MENU
18 Agosto 2022 15:36
18 Agosto 2022 15:36

Dopo Taranto, anche il Comune di Castellaneta vicino al dissesto ?

Giovanni Gugliotti
nella foto il Sindaco Giovanni Gugliotti

Il Comune di Castellaneta guidato dal sindaco Giovanni Gugliotti nei giorni scorsi non ha pagato gli stipendi ai suoi dipendenti e bloccato i pagamenti ai fornitori, consulenti e ditte, e tutto ciò accade mentre si è in attesa della sentenza della Corte d’Appello di Lecce della vicenda giudiziaria relativa al crollo di viale Verdi, i cui danni dovrà pagarli proprio il Comune e parliamo di più di 9 milioni di euro, oltre alla rivalutazione monetaria ed e interessi legali, alle decine e decine di parti civili costituitesi nel processo per il risarcimento dei danni derivanti dal crollo della palazzina di viale Verdi. La sentenza di primo grado del processo riassunto nel 2008, dopo la chiamata in correità del Ministero dell’Interno da parte del Comune, è stata resa nota lo scorso 9 marzo  dalla prima sezione civile del   Tribunale di Lecce, esattamente  un mese prima dal 30° anniversario della tragedia che avvenne il 7 febbraio del 1985.

Schermata 2015-09-30 alle 16.29.30

La reale entità del risarcimento,  non è stata ancora conteggiata, in quanto gli interessi maturati e la rivalutazione dopo 30 anni, generano numeri impressionanti. Si parla di una somma che oscilla fra i 30 ed i 40 milioni di euro oltre al  pagamento delle spese legali, cui il Comune di Castellaneta è stato condannato in solido in linea con il principio della soccombenza. Infatti il giudice unico del Tribunale di Lecce Federica Sterzi Barolo non ha sostanzialmente modificato l’orientamento della prima sentenza di primo grado messa nel 2003 dal  Tribunale di Taranto, a fronte della quale i condannati si appellarono ottenendo la riassunzione del processo per difetto di legittimazione passiva.

Il Comune di Castellaneta chiese di coinvolgere nel risarcimento anche il Ministero dell’ Interno, e quindi il processo venne trasferito a Lecce dove ha sede l’Avvocatura dello Stato. Il problema del Comune consiste che il Viminale, nonostante la chiamata in causa, non è stato ritenuto responsabile del risarcimento, circostanza in cui aveva riposto le sue speranze il Comune. Il risarcimento milionario finirebbero per svuotare completamente le casse dell’amministrazione comunale,  innestando automaticamente l’attivazione del dissesto finanziario, che paralizzerebbe l’operatività della Giunta Comunale, come già accaduto a Taranto circa 8 anni fa, dove il buco era di oltre 900 milioni di euro (giunta centro-destra del sindaco Di Bello).

Schermata 2015-09-30 alle 16.27.31Nel frattempo però si sono attivate altre cause da parte di alcuni familiari, di una procedura di pignoramento presso terzi  di circa 1,5 milioni di euro, notificata al Banco di Napoli (Gruppo BancaIntesaSanPaolo)  istituto tesoriere del Comune di Castellaneta, consentita dalla esecutività della sentenza di primo grado, che  però è andata a buon fine solo per 270mila euro circa. Secondo fonti “vicine”  all’amministrazione comunale,  questo pignoramento  ha di fatto letteralmente paralizzato l’amministrazione comunale  di Castellaneta, che ha sospeso i pagamenti sospesi per i propri dipendenti che solitamente percepiscono lo stipendio il 27, non ha pagato le società che svolgono servizi essenziali come quello di nettezza urbana, così come non ha pagato le fatture ricevute dai propri fornitori.

Ma vi è un problema non indifferente che potrebbe prolungare l’immobilità economica del Comune di Castellaneta. Secondo l’orientamento dell’ufficio del Banco di Napoli ,  tesoriere comunale,  non basta un’eventuale sospensione dell’esecutività della sentenza di primo grado da parte della Corte d’Appello di Lecce. Secondo il Banco di Napoli, è necessario un atto del Tribunale di Taranto,  competente per le decisioni riguardanti il pignoramento in questione.

Il vero problema è che con il dilatarsi dei tempi e l’impossibilità di onorare gli impegni economici assunti dal  Comune, il dissesto dell’amministrazione comunale è pressochè scontato.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Sequestrato un milione di euro dalla Guardia di Finanza ad una coop di assistenza ai migranti
Controlli di Ferragosto dei NAS alla case di riposo: blatte in cucina ed operatori in stato di ebrezza
Operazione “Stazioni Sicure” della Polizia di Stato
Ispezioni del NAS ed intensificazione dei sevizi di controllo a Taranto da parte del Comando Provinciale Carabinieri .  
La Guardia di Finanza sequestra disponibilità per 9,6 milioni di euro al gruppo De Carlo per un'ipotesi di bancarotta fraudolenta aggravata
Bloccato l’aggressore che ha violentato due turiste francesi a Bari
Archivi
Sequestrato un milione di euro dalla Guardia di Finanza ad una coop di assistenza ai migranti
I disservizi di Dazn all’inizio del campionato di Serie A. Ecco come farsi rimborsare
È morto Niccolò Ghedini, storico avvocato di Berlusconi. Il Cavaliere: "Dolore immenso"
Liste centrodestra, la corsa è ancora lunga: troppi nomi sul tavolo e pochi collegi
Controlli di Ferragosto dei NAS alla case di riposo: blatte in cucina ed operatori in stato di ebrezza

Cerca nel sito