MENU
1 Marzo 2024 19:36
1 Marzo 2024 19:36

I RIS dei Carabinieri confermano: a sparare fu Massimiliano Salamnina

Eseguita ordinanza di custodia cautelare in carcere per detenzione e porto di arma clandestina, nonché minacce ed esplosione di colpi d’arma in luogo pubblico

I Carabinieri del Reparto Operativo della Compagnia di Taranto hanno eseguito ieri  mattina un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Massimiliano Salamina, un pluripregiudicato 45enne tarantino, con l’accusa di detenzione e porto di pistola con matricola abrasa e per avere sparato a scopo intimidatorio colpi d’arma da fuoco .

I fatti. Nel luglio del 2012  vennero sparati alcuni colpi d’arma da fuoco all’indirizzo di una saracinesca di un’attività commerciale ubicata in Corso Piemonte a Taranto. Gli spari  esplosi in piena notte, conseguirono l’immediato intervento sul posto delle forze di polizia, le quali a seguito di un accurato sopralluogo trovarono le ogive conficcate all’interno delle mura del locale ed i bossoli lasciati per strada.

Massimiliano Salamina
Massimiliano Salamina

Il 31 agosto 2012, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Taranto arrestarono  quindi il  Salamina per aver violato gli obblighi relativi alla sorveglianza speciale a cui era sottoposto in quel periodo. Venne eseguita contestualmente un’accurata perquisizione all’interno dell’ abitazione del pregiudicato, e scoperti all’interno del vano caldaia del suo condominio una pistola cal.9 (arma peraltro in dotazione esclusiva alle forze di polizia) con le relative munizioni, riposte all’interno di un marsupio che conteneva un paio di guanti e un passamontagna.

Il tutto venne sequestrato ed inviato al RIS di Roma, al fine di poter individuare ed acquisire  degli elementi che potessero ricondurne il possesso,  collegato indiziariamente proprio al Salamina. All’interno del passamontagna rinvenuto sono stati campionati e analizzati dai Ris alcuni capelli, perfettamente riconducibili al DNA di Salamina, ed infatti anche l’esame balistico effettuato associava senza ombra di dubbio l’arma sequestrata ai bossoli rinvenuti nel luglio del 2012.

Gli elementi raccolti dalla minuziosa indagine collegati a un’intensa attività info-investigativa dei Carabinieri del NOR, su richiesta del PM, dott. Enrico Bruschi, hanno consentito ed indotto il GIP del Tribunale di Taranto, dott. Pompeo Carriere, di emettere l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Massimiliano Salamina.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Truffa con i servizi di telefonia di Tim, sequestrati 320 milioni di euro
Nuova condanna per Fabrizio Corona: diffamò Wanda Nara ed un calciatore dell'Inter.
Trani, evadono due detenuti: uno bloccato a Barletta
Il Tribunale di Milano rigetta il ricorso di Acciaierie d' Italia: semaforo verde all' amministrazione straordinaria
Confisca da 400 milioni di euro per Antonio Ricci: gestiva da Malta un impero nelle scommesse che arrivava in Calabria e Sicilia
Sarà la Procura di Milano ad indagare sul Pandoro-gate. Chiara Ferragni accusata di truffa aggravata
Cerca
Archivi
Il Tribunale di Milano dichiara l'insolvenza per Acciaierie d'Italia: si sbloccano 320 milioni
Giochi del Mediterraneo, legittima la nomina del commissario Ferrarese ma sulle opere necessaria l'intesa con la Regione Puglia
Poste Italiane: Giuseppe Lasco nominato direttore generale
A Torino, antagonisti assaltano volante della Polizia di Stato. La premier Meloni: "Pericoloso togliere sostegno alla Polizia"
Regionali, il centrodestra ricandida i governatori uscenti

Cerca nel sito