MENU
30 Novembre 2022 01:58
30 Novembre 2022 01:58

Due georgiani sorpresi dalla Polizia. Erano pronti a scassinare abitazioni

Nella scorsa notte, gli Agenti della Sezione Volante della Polizia di Stato hanno denunciato per possesso di arnesi atti allo scasso un cittadino polacco e un cittadino georgiano rispettivamente di 31 e 22 anni. Gli Agenti, intorno all’una di questa notte, nel corso dei consueti servizi di controllo del territorio, giunti in via Campania, notavano due persone che, con fare sospetto, ispezionavano, dall’esterno, i portoni degli stabili. Insospettiti da questo comportamento, i poliziotti decidevano di fermarli per un controllo. Alla vista degli Agenti, i due cercavano di disfarsi di un grosso cacciavite a taglio, gettandolo sotto un’auto in sosta ma il gesto non passava inosservato ai poliziotti che recuperavano immediatamente il grosso arnese.

Inoltre, interrogati sui motivi della loro presenza in città, non fornivano alcuna spiegazione plausibile. Pertanto, i due venivano fermati e accompagnati negli Uffici della Questura per gli accertamenti di rito a seguito dei quali si appurava, oltre alla nazionalità, che uno dei due era gravato da precedenti per furto. All’esito delle attività, dunque, i due uomini venivano  denunciati in stato di libertà e nei loro confronti veniva presentata proposta di foglio di via obbligatorio dal comune di Taranto.

I georgiani sono  i migliori (peggiori per chi finisce nelle loro grinfie) scassinatori di abitazioni. Il mese scorso è stata scoperta è stata scoperta dagli agenti della Squadra Mobile di Bari in un appartamento al quartiere Libertà, vera e propria scuola per scassinatori  dove aveva trovato ospitalità anche la moglie di un noto capo mafia georgiano. Nell’abitazione, oltre a varia refurtiva, proveniente da furti compiuti in tutta la regione, i poliziotti hanno trovato arnesi per aprire le porte, chiavi di ogni genere e blocchi di metallo dai quali fuoriuscivano i cilindri, usati per specializzarsi nell’apertura rapida di serrature blindate. 

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Arrestati agenti penitenziari a Reggio Calabria responsabili di torture a un detenuto
I Carabinieri di Taranto confiscano beni per 230mila euro ad un condannato per associazione di tipo mafioso
Continuano l'offensiva della Polizia di Stato alla criminalità locale in provincia di Taranto
La Procura di Taranto indaga sui concorsi pilotati all' AMIU, l'azienda municipalizzata per l'ambiente.
Archivi
Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La lezione di Giorgia Meloni a Roberto Saviano:"Non è al di sopra della legge".
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Smantellata la rete di spie russe infiltrate in Svezia
Ischia: la memoria smarrita di Giuseppe Conte

Cerca nel sito