MENU
21 Giugno 2024 22:37
21 Giugno 2024 22:37

Truffa al bilancio europeo: sequestrati 172 mila euro all’eurodeputata della Lega Stefania Zambelli

Non è questa la prima volta che un eurodeputato viene indagato per l’utilizzo dei fondi del Parlamento europeo previsti per gli assistenti parlamentari. Nel 2019, la forzista Lara Comi era stata denunciata per truffa ai danni dell’istituzione Ue proprio perché sospettata di aver usato i fondi per gli assistenti per fini personali. Il processo è ancora in corso, mentre Comi è tornata a sedere sui banchi del Parlamento europeo

Sequestrati oltre 172 mila euro all’europarlamentare Stefania Zambelli (Lega) 51 anni, ed a quattro suoi collaboratori a Bruxelles. Secondo la Procura Europea e la Guardia di Finanza di Brescia la cifra corrisponde ai danni stimati al bilancio dell’Ue per una presunta truffa relativa fondi erogati al suo staff assunto in Italia. Per gli inquirenti, i collaboratori della Zambelli non avrebbero svolto o in alcuni casi solo parzialmente le attività relative alle funzioni per cui erano stati assunti e avrebbero falsificato la documentazione sul loro operato al Parlamento europeo, mentendo anche sui loro titoli di studio ed esperienze professionali pregresse, mai conseguite e tantomeno raggiunte.

Alla Zambelli dipendente amministrativa dell’Asst Garda in aspettativa, viene poi contestato di essere strettamente legata ad almeno una delle persone assunte e di avere beneficiato anche delle somme corrisposte dal Parlamento europeo per le attività lavorative che il personale avrebbe dovuto svolgere. Tra i collaboratori co-indagati risulta esserci anche Marco Pacini detto “Pacio” ultrà del Milan appartenente alla Curva Sud, e compagno della figlia della eurodeputata leghista.

Marco Pacini detto “Pacio” ultrà del Milan

“Secondo gli elementi di prova – si legge in un comunicato dell’Eppo – i quattro membri del personale non hanno svolto le attività connesse alla funzione per la quale erano stati assunti, o le hanno svolte solo parzialmente, documentando falsamente la loro attività al Parlamento europeo. Inoltre, hanno travisato i propri titoli di studio, avendo dichiarato competenze scolastiche e professionali di cui, secondo l’inchiesta, non disponevano. Si ritiene – continua il comunicato – che l’eurodeputata, strettamente legata ad almeno una delle persone assunte, abbia beneficiato anche delle somme corrisposte dal Parlamento europeo per le attività lavorative che il personale avrebbe dovuto svolgere“. 

Una parte del sequestro da 172 mila euro, eseguito lo scorso giovedì 23 febbraio, ha riguardato anche un’auto di sua proprietà. “Né io né i miei collaboratori abbiamo commesso alcun illecito. Il nostro operato è sempre stato improntato alla massima lealtà e trasparenza nei confronti delle Istituzioni e della collettività“, ha dichiarato Zambelli su Facebook. “Mi preme sottolineare che l’assistente parlamentare che con la sua denuncia ha dato origine a questo procedimento, è la stessa persona che mi aveva già denunciato al Parlamento Europeo nel 2019, con le stesse argomentazioni” ha sottolineato l’esponente del Carroccio. “In quella circostanza, per i medesimi fatti, questa assistente – aggiunge la Zambelliè stata all’esito del giudizio licenziata per giusta causa, secondo le indicazioni ricevute dagli stessi funzionari del Parlamento Europeo, mentre nei miei confronti non e’ stato emesso alcun provvedimento. Sono a completa disposizione della autorità giudiziaria per qualsiasi chiarimento”. Stefania Zambelli si è candidata anche alle recenti elezioni regionali ed è la prima dei non eletti a Brescia.

Non è questa la prima volta che un eurodeputato viene indagato per l’utilizzo dei fondi del Parlamento europeo previsti per gli assistenti parlamentari. Nel 2019, la forzista Lara Comi era stata denunciata per truffa ai danni dell’istituzione Ue proprio perché sospettata di aver usato i fondi per gli assistenti per fini personali. Il processo è ancora in corso, mentre Comi è tornata a sedere sui banchi del Parlamento europeo. Anche Eva Kaili, l’ex vicepresidente dell’Eurocamera arrestata nell’ambito del Qatargate, è accusata dello stesso tipo di truffa. 

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Autonomia differenziata, sì della Camera. Meloni: "Italia più forte e più giusta"
Premierato, cosa prevede il nuovo ddl: il premier eletto dal popolo, stop ai senatori a vita
Dia. Presentata la Relazione Semestrale del 1° semestre 2023
Il generale Claudio Graziano trovato morto in casa . Aperta un'inchiesta
G7, Meloni incassa il successo e punta all'Europa: "Italia abbia il ruolo che le spetta"
Il Papa: "Nessuna macchina tolga la vita umana". La premier Meloni: "Le sue parole sono d'ispirazione per tutti"
Cerca
Archivi
In Italia il mare più pulito d'Europa. Ecco le regioni migliori: il primato della Puglia
Medimex 24: venerdì 21 giugno proseguono le scuole di musica e le attività professionali
Come proteggere cani e gatti dal caldo
Caritas: un italiano su dieci vive in povertà assoluta
Un cardiologo e un magistrato onorario di Taranto stupravano a Benevento le pazienti durante le visite mediche

Cerca nel sito