MENU
6 Ottobre 2022 16:39
6 Ottobre 2022 16:39

Confiscati beni per circa 10 milioni di euro ad imprenditore integrato in un mandamento mafioso

Vincenzo Graziano è ritenuto un elemento di spicco del mandamento mafioso di Palermo-Resuttana e, più in particolare, della famiglia mafiosa di Palermo-Acquasanta. Nel 1996 è stato condannato a 8 anni di reclusione per il reato di partecipazione ad associazione mafiosa e nel 2009, in continuazione per lo stesso titolo di reato, a ulteriori 5 anni.

L’attività di indagine, finalizzata all’individuazione delle disponibilità economico-imprenditoriali riconducibili ad appartenenti all’organizzazione mafiosa “Cosa Nostra”, svolta dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Palermo, aveva già portato nel 2017 all’emissione, da parte del Tribunale di Palermo – Sezione Misure di Prevenzione, di un provvedimento di confisca di beni per un valore complessivo attualmente stimato in circa 10 milioni di euro, a carico di Vincenzo Graziano, conosciuto come “Viciuzzu”, nato a Palermo nel 1951, imprenditore, attualmente detenuto. Con l’odierno provvedimento è stata dichiarata l’irrevocabilità della confisca e l’ingente patrimonio, riconducibile a “Cosa Nostra”, è entrato a far parte, in maniera definitiva, del patrimonio dello Stato.

Vincenzo Graziano è ritenuto un elemento di spicco del mandamento mafioso di Palermo-Resuttana e, più in particolare, della famiglia mafiosa di Palermo-Acquasanta. Nel 1996 è stato condannato a 8 anni di reclusione per il reato di partecipazione ad associazione mafiosa e nel 2009, in continuazione per lo stesso titolo di reato, a ulteriori 5 anni. Nel 2014 veniva, nuovamente, tratto in arresto nell’ambito dell’operazione di polizia denominata “Apocalisse”, condotta dal Nucleo Investigativo di Palermo, sempre per il reato di partecipazione ad associazione mafiosa e condannato a 10 anni di reclusione. In ultimo, nel 2016, è stato condannato a 3 anni e 9 mesi di reclusione per i reati di riciclaggioreimpiego di capitali illecitipeculato e intestazione fittizia di beni.

l’arresto nel 2014 di Vincenzo Graziano operato dalla GdF

Il blitz dell’arresto di Graziano nel 2014 venne effettuato dalla Guardia di Finanza attorno alle cinque del mattino. Circa duecento finanzieri fecero ingresso dentro vicolo Pipitone, ovvero il luogo dove circa due anni fa le famiglie mafiose palermitane si erano ritrovate per organizzare l’attentato al pm Nino Di Matteo. Non una location qualsiasi se si considera che da questa roccaforte partirono negli anni ’80 i killer per gli omicidi eccellenti, da Pio La Torre a Carlo Alberto dalla Chiesa passando per Ninni Cassarà ed anche Giovanni Falcone, se non fosse poi fallito l’attentato all’Addaura. Vincenzo Graziano, ritenuto dagli investigatori il “reggente” del mandamento palermitano di Resuttana, venne arrestato . Il provvedimento fu firmato dal procuratore aggiunto Vittorio Teresi e dai sostituti Francesco Del BeneAmelia LuiseAnna Maria Picozzi, Dario Scaletta e Roberto Tartaglia.

Il provvedimento di confisca definitiva ha riguardato i seguenti beni:

1.         intero capitale sociale e relativo complesso di beni aziendali della società “A.F.G. Costruzioni s.r.l.” con sede in Palermo;

2.         intero capitale sociale e relativo complesso di beni aziendali della società “M.G. Costruzioni s.r.l.” con sede in Palermo;

3.         intero capitale sociale e relativo complesso di beni aziendali della società “Costruzioni Generali s.r.l.” con sede in Palermo;

4.         intero capitale sociale e relativo complesso di beni aziendali della società “A.G. Costruzioni s.r.l.” con sede in Tavagnacco (UD);

5.         intero capitale sociale e relativo complesso di beni aziendali della società Immobiliare Tre s.r.l. con sede in Tavagnacco (UD);

6.         n. 3 magazzini siti in Palermo;

7.         n. 1 garage sito in Palermo;

8.         n. 3 abitazioni site in Palermo;

9.         n. 1 appezzamento di terreno sito in Palermo;

10.     n. 1 appezzamento di terreno sito in Trabia (PA);

11.     n. 1 abitazione sita in Cinisi (PA);

12.     n. 8 autorimesse site in Martignacco (UD);

13.     n. 8 abitazioni site in Martignacco (UD);

14.     n. 2 appezzamenti di terreno siti in Martignacco (UD);

15.     n. 2 motocicli;

16.     n. 1 imbarcazione;

17.     n.1 quota di ½ di imbarcazione;

18.     n. 30 rapporti bancari.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Stadio della Roma. Beppe Grillo diceva: "Voi consiglieri non valete un ca..."
Perquisizioni delle Fiamme Gialle nelle abitazioni ed uffici della famiglia Matarrese: ipotesi di bancarotta fraudolenta
Operazione del Ros Carabinieri: 15 arresti per droga. Coinvolti anche due agenti della Polizia Penitenziaria ed un ex maresciallo dei Carabinieri
Beppe Grillo condannato per diffamazione
Confermate le condanne definitive per Buzzi e Carminati che ritornano in carcere 
Licenziata l'ex vice questore "no-green pass" Nunzia Schilirò
Archivi
La procura di Potenza dopo Taranto adesso indaga sugli uffici giudiziari di Lecce. Ma quando si indagherà anche sulla procura lucana ?
Stadio della Roma. Beppe Grillo diceva: "Voi consiglieri non valete un ca..."
Perquisizioni delle Fiamme Gialle nelle abitazioni ed uffici della famiglia Matarrese: ipotesi di bancarotta fraudolenta
Operazione del Ros Carabinieri: 15 arresti per droga. Coinvolti anche due agenti della Polizia Penitenziaria ed un ex maresciallo dei Carabinieri
GFVip: una pagina di squallore televisivo che gioca sui sentimenti delle persone

Cerca nel sito