MENU
3 Dicembre 2022 07:48
3 Dicembre 2022 07:48

Acciaierie d’ Italia (Ex Ilva)sospende da lunedì le attività di 145 imprese appaltatrici

Da mesi l’ex Ilva é in una pesante crisi di liquidità e di recente Confindustria Puglia ha reso noto che sono maturati crediti per 100 milioni relativi a lavori effettuati, fatturati e non pagati alle imprese dell'appalto.

Con una comunicazione fatta questa mattina, Acciaierie d’Italia, ex Ilva, ha reso noto che da lunedi prossimo  sono sospese le attività di 145 imprese dell’appalto nello stabilimento siderurgico di Taranto. Il presidente Franco Bernabè un mese fa in pubblico, di fronte alle telecamere in occasione del forum Ambrosetti aveva detto: “Dopo la perdita di maggioranza da parte di ArcelorMittal, Acciaierie ha vissuto sostanzialmente senza aver accesso al credito bancario: le nostre difficoltà sono importanti, non di mercato, ma di funzionamento dell’azienda in queste condizioni, in cui l’azionista di riferimento ha perso le sue caratteristiche originarie di privato e c’è una compartecipazione di due azionisti che devono dotare l’azienda di risorse importanti” aggiungendo  di fronte a tutti i sindacalisti presenti al congresso nazionale della Uilm: “fino ad ora devo dire che Acciaierie sono state gestite in una situazione che in tanti anni di esperienza non ho mai visto: senza accesso al credito bancario, senza finanziamenti degli azionisti“.

questa la lettera inviata da Acciaierie d’ Italia alle imprese dell’appalto

L’ultima vicenda imbarazzante è il contenzioso venuto alla luce con Eni, che lo scorso il 30 settembre ha interrotto il contratto con Acciaierie d’Italia che ha accumulato un’esposizione debitoria arretrata di 300 milioni. Era tutto noto ma nessuno ha fatto niente. Adesso l’azienda prende il gas da Snam come fornitore di ultima istanza che concede servizio di defoult per 90 giorni. Acciaierie d’ Italia, Eni, Snam tre aziende pubbliche, di interesse strategico nazionale, e nessuno cerca di trovare una soluzione..

Da quando il governo giallorosso guidato da Giuseppe Conte ha deciso di chiudere la partita con ArcelorMittal facendo subentrare il pubblico all’investimento previsto e vincolante di 4 miliardi, è stato un disastro. Incredibilmente è stato proprio il premier Conte a dare semaforo verde al nuovo piano industriale che prevede la riaccensione dell’ altoforno Afo 5, dopo aver deciso che avrebbe dovuto farlo lo Stato, ma nessuno del suo governo si è mai occupato di mettere a disposizione le necessarie risorse economiche le adeguate disponibilità economiche e verificare che venisse attuato.

Gli indiani ArcelorMittal rappresentati dall’ Ad di Acciaierie d’ Italia, Lucia Morselli, ha speso un miliardo proveniente dalle attività commerciali, e dai soldi confiscati ai Riva (400 milioni di Euro per realizzare la copertura dei parchi minerari) per ottemperare nei tempi previsti tutte le prescrizioni del piano ambientale ormai completo al 90 per cento, ma in cassa non ci sono soldi per acquistare e pagare le materie prime, i fornitori, le manutenzioni. Ma persino anche per pagare gli operai, messi in cassa integrazione dall’ormai ex ministro del lavoro Andrea Orlando.

il sindacalista Rocco Palombella, leader della UILM

“Con la sospensione dei contratti di appalto da parte di Acciaierie d’Italia si corre il serio rischio di superare il punto di non ritorno. Con questa sciagurata decisione del management dell’ex Ilva si incrementa a livelli insostenibili il numero dei lavoratori in cassa integrazione, considerando i 1.600 in Amministrazione straordinaria, i 3 mila dipendenti e tutti le migliaia di lavoratori dell’indotto interessati da questo atto. A questo punto ci chiediamo, dopo le esternalizzazioni fatte in questi anni da parte del management acciaierie D’Italia, come possa essere assicurata la continuità produttiva ma soprattutto la sicurezza degli impianti. Ora è necessario che il Governo faccia presto per assicurare una corretta gestione del più grande stabilimento siderurgico europeo e che faccia tutto il possibile per garantire l’occupazione, l’ambiente, la salute, la sicurezza e la continuità. A partire da lunedì, a valle dell’incontro con i parlamentari locali, partirà la mobilitazione da parte delle organizzazioni sindacali. Non c’è più tempo da perdere, non possiamo tollerare che si giochi sulla pelle su migliaia di lavoratori e il futuro di un’intera comunità”. Lo dichiarano Rocco Palombella, Segretario nazionale Uilm e Responsabile del settore siderurgico, e Davide Sperti, Segretario Uilm Taranto. 

“Si tratta di un gesto gravissimo – dicono Valerio D’Alò e Biagio Prisciano, rispettivamente segretario nazionale e Taranto della Fim Cisl che mette a rischio centinaia di posti di lavoro. La ricaduta occupazionale sarà massiccia. Se Acciaierie d’Italia e l’ad Lucia Morselli pensano di utilizzare questa situazione per premere sul Governo e cercare di ottenere le risorse del miliardo di euro del dl Aiuti, hanno sbagliato i conti e vedranno l’opposizione del sindacato”. Per D’Alò e Prisciano, “è poi singolare che questa stretta dell’azienda arrivi a poche ore dall’incontro che lunedi Fim, Fiom e Uilm avranno a Taranto con i parlamentari sulla situazione dell’ex Ilva. Anche questa è una forma di pressione, è una strumentalizzazione”.

Da mesi l’ex Ilva é in una pesante crisi di liquidità e di recente Confindustria Puglia ha reso noto che sono maturati crediti per 100 milioni relativi a lavori effettuati, fatturati e non pagati alle imprese dell’appalto.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977
Previsti 19 milioni di euro nella Legge di Bilancio 2003 per integrazione salariale ai lavoratori ex-Ilva in a.s.
Poste Italiane ottiene la certificazione "Equal-Salary" per le politiche salariali tra donne e uomini
Esperti nazionali ed internazionali si confrontano a Bari sul futuro dell’acqua
L'Antitrust sanziona per 5 milioni di euro Enel ed agenzie partner
Acciaierie d'Italia (ex Ilva) non si presenta a Roma . Sit in a Taranto, lunedì sciopero di protesta dei sindacati. Il ministro Urso: "Salveremo il sito".
Archivi
Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Per la Corte dei Conti la legge di bilancio 2023 "Manovra di ampia portata. Coperture efficaci ma poco efficienti"
Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977

Cerca nel sito