MENU
10 Agosto 2022 12:53
10 Agosto 2022 12:53

Di tutto di più…

Rubrica "indipendente" di satira, curata e scritta da un attento osservatore e conoscitore della vita pubblica

di Insider

Schermata 2016-03-03 alle 20.20.14Prima e storica udienza di Confindustria in Vaticano. Il Papa ha rivolto un accorato richiamo agli imprenditori italiani per mettere al centro dell’impresa l’Uomo con i suoi sogni, rifiutando i favoritismi e la corruzione. Nell’occasione, raccontano che che il Presidente di Confindustria Taranto, Cesareo Vincenzo, facendosi largo a gomitate tra i colleghi, abbia guadagnato la prima fila al cospetto del Papa chiedendogli se fosse possibile intercedere con qualcuno in “Alto” per avere qualche appalto in zona Taranto e magari pure il pagamento delle fatture Ilva, anche solo quelle proprie. Ad un cenno di Sua Santità, due guardie svizzere hanno accompagnato il questuante sul sagrato di Piazza San Pietro, sollevandolo per le braccia e accompagnati da una standing ovation degli imprenditori “veri”. Intanto in Via Dario Lupo crescono i mugugni.

Schermata 2016-03-03 alle 20.21.39Sempre a Roma stiamo ma cambiamo piazza, da Piazza San Pietro ci spostiamo a Piazza Madama, sede del Senato della Repubblica Italiana. Incontro fortuito tra una delegazione di Giovani Imprenditori di Confindustria Taranto capeggiati dal loro Presidente, De Francesco Luigi, detto Gigino o’mutandaro per la sua attività commerciale di abbigliamento intimo in franchising,  e il Senatore a vita già Presidente della Repubblica, Napolitano Antonio. Alla inopportuna domanda del curioso Napolitano circa le attività imprenditoriali svolte dalle giovani leve della futura classe dirigente della nostra Città, i componenti della delegazione si sono scambiati sguardi di panico e con un filo di voce hanno risposto in coro : “Presidè, noi non facciamo niente, non abbiamo mai lavorato né pensiamo di farlo mai, ci facciamo solo i selfie per facebook e instagram e papà, che ha gli operai in cassa integrazione, ci passa la paghetta ogni sabato!”. Anche loro sono stati accompagnati all’uscita da nerboruti commessi di Palazzo Madama.

Schermata 2016-03-03 alle 20.24.24Prete Sergio, anni 50, Presidente dell’Autorità Portuale di Taranto è recentemente stato prorogato nella sua carica per ulteriori sei mesi dal Ministero delle Infrastrutture. Durante il suo mandato, il Porto di Taranto ha perso il 96% dei suoi traffici; si, avete capito bene, il novantaseipercento delle movimentazioni. La crisi Ilva, la crisi TCT e compagnia cantante le cause, mentre l’unico rimedio partorito è il bando di gara appena pubblicato per chiedere che qualcuno si faccia avanti. Probabilmente il Ministro Delrio ha concesso la proroga del mandato per questioni misericordiose: un Prete per il momento della estrema unzione al povero Porto, può tornate utile averlo sul posto.

Schermata 2016-03-03 alle 20.26.15Incessante la querelle a Taranto tra la Confcommercio e la Camera di Commercio. I rapporti non sono mai stati buoni, pochi scambi verbali e tonnellate di carte giudiziali. Giangrande Leonardo, anni 54, nei suoi sei anni alla guida del sindacato dei commercianti non ha mai avuto in simpatia il Presidente della Camera di Commercio e non perde occasione per ricordarlo a tutti. Ultimo avvenimento, il ricorso contro la nomina del nuovo consiglio camerale. Saranno altri quintali di carte legali da scrivere e altri soldi da destinare agli Avvocati. Dopo sei anni di lotte legali e perdita di credibilità di un’associazione sempre più isolata e autoreferenziale, arriverà il momento in cui ci si chiederà se tutto questo ha o ha avuto un senso o un risultato? Ce lo possiamo solo augurare vista la desertificazione commerciale in atto nella nostra Città che invece imporrebbe unità e condivisione di politiche omogenee.

Schermata 2016-03-03 alle 20.28.11Ultima conferenza stampa di Assennato Giorgio, anni 68, da dieci Direttore Generale di Arpa Puglia. Ultima perché finalmente lascia il suo lungo e camaleontico mandato. Dal “non c’è nessun problema” al “qui è tutto inquinato”, nel suo mandato si è visto e sentito di tutto e di più. Decide quindi di lasciarci in bellezza e, sulla questione dei picchi di diossina vecchi di due anni, dice: “se Ilva mi avesse fornito prima i dati, io avrei potuto indagare”. Ma “Giorgetto”, scusa, è come pretendere che un ladro debba avvisare il poliziotto prima della furto che andrà a compiere o, eventualmente, subito dopo. Ciao Giorgio, cià.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

"Da capitale della Magna Grecia al disastro ambientale": l' ex Ilva, condannata a risarcire Taranto per 12,5 milioni di euro
Al Senato il gruppo M5S contro Conte e il suo vice Turco: "Offendono la nostra storia"
EMILIANO IN DIFESA DI MELUCCI. MA NON DICE NULLA SULL'ALLEATO "PUGLIA POPOLARE" CHE REMA CONTRO...
ASSOLTO L'EX PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA TARANTO ANTONIO MARINARO
L'ENNESIMO FLOP DEI PM SULL'ILVA
Arvedi a Cremona, Cassano a Martina Franca . Due esempi per l'imprenditoria di Taranto
Archivi
Le novità di WhatsApp: si possono cancellare i messaggi fino a due giorni dopo l'invio, uscita in incognito dai gruppi, status nascosto e blocco degli screenshot
"La Sirena delle Azzorre" in edicola il nuovo romanzo di Giovanni Valentini
Fratelli d’Italia e Crosetto ridicolizzano il TG1 e l' Usigrai sul Pnrr
Bloccato l’aggressore che ha violentato due turiste francesi a Bari
Perquisizione dell' Fbi a casa di Trump in Florida, portate via scatole di documenti.

Cerca nel sito