MENU
3 Dicembre 2022 07:54
3 Dicembre 2022 07:54

Confermata in appello la condanna al consigliere regionale Michele Mazzarano

Ed adesso l'ultima parola definitiva alla Corte Cassazione, e dopodichè in caso di ennesima conferma della condanna per Mazzarano, scatterà la Legge Severino, e gli toccherà trovarsi un lavoro mettendo la parola fine alla sua discussa carriera politica.

La sezione penale della Corte di Appello di Lecce, sezione distaccata di Taranto, nel collegio presieduto dal giudice estensore Antonio Del Coro, a latere dr.ssa Luciana Cavallone e dr.ssa Paola Rosalia Incalza ha confermato la sentenza di primo grado emessa lo scorso 26 maggio 2021, rendendo note il dispositivo della propria sentenza emessa lo scorso giugno che “la vicenda sebbene – forse – più ordinaria di quanto non si creda, appare, tuttavia particolarmente grave in quanto mina alle radici il rapporto tra cittadino e politica nonchè il diritto/dovere della libertà del voto, per cui lo scostamento della pena base da parte del primo Giudice appare più che giustificato” criticando fortemente l’operato del consigliere regionale Michele Mazzarano (esponente del PD) , che già in precedenti processi che lo vedevano imputato dai quali si era salvato da condanne pressochè certe, grazie alla lentezza della giustizia ed all’ intervenuta prescrizione.

Condanna-Modificata-Mazzarano

Nel dispositivo di sentenza si legge anche che non va dimenticato che le affermazioni effettuate dal Pastore (condannato insieme al Mazzarano n.d.a. ) risultano essere state, di volta in volta, pienamente confermate dagli accertamenti effettuate dagli investigatori, ivi comprese le dichiarazioni rese dai personaggi via via coinvolti nella presente vicenda i cui verbali di s.i.t. rimangono acquisiti agli atti”.

Secondo i giudicanti della Corte di Appellola richiesta finale di riduzione della pena al minimo edittale e di conversione nella multa avanzata nell’interesse del Mazzarano risulta priva di qualsiasi argomentazione, circostanza che esime la Corte dall’esaminarne il fondamento“.

Ed adesso l’ultima parola alla Cassazione, e dopodichè in caso di ennesima conferma della condanna per Mazzarano, scatterà la Legge Severino, e gli toccherà trovarsi un lavoro mettendo la parola fine alla sua discussa carriera politica.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Il Guardasigilli Nordio dispone l’ispezione sui pm della Procura di Firenze: "Accertamenti rigorosi"
Avvocati, accolta la proposta di Cnf e Cassa forense su compensazione debiti
Gli ispettori del ministero chiudono le cooperative della famiglia di Soumahoro
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Smantellata la rete di spie russe infiltrate in Svezia
Archivi
Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Per la Corte dei Conti la legge di bilancio 2023 "Manovra di ampia portata. Coperture efficaci ma poco efficienti"
Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977

Cerca nel sito