MENU
2 Dicembre 2022 16:32
2 Dicembre 2022 16:32

Bimbo nasce in auto. Ad aiutare la mamma due “angeli” poliziotti

E un’iniezione di amore la storia di cuore che arriva finalmente da Taranto, dove un bimbo di nome Giuseppe è nato da poche ore grazie a due angeli custodi  in divisa. Sono i poliziotti che hanno aiutato la mamma a partorirlo nel cuore della notte  in auto, perchè  il bambino non voleva aspettare di arrivare in ospedale per venire al mondo.  La mamma quarantenne è stata quindi costretta ad un parto super rapido in macchina, con due angeli-agenti della Squadra Volante di Taranto che l’aiutavano, facendole da ostetrici. Poliziotti che sono stati eccezionali, provvidenziali, per freddezza ma soprattutto per il proprio gran cuore. Sono state le loro divise a dare il benvenuto al mondo a quel bimbo appena nato che strillava come un matto,sul sedile posteriore della macchina di papà.

CdG polizia-notteIl tutto è avvenuto fra le due della notte tra sabato e domenica, in viale Unità d’Italia a Taranto.  Una notte cominciata come tante, per i due assistenti capo della Polizia di Stato che erano in servizio di pattugliamento in città, tra il gracchiare della radio di bordo ed i soliti interventi , ma destinata a rimanere indimenticabile nel loro cuore. La pattuglia del 113 stava percorrendo passo d’uomo viale Unità d’Italia, quando ha incrociato una vettura che gli ha  subito lampeggiato con i fari. I poliziotti si sono fermati ed hanno immediatamente compreso subito che c’era alcun secondo da perdere.

il papà con il tono stravolto dall’emozione ha detto tutto al volo “Vi prego accompagnateci in ospedale, mia moglie sta partorendo” . I poliziotti sono saltati sulla loro Volante ed hanno aperto la strada a sirene spiegate per fare strada, ma hanno potuto percorrere pochi chilometri, perché il papà da dietro ha ricominciato a lampeggiare insistentemente con gli abbaglianti. Nuovo stop della pattuglia e  questa volta “vitale”. “Mia moglie sta già partorendo non ce la fa.”  ha detto il marito l’uomo. Ed ai poliziotti è bastato un secondo per intuire che aveva assolutamente ragione. I due poliziotti hanno quindi chiesto immediatamente l’intervento del 118, ma L’ambulanza non è riuscita ad arrivare in tempo,  e quindi i due agenti hanno capito che toccava proprio a loro fare da ostetrici, ed i due agenti non si sono tirati indietro. Indossato i guanti di lattice in dotazione alle pattuglie della Volante, si sono messi accanto alla neo-mamma, che urlava dal dolore.

Il bimbo, era già pronto per venire alla luce e sul sedile macchina del suo papà aveva già tirato fuori la propria testolina, guardando con i propri occhi le luci della notte di una Taranto che dormiva inconsapevole del lieto evento. Il parto è avvenuto in pochi minuti e Giuseppe è nato tra le braccia dei suoi due angeli in divisa che lo hanno accolto al mondo, avvolgendolo subito con una copertina, che il papà del bimbo aveva con se dal bagaglio che la moglie aveva preparato per il lieto evento, che immaginavano entrambi ben diverso da come è avvenuto

Il piccolo è stato messo fra le braccia della mamma e si è immediatamente tranquillizzato smettendola di strillare così come la donna che aveva appena partorita, che dopo il dolore forte ed improvviso è riuscita anche a sorridere. Nel frattempo sono arrivati sul posto i medici del 118 che ha provveduto a tagliare il cordone ombelicale in ambulanza, e l’ambulanza è ripartita subito di corsa verso l’ospedale Santissima Annunziata, dove la mamma ed il bimbo sono stati subito visitati.

In ospedale sono arrivati anche i due agenti che hanno incontrato ed abbracciato il papà del bimbo,  il quale per forte emozione vissuta non riusciva neanche a trovare le parole per ringraziarli. E, poco dopo, hanno rivisto quel bimbo che hanno aiutato nascere in auto, e sono tornati in servizio con la propria Volante in una notte di lavoro nelle strade di Taranto che non dimenticheranno mai

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Arrestati agenti penitenziari a Reggio Calabria responsabili di torture a un detenuto
I Carabinieri di Taranto confiscano beni per 230mila euro ad un condannato per associazione di tipo mafioso
Continuano l'offensiva della Polizia di Stato alla criminalità locale in provincia di Taranto
Archivi
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977
Il Guardasigilli Nordio dispone l’ispezione sui pm della Procura di Firenze: "Accertamenti rigorosi"
A diciasette giornaliste il premio speciale "Matilde Serao" assegnato da Poste Italiane
Avvocati, accolta la proposta di Cnf e Cassa forense su compensazione debiti

Cerca nel sito