Guardia di Finanza. Evasione fiscale a Taranto: sequestrati beni per oltre 3 milioni di euro

Guardia di Finanza. Evasione fiscale a Taranto: sequestrati beni per oltre 3 milioni di euro

E’ stato accertato dalla Guardia di Finanza che le società in questione  hanno emesso fatture false, per un ammontare complessivo di 10 milioni di euro, in favore di altre società realmente operative e rientranti nella sfera di gestione dei suindicati imprenditori, consentendo loro quindi di realizzare una considerevole evasione d’imposta mediante la dichiarazione di costi fittizi. ALL’INTERNO TUTTI I NOMI

ROMA – I Finanzieri del “Gruppo” del Comando Provinciale di Taranto, guidati dal T.Col.Giuseppe Maniglio  hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo “per equivalente” di beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie per un ammontare complessivo di 3 milioni 200 mila euro nei confronti di sei persone, Antonio Minervini nato nel 1957 a Nola (NA) e residente a Taranto , Vincenzo Bitetti nato in Germania nel 1972 e residente in provincia di Treviso , Anna Maria Magli nata nel 1978 a Martina Franca e residente a Palagiano (TA)  , Pasquale Di Napoli nato nel 1975 a Mottola e residente a Palagiano (TA) ,  Raffaella Scialpi nata nel 1973 a Taranto e residente a Talsano-Taranto , Annunziata D’Acunto nata nel 1956 a Taranto ove è residente a Lama, amministratori delle società D&C COSTRUZIONI  srl , ditta individuale La Fenice di Vincenzo Bitetti, TECNOSIT srl, IMM srl,  SIT IMPIANTI SUD srl, CONSORZIO METAL TEC, DM MONTAGGI srl operanti nel settore delle costruzioni, dell’impiantistica e della fabbricazione di strutture metalliche, aventi sede a Taranto e Massafra.

ORDINANZA SEQUESTRO GIP TA

Il provvedimento cautelare, emesso dalla dott.ssa Anna De Simone  G.I.P. del Tribunale di Taranto , su proposta della Procura della Repubblica  scaturisce da un’attività investigativa nell’ambito della quale è stata scoperta un’organizzazione facente capo a tre imprenditori, i quali avevano costituito diverse società, di cui avevano direttamente o indirettamente la gestione (tramite familiari, prestanomi o ex dipendenti), risultate prive di sede operativa, di attrezzature e di personale.

E’ stato accertato dalla Guardia di Finanza che le società in questione  hanno emesso fatture false, per un ammontare complessivo di 10 milioni di euro, in favore di altre società realmente operative e rientranti nella sfera di gestione dei suindicati imprenditori, consentendo loro quindi di realizzare una considerevole evasione d’imposta mediante la dichiarazione di costi fittizi.

Procura TA decreto sequestro

Nel particolare, nel corso delle indagini, è emerso che talune fatture false sono state emesse per prestazioni avvenute nel medesimo arco temporale in cantieri dislocati su tutto il territorio nazionale, in assenza di personale dipendente idoneo all’esecuzione delle stesse per numero e per qualifiche; inoltre è stata rilevata l’assenza di documentazione attestante il sostenimento di spese di trasferta da parte del personale (vitto, carburante, noleggio di mezzi e/o attrezzature).

Al termine delle indagini 12 persone sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria, a vario titolo, per i reati di emissione di fatture false, omessa dichiarazione e dichiarazione fraudolenta. Per 4 di loro è stato altresì contestato il reato di associazione per delinquere finalizzata all’emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. L’ammontare complessivo del decreto di sequestro preventivo è pari al totale delle imposte evase.

 

Open chat
1
Vuoi contattare la nostra redazione ?
Ciao, vuoi contattare la nostra redazione ?