa di San Ferdinando, a Bari.

 

 

 

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Il Consiglio Nazionale Forense annulla la decisione della Commissione Elettorale dell' Ordine degli Avvocati di Taranto. I candidati ( 3 dei quali eletti) non andavano esclusi
Politiche industriali europee. Per il ministro Urso: “Italia in prima linea”
Intercettazioni, inchieste antimafia, indagini sulla magistratura: parla il procuratore di Potenza Francesco Curcio
Regione Basilicata al primo posto in Italia per numero dei progetti Pnrrr in rapporto ai Comuni
Imputati assolti, raddoppiato il fondo rimborso spese legali
Ita Airways, il Mef firma con Lufthansa la lettera di intenti
Archivi
Arrestato in Francia il latitante della ’Ndrangheta Edgardo Greco ricercato da 17 anni
Arriva in aula il processo Mark Caltagirone: imputate le due agenti della showgirl Pamela Prati
Perquisito l’ufficio anagrafe del Comune ad Alcamo, caccia ai complici di Messina Denaro
Operazione della Procura della Repubblica di Reggio Calabria e della Polizia di Stato
L’Opinione del Direttore

Cerca nel sito