MENU
16 Aprile 2024 18:09
16 Aprile 2024 18:09

Stanziato un miliardo di euro per decarbonizzare lo stabilimento siderurgico ex Ilva di Taranto

"Il Governo Meloni ed il ministro Raffaele Fitto hanno mantenuto l’impegno che era stato assunto nei confronti di Taranto".

“Nel decreto legge n. 19/24, con oggetto “Ulteriori disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)” è stato appostato il miliardo di  euro per la per la decarbonizzazione e l’idrogeno già previsto nel Pnrr. Già in aula a Montecitorio, in occasione della dichiarazione di voto sul decreto ex Ilva, avevo evidenziato che l’esecutivo aveva mantenuto le promesse, riappostando le risorse per la decarbonizzazione. Il Governo Meloni ed il ministro Raffaele Fitto hanno mantenuto l’impegno che era stato assunto nei confronti di Taranto“.

A renderlo noto è il parlamentare di Fratelli d’Italia, Dario Iaia, che evidenzia ciò che definisce un “dato oggettivo, contestato ancora da esponenti del centro sinistra non aggiornati, confermato anche dal dr. Penna direttore del Mase e dal dr. Stefano Cao amministratore di Dri Italia“.

L’ On. Iaia non risparmia una critica al centrosinistra.Come al solito, i fatti smentiscono le cassandre ed i profeti di sventura che – da quello che emerge – sembrano fare il tifo affinché ci siano fallimenti politici di una parte che si ripercuotono su un intero territorio. Il ministro Fitto lo aveva anticipato ed abbondantemente spiegato che non avrebbe avuto senso conservare quella somma sul PNRR che i tempi di realizzazione  dell’impianto, in relazione ai tempi di rendicontazione del Piano non ci avrebbero consentito di utilizzare le risorse e di realizzare gli investimenti a Taranto. Adesso il progetto per il preridotto per lo stabilimento di Taranto che avrà una capacità produttiva di 2,5 milioni di tonnellate l’anno sarà realtà è non c’è più il rischio che tali somme possano essere distratte“. 

Il parlamentare di Fratelli d’ Italia conclude: Oggi ci sono tutte le condizioni per ripartire per accelerare al massimo cercando contribuire, ognuno per le proprie competenze, affinché si possa raggiungere l’obiettivo della produzione di acciaio con una sensibile riduzione di tutti i parametri inquinanti.

© CDG1947MEDIAGROUP – RIPRODUZIONE RISERVATA |

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Amazon e Ferrovie dello Stato insieme per il trasporto merci dalla Germania e dall' Italia
Italia senza sportelli bancari: rimasti scoperti 717 Comuni
Class action contro Google, saranno cancellati i dati di milioni di utenti
Allarme Bosch a Bari: 1600 operai a rischio
La classifica delle 100 città dove si vive meglio in Europa: due italiane nella "Top 10"
Ecco il piano taglia-arretrati. Rateizzazione delle cartelle esattoriali, fino a 10 anni: come e chi può ottenerla.
Cerca
Archivi
Il professor Canfora a processo per aver diffamato la premier Giorgia Meloni
Agenzia delle Entrate, arrestati tre funzionari per corruzione
La Procura europea indaga D'Adamo assessore al bilancio del Comune di Bari per "truffa allo Stato". Il sindaco Decaro gli revoca l'incarico
Par condicio, abolire la commissione di vigilanza ?
Conte il "furbetto": finge di uscire per rientrare ottenendo più poltrone per il M5s in Puglia

Cerca nel sito