Brogli elettorali: rieletto il consigliere regionale Cosimo Borracino (Sel)

Cosimo Borracino, l’ esponente politico di SEL,  ha avuto ragione nei confronti degli scrutinatori delle ultime lezioni regionali ed è stato eletto consigliere regionale, subentrando al posto del suo collega (e rivale) di partito, il foggiano Giuseppe Lonigro.  Borracino, è stato consigliere comunale di Pulsano e capogruppo dei Comunisti Italiani alla Provincia di Taranto, è stato eletto il 3 e 4 aprile 2005 al Consiglio Regionale della Puglia nel Collegio provinciale di Taranto nelle liste dei Comunisti Italiani. Lo scorso 1 luglio la Corte d’appello a Bari si riunì per la proclamazione degli eletti al consiglio regionale pugliese, che per la prima volta è avvenuta in forma pubblica. Infatti sinora era pubblica soltanto  la proclamazione del presidente della Regione. I conteggi sbagliati  per la lista “Noi a Sinistra per la Puglia’” fece fuori il tarantino Cosimo Borraccino e dentro il foggiano Giuseppe Lonigro.  La differenza nell’assegnazione dei seggi dipende, ha spiegato il presidente dell’ufficio elettorale, Marcello De Cillis, “da un diverso metodo nel calcolo delle preferenze“. Ma Borracino ha tenuto duro, si è opposto al TAR Puglia ed i fatti e  la giustizia gli hanno dato ragione.

Sarà quindi  Cosimo Borraccino a sedere nel consiglio regionale da cui esce il suo compagno di partito Lonigro. Questa di seguito la sentenza del TAR Puglia emessa ieri pomeriggio:

Schermata 2015-12-19 alle 00.14.12

 

Schermata 2015-12-19 alle 00.14.30

 

Schermata 2015-12-19 alle 00.14.49

 

Schermata 2015-12-19 alle 00.15.06

 

Schermata 2015-12-19 alle 00.15.25

 

 




Regione Puglia: Il Tar pugliese restituisce voti e speranze a Borraccino disponendo il riconteggio dei voti,

Schermata 2015-10-17 alle 08.01.45Il Tar di Bari ha rivolto al prefetto del capoluogo regionale, un invito molto chiaro ed esplicito: “La Prefettura riconti i voti” delle elezioni regionali dello scorso 31 maggio , che avrebbero assegnato un seggio alla circoscrizione di Foggia sottraendolo a quella  di Taranto,  nell’ambito della stessa lista politica “Noi a sinistra per la Puglia”, ed il cui spoglio definitivo delle preferenze,  hanno eletto il foggiano Giuseppe Lonigro in Consiglio regionale, escludendo il tarantino Cosimo Borraccino  il quale ha presentato ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale.

Schermata 2015-10-17 alle 08.00.04

nella foto, Cosimo Borraccino

Schermata 2015-10-17 alle 08.04.03

nella foto Giuseppe Lonigro

Borraccino  si era accorto che qualcosa non aveva funzionato correttamente, poichè all’atto del resoconto dei voti complessivi della circoscrizione di Taranto assegnati “Noi a Sinistra per la Puglia” in realtà sarebbe stato differente, per difetto, rispetto a quello scaturito dai controlli svolti, attraverso lo scrupoloso esame di tutte le sezioni. Secondo quanto era stato rilevato ed emerso dai controlli minuziosi effettuati dal Comitato elettorale di Borraccino, i voti validi per la circoscrizione di Taranto avrebbero fatto registrare la  scomparsa di un centinaio di voti, grazie ai quali il risultato finale, aveva danneggiato Borraccino, consentendo al rappresentante politico della circoscrizione di Foggia l’ingresso in Consiglio regionale ai danni del candidato di Taranto.

La produzione dei documenti presentati dai legali di Borraccino, avvocati Fabrizio Cecinato e Mario Soggia , all’attenzione del Tar di Bari, dimostrano che la circoscrizione di Foggia si sarebbe vista accreditare erroneamente dei voti in più rispetto a quella di Taranto, e che quindi quest’ultima era stata penalizzata da un numero di voti in meno rispetto a quelli effettivamente ricevuti, documentazione questa che ha indotto il tribunale amministrativo ad accogliere il ricorso di Borracino, che a questo punto potrebbe entrare in Regione al posto del suo compagno di partito Giuseppe Lonigro.




Regione Puglia, colpo di scena: Forza Italia perde un seggio, M5S cresce da sette a otto

Maurizio Friolo

Maurizio Friolo

Colpi di scena in Corte d’appello a Bari.  La proclamazione degli eletti al consiglio regionale pugliese,  è avvenuta in forma pubblica per la prima volta. Sinora era stata “pubblica” solo  la proclamazione del presidente della Regione. Ma il vero “colpo” a sorpresa è stata l’uscita di scena, dopo i necessari controlli elettorali,  del brindisino Maurizio Friolo , di Forza Italia.  Il partito di Berlusconi perde quindi un seggio scendendo da sei a cinque consiglieri.  Ad entra l’archeologo 31enne Gianluca Bozzetti anche lui di Brindisi,  eletto nel Movimento 5 Stelle, che vede crescere i suoi seggi da sette a otto.

CdG aula consiglio_regionale

 

Mino Borraccino

Mino Borraccino

Un altro colpo di scena nell’assegnazione dei voti anche nella lista ‘Noi a Sinistra per la Puglia’: esce il tarantino Cosimo Borraccino  (per la gioia di tutto il Pd tarantino n.d.r. ) ed al suo posto proclamato eletto il foggiano Giuseppe Lonigro.  Il presidente dell’ufficio elettorale, Marcello De Cillis, ha spiegato che la differenza nell’assegnazione dei seggi è conseguente ad  “un diverso metodo nel calcolo delle preferenze“.

Ecco quindi la nuova composizione “finale” ed ufficiale del nuovo consiglio regionale. Maggioranza centrosinistra: 29 consiglieri. Eletti nei Popolari: Peppino Longo, Napoleone Cera e Totò Negro. Nella lista Emiliano sindaco di Puglia eletti : Tonino Nunziante, Sabino Zinni, Mauro Vizzino, Leo Di Gioia, Mario Pendinelli e Giovanni Liviano D’Arcangelo. Noi a sinistra ha eletto: Guglielmo Minervini, Mimmo Santorsola, Sebastiano Giuseppe Leo, Pino Lonigro. Il Pd: Marco Lacarra, Mario Loizzo, Giovanni Giannini, Filippo Caracciolo, Ruggiero Mennea, Pino Romano, Fabiano Amati, Raffaele Piemontese, Paolo Campo, Sergio Blasi, Ernesto Abaterusso, Donato Pentassuglia e Michele Mazzarano. La Puglia con Emiliano porta in consiglio regionale: Alfonsino Pisicchio, Paolo Pellegrino e Peppe Turco.

L’ opposizione ha eletto 21 consiglieri. Forza Italia: Domenico Damascelli, Nino Marmo, Giandiego Gatta, Andrea Caroppo e Francesca Franzoso. Oltre con Fitto:Ignazio Zullo, Francesco Ventola, Erio Congedo e Renato Perrini. Area popolare: Gianni Stea, Giannicola De Leonardis, Luigi Manca e Luigi Morgante. Movimento 5 Stelle: Antonella Laricchia, Mario Conca, Grazia Di Bari, Rosa Barone, Cristian Casili, Marco Galante, Viviana Guarini e Gianluca Bozzetti.

N.B. in rosso gli eletti in Provincia di Taranto