MENU
3 Dicembre 2022 06:10
3 Dicembre 2022 06:10

Caccia al latitante Messina Denaro: 35 persone arrestate dai Carabinieri in Sicilia

Eseguiti provvedimenti cautelari emessi dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo nei confronti di circa 70 persone, 35 delle quali gravemente indiziate, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, estorsione, turbata libertà degli incanti, reati in materia di stupefacenti, porto abusivo di armi, gioco d'azzardo e altro, tutti aggravati dal metodo e dalle modalità mafiose

Nell’ambito delle indagini per la cattura del latitante Matteo Messina Denaro è in corso una vasta operazione dei Carabinieri del ROS e del Comando Provinciale di Trapani, insieme con i carabinieri di Palermo e Catania, del 9 Nucleo Elicotteri Carabinieri di Palermo, degli Squadroni “Cacciatori Sicilia” e “Cacciatori Calabria“, e del 12 Reggimento carabinieri “Sicilia”, che hanno eseguito provvedimenti cautelari emessi dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo nei confronti di circa 70 persone, 35 delle quali gravemente indiziate, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, estorsione, turbata libertà degli incanti, reati in materia di stupefacenti, porto abusivo di armi, gioco d’azzardo e altro, tutti aggravati dal metodo e dalle modalità mafiose (e tutti attinti da provvedimento cautelare emesso dal Tribunale di Palermo su richiesta della D.D.A.); nei confronti degli altri soggetti è in corso l’esecuzione di decreti di perquisizione e sequestro.

L’indagine dei carabinieri ruota attorno ad alcuni esponenti di primo piano dei mandamenti mafiosi di cosa nostra trapanese, legati a Matteo Messina Denaro, che oramai da circa 30 anni si sottrae volontariamente all’esecuzione di decine di misure cautelari e che secondo gli inquirenti sarebbe ancora in grado di impartire direttive per la riorganizzazione degli assetti nella zona. In particolare il monitoraggio dei vertici delle famiglie mafiose di Campobello di Mazara, Mazara del Vallo e Marsala, ha permesso di individuare la figura di un uomo d’onore campobellese Francesco Luppino che, recentemente scarcerato e già protagonista in passato di importanti dinamiche riguardanti i rapporti dell’area trapanese con esponenti apicali di cosa nostra palermitana, secondo quanto ritenuto dal Giudice per le indagini preliminari, sarebbe gravemente indiziato di avere acquisito centralità in tutto l’aggregato mafioso di quella provincia, risultando in grado di esprimere una costante e trasversale autorevolezza nell’ambito di dinamiche intermandamentali, anche esterne alla provincia di Trapani.

Un’autorevolezza conquistata grazie alla vicinanza al superlatitante Messina Denaro, che secondo alcuni indagati avrebbe gestito le nomine dei capizona. In particolare Il più volte citato uomo d’onore campobellese Francesco Luppino , attualmente indagato avrebbe designato il reggente della decina di Petrosino e sarebbe intervenuto nella nomina del reggente dell’importante mandamento di Mazara del Vallo, rimasto vacante dopo l’operazione “Anno Zero“.

Le investigazioni hanno anche permesso di ricostruire la successione al vertice di cosa nostra marsalese, individuando i soggetti allo stato gravemente indiziati di rivestire il ruolo di reggenti e documentandone le interlocuzioni con il più volte citato esponente mafioso campobellese.

Sono state, infine, acquisiti gravi indizi con riferimento a dinamiche associative ultra-provinciali, in direzione di cosa nostra palermitana, agrigentina e catanese nel cui ambito i trapanesi venivano indicati come “quelli che appartengono a Matteo Messina Denaro”; noinchè le attività di infiltrazione di cosa nostra trapanese nel tessuto economico/sociale con riferimento a presunti condizionamenti della libertà degli incanti, alla gestione, in forma pressochè monopolistica, del settore della sicurezza nei locali notturni e del recupero crediti, ed interventi finalizzati ad alterare le procedure di aggiudicazione di immobili oggetto di asta giudiziaria; presunte estorsioni in danno di aziende locali nel settore enogastronomico (tra cui una cantina vinicola) e turistico (strutture ricettive);con una disponibilità di armi da fuoco.

Nel corso dell’operazione sono state effettuate numerose perquisizioni delegate dall’Autorità Giudiziaria su siti ritenuti di interesse anche ai fini della ricerca del latitante ed intensificate le attività di controllo del territorio nelle località di maggiore interesse operativo.

Questi gli indagati   portati in carcere

Marco Buffa, 49 anni, Mazara del Vallo,

Leonardo Casano, 50 anni, Marsala,

Antonino Cuttone, 86 anni,

Vito De Vita, 45 anni, Marsala,

Riccardo Di Girolamo, 44 anni, Mazara del Vallo,

Piero Di Natale, 41 anni, Castelvetrano,

Vito Gaiazzo, 67 anni, Mazara del Vallo,

Jonathan Lucchese, 29 anni, Palermo,

Francesco Luppino, 62 anni, di Campobello di Mazara,

Marco Manzo, 57 anni, Campobello di Mazara,

Antonino Nastasi, 52 anni, Palermo,

Antonino Pace, 72 anni, Mazara del Vallo,

Francesco Pulizzi, 69 anni, Marsala,

Francesco Giuseppe Raia, 55 anni, Marsala,

Antonino Ernesto Raia, 60 anni, Marsala,

Vito Vincenzo Rallo, 62 anni, Marsala,

Carmelo Salerno, 62 anni, Paceco,

Giuseppe Salerno, 32 anni, Erice,

Vincenzo Spezia, 59 anni, Trapani,

Giuseppe Speciale, 40 anni, Partinico,

Michele Vitale, 30 anni, Partinico,

Rosario Stallone, 48 anni, Castelvetrano.

Questi gli indagati posti agli arresti domiciliari:

Paolo Bonanno, 48 anni, Mazara del Vallo

Lorenzo Catarinicchia, 41 anni, Marsala,

Girolamo Li Causi, 55 anni, Marsala,

Bartolomeo Macaddino, 58 anni, Mazara del Vallo,

Nicolò Macaddino, 62 anni, Mazara del Vallo,

Antonino Lombardo, 69 anni, Marsala,

Giuseppa Prinzivalli, 48 anni, Marsala,

Stefano Putaggio, 49 anni, Marsala,

Tiziana Rallo, 42 anni, Marsala,

Vincenzo Romano, 77 anni, Mazara del Vallo,

Marcello Salvia, 43 anni, Palermo,

Francesco Stallone, 55 anni, Campobello di Mazara,

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Arrestati agenti penitenziari a Reggio Calabria responsabili di torture a un detenuto
I Carabinieri di Taranto confiscano beni per 230mila euro ad un condannato per associazione di tipo mafioso
Archivi
Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Per la Corte dei Conti la legge di bilancio 2023 "Manovra di ampia portata. Coperture efficaci ma poco efficienti"
Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977

Cerca nel sito