MENU
17 Maggio 2022 10:16
17 Maggio 2022 10:16

Armando Siri

Nazionale | Sicilia |
Nicastri considerato il “re” dell’eolico in Italia, ritenuto il finanziatore della latitanza di Matteo Messina Denaro, è legato ad Arata, ex deputato di forza Italia e consulente di Matteo Salvini per l’energia. Confessa e accusa. “Così ho pagato una tangente da 100 mila euro nel mio ufficio”
2 Luglio 2019
Dopo una discussione ferma, durata due ore , alla fine il premier ha imposto la sua linea. Ora presenterà la proposta di revoca al presidente Mattarella, che dovrà emanare un decreto “ad hoc”
8 Maggio 2019
Il capo del Movimento 5Stelle alla vigilia del consiglio dei ministri decisivo va all’attacco : “Non capirò mai perché la Lega abbia continuato a difendere il sottosegretario”. Il vicepremier leghista snobba la riunione di domani in cui sarà decisa la revoca: “Andrò il tempo necessario”. ed aggiunge: “Con i 5Stelle c’è divisione, non solo su questo. Ma andiamo avanti”. Fino a quando ?
7 Maggio 2019
Presa di posizione del premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a palazzo Chigi, che pretende le dimissioni del senatore leghista Armando Siri da sottosegretario. Salvini: “In un paese civile non funziona così, lascio a Conte e Siri le loro scelte, a me va bene qualsiasi cosa se me la spiegano. Spero che venga il 26 maggio prima possibile, così le ragioni elettorali di qualcun altro verranno meno. In democrazia funziona così di solito”
2 Maggio 2019
Qualcuno aveva avviato atto un’ “operazione confusione” per generare il dubbio che la conversazione in cui Arata che parla di soldi al leghista non ci fosse. Ma in realtà il file audio esiste ed è la base dell’azione dei magistrati romani
26 Aprile 2019
Nelle intercettazioni si parla di una mazzetta da 30 mila euro per Siri. Che respinge le accuse: “Siamo alla follia”. Al centro dell’inchiesta un faccendiere nel settore dell’energia in rapporti con un condannato per mafia a Trapani, Vito Nicastri, il re dell’eolico vicino al clan Messina Denaro, che oggi è stato arrestato nuovamente. Dieci gli indagati. I rapporti di Arata con la politica, vecchia e nuova, da Mannino a Miccichè
18 Aprile 2019
Il ministro leghista della PA: “Stop alla prescrizione è una bomba nucleare sui processi”. La replica del Guardasigilli grillino : “L’unica bomba è la rabbia dei cittadini”. “Beata ingenuità – ironizza il presidente degli avvocati penalisti Giandomenico Caiazza – come se si potesse barattare un principio fondamentale della giustizia con uno stanziamento, per di più annunciato e basta”.
4 Novembre 2018

Cerca nel sito