MENU
2 Dicembre 2022 17:08
2 Dicembre 2022 17:08

Corrispondenti, fotocopiatori, pennivendoli e paparazzi….

Alcuni giorni fa sul social network Facebook siamo stati accusati di copiare i suoi articoli  da un “novello”  giornalista professionista V.R. , peraltro diventato professionista da appena due anni (11/06/2012), redattore del quotidiano  “Taranto Oggi” , e collaboratore da Taranto dell’edizione barese  (che molti dicono non vada molto bene e si parla a Roma di chiusura) del quotidiano La Repubblica. Probabilmente il “novello” collega ha manie di protagonismo, in quanto se dovessimo copiare i suoi articoli, rischieremmo di fare la fine del quotidiano “Taranto Oggi” giornale molto noto ai semafori, e presso cui lavora,  dove se arrivasse un’ispezione dell’ INPGI, o dell’ Ispettorato del lavoro, si riderebbe non poco ! Non facciamo il suo nome,  solo e soltanto perchè non vogliamo fargli della pubblicità gratuita e renderlo “noto” alla cittadinanza che nella stragrande maggioranza, ignora persino la sua esistenza e non solo professionale. Ed è bene che resti così.

Il suo commento venne subito cavalcato dai soliti “noti” e partirono le offese, ironie e diffamazioni che sono oggetto di analisi da parte dei nostri legali per una imminente azione legale. Fra questi offrì il suo contributo anche un fotografo tarantino A.I. di Taranto (anche in questo caso non facciamo il nome solo per non fargli immeritata pubblicità)  il quale ci accusava di aver “rubato” delle sue fotografie online, che peraltro apparivano in rete senza alcun credito fotografico . Immediatamente il giornalista V.R. , intervenne esprimendo la solidarietà al fotografo. A loro si affiancò nei commenti contro di noi  anche qualche giornalista disoccupata… M.C. che non trova ospitalità ed accoglienza da nessun editore disposto a perdere ancora una volta i suoi soldi. La stessa giornalista che privatamente sosteneva di non avercela con noi.

Potremmo elencarvi gli articoli da noi pubblicati e che sono stati oggetto di razzia dei nostri contenuti, da tutti i quotidiani stampati ed online tarantini , e di cui abbiamo copiosa documentazione, ma dopo aver ricevuto da un nostro attento lettore la segnalazione di un’articolo pubblicato il 22/10/2014  pomeriggio dall’edizione barese del quotidiano La Repubblica non possiamo tacere . Vuole dirci , è capace, il giornalista V.R. , da dove hanno preso i suoi colleghi di Bari,  la fotografia che vedete pubblicata sotto ?

Schermata 2014-10-23 alle 14.05.07

 

Ve lo diciamo noi : la fotografia è stata presa da un nostro commento apparso sulla nostra pagina Facebook (vedi qui) due giorni prima, cioè il 20/10/2014 ! Ecco cari amici, lettori e colleghi, come lavorano correttamente…. alla redazione barese del quotidiano La Repubblica ! Quanto ci piacerebbe vedere il “file” fotografico originale di questa fotografia in possesso alla redazione barese del quotidiano romano ! Chissà che il loro collaboratore tarantino non ce lo possa spiegare, visto che lui è un “professionista”….

Guardate con i vostri occhi. Lasciamo a voi ogni commento del caso. A volte qualcuno a Taranto indossa le vesti del “bue” e chiama cornuto l’ “asino”…dimenticando che i fatti parlano meglio delle parole !

 

Schermata 2014-10-23 alle 14.08.22

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Arrestati agenti penitenziari a Reggio Calabria responsabili di torture a un detenuto
I Carabinieri di Taranto confiscano beni per 230mila euro ad un condannato per associazione di tipo mafioso
Continuano l'offensiva della Polizia di Stato alla criminalità locale in provincia di Taranto
Archivi
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977
Il Guardasigilli Nordio dispone l’ispezione sui pm della Procura di Firenze: "Accertamenti rigorosi"
A diciasette giornaliste il premio speciale "Matilde Serao" assegnato da Poste Italiane
Avvocati, accolta la proposta di Cnf e Cassa forense su compensazione debiti

Cerca nel sito