MENU
1 Ottobre 2022 22:11
1 Ottobre 2022 22:11

Poste

Dalla Rete |
Abbiamo sbagliato tutto: la tratta dei camici e delle mascherine; i tamponi venduti a peso d’oro; l’emarginazione dei medici di base che potevano salvarci dalla furia dell’ospedalizzazione; la gestione della piattaforma delle prenotazioni. Prima le Poste, poi “Aria” che già nel nome ti dava l’idea di evanescenza, ora ancora le Poste. Ci voleva un generale degli alpini per farti un cazziatone, come sotto la naia.Milano mia
31 Marzo 2021
Una distribuzione efficace e l’incremento delle somministrazioni giornaliere, i pilastri della campagna vaccinale del commissario Figliuolo. I dati del bollettino: 26.062 i casi e 317 morti con il tasso di positività che sfiora il 7%. Effettuati 372.944 tamponi. 270 ingressi in rianimazione, i ricoverati aumentano di 497 unità
13 Marzo 2021
La sigla del Protocollo ha confermato la stretta collaborazione tra due delle realtà più vicine ai cittadini e alle istituzioni del Paese. Poste Italiane ed ACI hanno molto in comune: due grandi società in continua evoluzione, che fanno dello sviluppo tecnologico e della ricerca di prodotti e servizi sempre all’avanguardia le linee strategiche del loro sviluppo.
6 Ottobre 2020
Il leader di Italia Viva è il trionfatore del risiko delle poltrone (voto 8). Conte delude e non riesce a incidere (voto 4). Bene Di Maio (voto 7,5), appena sufficiente il Pd di Zingaretti. Sorprendente la resistenza di Descalzi (voto 10), riconfermato all’Eni nonostante scandali a catena. L’addio a sorpresa di Gianni De Gennaro. Grande assente: la meritocrazia
23 Aprile 2020
L’ombra di un cambio a Palazzo Chigi, così il premier medita di rinviare le nomine delle sette grandi aziende a partecipazione statale: Eni, Enel, Leonardo, Poste, Terna, Enav, Mps
12 Aprile 2020
Ecco chi c’è in pole e chi rischia di perdere il posto: la grande partita è cominciata. Nei prossimi mesi tra multinazionali, spa controllate dai ministeri, organismi indipendenti enti economici vari si ridisegna tutto il deep state italiano. La grande abbuffata è solo all’inizio. Ma i piatti in tavola sono così golosi che in tanti scommettono che il Conte bis, nato debole e già terremotato dalla mossa di Renzi, sopravviverà. Almeno finché tutti i territori del risiko delle nomine non saranno stati spartiti tra i nuovi padroni dell’esecutivo.
21 Settembre 2019
A Genova hanno detto ogni sorta di bugie, sono andati oltre ogni legge, hanno tentato in tutti i modi di aizzare l’odio sociale, la loro vera e unica specialità.
17 Agosto 2018

Cerca nel sito