MENU
3 Dicembre 2022 06:02
3 Dicembre 2022 06:02

Elezioni 2022: successo per Giorgia Meloni, male gli alleati Lega e Fi. Crollo Pd e ripresa del M5s. Cresce il Terzo Polo

La leader di Fratelli d’Italia ha detto che attraverso il voto «dagli italiani è arrivata un’indicazione chiara: un governo di centrodestra a guida di Fratelli d’Italia». E ha proseguito, «la campagna elettorale è stata violenta, abbiamo subito». Ha anche espresso il suo rammarico per l’astensionismo. «Questo è il tempo della responsabilità, il tempo in cui se si vuole far parte della storia si deve capire quale responsabilità abbiamo verso decine di milioni di persone perché l'Italia ha scelto noi e non la tradiremo come non l'abbiamo mai tradita». Lo ha detto la leader di Fdi, Giorgia Meloni aggiungendo che «se saremo chiamati a governare la nazione lo faremo per tutti, per unire un popolo esaltando ciò che unisce piuttosto che ciò che divide».

Oltre 50 milioni gli italiani chiamati al voto: tra loro 2.682.094 neo maggiorenni che hanno messo piede, per la prima volta, in un seggio elettorale. Sulla carta sono 50.869.304 gli elettori, di cui 4.741.790 all’estero; dei 46.127.514 elettori in Italia il 51,74% sono donne e il restante 48.26% uomini. Alle 23, dato non ancora definitivo, hanno votato il 64,39% degli aventi diritto al voto.

L’Italia va a destra e sceglie Giorgia Meloni. I dati delle proiezioni confermano gli exit poll: il centrodestra ha vinto le elezioni politiche, ha la maggioranza sia alla Camera che al Senato, con Fratelli d’Italia primo partito. La leader di FdI verso le 2.30 ha preso la parola e parla di notte di “riscatto, di lacrime, di abbracci, di sogni e di ricordi”. Si dice “rammaricata” per l’astensionismo – “la sfida ora è tornare a far credere nelle istituzioni” – e rimanda “l’analisi più completa del voto a domani“, ma chiarisce che “dagli italiani è arrivata un’indicazione chiara: un governo di centrodestra a guida FdI”. E noi, assicura, “non li tradiremo”. Alla fine di un discorso emozionale cita San Francesco: ”Tu comincia a fare quello che è necessario, poi il possibile e alla fine ti riscoprirai a fare l’impossibile”. È quello che abbiamo fatto noi“. Se per Meloni è stato un successo come previsto, non è stato lo stesso per gli alleati Lega e Forza Italia. Buono il risultato del Terzo Polo, mentre cala il Pd e sale, rispetto ai pronostici, il M5S. L’affluenza crolla di quasi 10 punti: ha votato il 63,91% degli aventi diritto, il dato più basso di sempre.

Alla chiusura delle urna alle ore 23 ha votato il 64,03% degli aventi diritto per il rinnovo del Senato, (dati relativi a 5.748 Comuni su 7.904), come rende noto Eligendo, il sito del ministero dell’Interno. Per il rinnovo della Camera alla stessa ora ha votato il 64,67% degli aventi diritto (quando i dati sono relativi a 1.457 comuni su 7.904).

Lo spoglio è proseguito nella notte, con i dati delle proiezioni che questa volta hanno confermato gli exit poll: la coalizione guidata da Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni ha una netta la maggioranza. Al Senato il centrodestra è oltre il 43% e il centrosinistra al 27. FdI è il primo partito oltre il 26%, la Lega crolla sotto il 9% mentre Forza Italia è poco sotto l’8%. E ancora: il Pd di Enrico Letta è intorno al 20%, Azione-Italia Viva supera il 7%, Alleanza Verdi e Sinistra è oltre il 3%, +Europa 3%, Italexit intorno al 2%, Unione Popolare all’1,5%, Noi Moderati 1,1%. Il Movimento 5 Stelle è intorno al 15%. Alla Camera in testa c’è ancora la coalizione di centrodestra con il 42,7% con FdI 26% (la Lega all’8,6% e Forza Italia sotto al 7,5%,), mentre il centrosinistra è al 27,8% (il Pd al 20%). M5S è al 14,7% e Azione-Italia viva quasi all’8%.

Con una standing ovation il comitato elettorale di Fdi, allestito all’Hotel Parco dei Principi a Roma, ha accolto l’arrivo della leader Giorgia Meloni. La presidente è stata applaudita dai dirigenti del partito posizionati nelle prime file del salone allestito all’interno dell’albergo che si trova a due passi da Villa Borghese.

La vittoria di Giorgia Meloni sui siti della stampa internazionale

La vittoria di Meloni campeggia sui siti internazionali. La rete televisiva inglese Bbc è stata la prima testata internazionale appena passate le ore 23 a dare conto sul proprio sito con una breaking news, e su Twitter, degli exit poll delle legislative in Italia: “Giorgia Meloni di estrema destra si appresta a vincere le elezioni ed è in procinto di diventare la prima donna premier“. “Il partito post-fascista di Giorgia Meloni in testa”, è il take dell’agenzia France Presse. L’ultim’ora dello spagnolo El Pais scrive che “i primi sondaggi delle elezioni italiane indicano una netta vittoria del partito di ultradestra Fratelli d’Italia, della romana Giorgia Meloni, con una forbice compresa tra il 22 e il 26% dei voti”, mentre il quotidiano conservatore El Mundo titola con più equilibrio “la destra vince le elezioni in Italia”. Il francese Le Figaro apre il sito con una foto di Meloni alle urne e il titolo “L’unione delle destre ampiamente in testa“.

Oltreoceano, il New York Times scrive che “con i risultati del voto in Italia, l’Europa si prepara ad un altro spostamento a destra”. “I sondaggi d’opinione suggeriscono che il prossimo premier dell’Italia potrebbe essere Giorgia Meloni, una leader di estrema destra con radici post-fasciste. Sarebbe la prima donna premier del Paese”, sottolinea il prestigioso quotidiano americano.

Le reazioni politiche dall’ estero

Su Twitter è arrivato il messaggio del premier polacco, Mateusz Morawiecki: “Congratulazioni Giorgia Meloni!”. Meloni e Morawiecki fanno entrambi parte del gruppo Ecr all’Europarlamento

Balazs Orban, consigliere politico del premier Viktor Orban e deputato ungherese di Fidesz ha fatto i complimenti a Meloni, su Twitter: “Complimenti Giorgia Meloni, Matteo Salvini, Silvio Berlusconi per le elezioni di oggi! In questi tempi difficili, abbiamo bisogno più che mai di amici che condividano una visione e un approccio comune alle sfide dell’Europa. Lunga vita all’amicizia italo-ungherese“.

| notizia in aggiornamento |

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Il Guardasigilli Nordio dispone l’ispezione sui pm della Procura di Firenze: "Accertamenti rigorosi"
Avvocati, accolta la proposta di Cnf e Cassa forense su compensazione debiti
Gli ispettori del ministero chiudono le cooperative della famiglia di Soumahoro
La lezione di Giorgia Meloni a Roberto Saviano:"Non è al di sopra della legge".
Smantellata la rete di spie russe infiltrate in Svezia
Archivi
Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Per la Corte dei Conti la legge di bilancio 2023 "Manovra di ampia portata. Coperture efficaci ma poco efficienti"
Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977

Cerca nel sito