MENU
4 Ottobre 2022 22:56
4 Ottobre 2022 22:56

Cassazione: una tirata d’orecchie ai giudici che compensano le spese con troppa disinvoltura.

Cassata sentenza che aveva compensato le spese perché una parte era rimasta contumace
Diciamo la verità, siamo abituati a vedere le motivazioni più strampalate poste a sostegno della decisione di compensare le spese legali al termine di una lite. Questa volta un giudice di pace si è spinto a compensare le spese per il semplice rilievo che la controparte non si era costituita in giudizio ed era rimasta contumace. La bizzarra motivazione adottata da giudice di prime cure era stata recepita anche dal Tribunale di Roma investito dell’appello secondo cui la mancata costituzione del convenuto e “la mancata contestazione delle ragioni espresse dal ricorrente, con il sostanziale implicito riconoscimento delle ragioni dello stesso, costituiva un elemento giustificativo della avvenuta compensazione delle spese“.
Integrando la motivazione del giudice di pace il Tribunale aveva anche osservato che l’opposizione in primo grado era stata accolta per motivi che prescindevano dal merito e che la natura della controversia dinanzi al giudice di pace escludeva l’obbligo del patrocinio. Nel respingere l’appello il Tribunale compensava anche le spese del secondo grado.
La vicenda finiva così dinanzi ai giudici della Corte di Cassazione che accogliendo il ricorso (sentenza 15 ottobre 2014 n. 21871), hanno ricordato che non può costituire un valido motivo per compensare le spese legali il rilievo che una delle parti è rimasta contumace e non ha contestato la domanda. Nella parte motiva della sentenza la Corte fa notare che “nel regime anteriore a quello introdotto dall’art. 2, comma 1, lett. a) della legge 28 dicembre 2005, n. 263, e, successivamente, dalla legge n. 69 del 2009, il provvedimento di compensazione parziale o totale delle spese ‘per giusti motivi’ deve trovare un adeguato supporto motivazionale“.
 
Per altri dettagli si rimanda al testo della sentenza qui sotto allegato.

Corte di Cassazione – testo sentenza 15 ottobre 2014, n. 21871 

Fonte:  (www.StudioCataldi.it)

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Diritto all'oblio. La Corte di Cassazione detta nuove regole
BDO Italia S.p.A. e Studio legale Omnia insieme per le imprese del Territorio
Le decisioni del Ministero di Giustizia per la tutela da CoronaVirus negli uffici giudiziari
Dire “ti sputtanerò in tv” non costituisce una minaccia. Lo ha stabilito la Cassazione
Addio ai patteggiamenti in Tribunale. Per la Cassazione diventa "un' ammissione di colpa" in sede civile
Cassazione: l'energia elettrica non è indispensabile "Nessuna giustificazione per chi si allaccia abusivamente"
Archivi
Perquisizioni delle Fiamme Gialle nelle abitazioni ed uffici della famiglia Matarrese: ipotesi di bancarotta fraudolenta
Operazione del Ros Carabinieri: 15 arresti per droga. Coinvolti anche due agenti della Polizia Penitenziaria ed un ex maresciallo dei Carabinieri
GFVip: una pagina di squallore televisivo che gioca sui sentimenti delle persone
Da oggi a Bari il "Prix Italia 2022"
Il Presidente della Repubblica del Congo Denis Sassou Nguesso incontra l’Ad di Eni Claudio Descalzi

Cerca nel sito