MENU
10 Agosto 2022 13:29
10 Agosto 2022 13:29

Sequestrati beni per oltre 2 milioni ad imprenditore tarantino per fatture false ed evasione fiscale

All'interno dell'articolo i nomi delle imprese coinvolte. L' azienda di Rinaldi avrebbe evaso l'Iva per circa 3 milioni di euro e non versato tasse su ricavi per circa 9 milioni. Inoltre la società del Rinaldi è accusata di aver falsificato fatture nei confronti di altre imprese per 11 milioni di euro.

CdG rinaldi in fissiI finanzieri del Comando Provinciale di Taranto della Guardia di Finanza  hanno provveduto al sequestro “‘per equivalente” conti correnti e beni per 2 milioni 115mila euro ad un imprenditore tarantino Giuseppe Rinaldi, 58 anni, con attività operanti nella fabbricazione di cancelli metallici, infissi, porte e finestre, su richiesta del pm Remo Epifani della Procura della Repubblica di Taranto, convalidata ed autorizzata dal Gip dr. Pompeo Carriere del Tribunale di Taranto. A seguito delle indagini dei finanzieri, è stato possibile accertare e scoprire che  nel periodo intercorrente fra gli anni  2006 e il 2012, che una azienda del Rinaldi non ha versato tasse sui ricavi di esercizio per circa 9 milioni, ed evaso l’Iva per circa 3 milioni di euro. La sua società è accusata di aver emesso e ceduto fatture “false” nei confronti di imprese operanti nello stesso settore per un fatturato , a fronte di prestazioni mai rese, per oltre 11 milioni di euro. Le imprese sono le seguenti: Nigro srl, Imts srl, Tps srl, Tecnology Plan Installation srl, Sport Sud s.a.s., Cantiere Navale Italia srl, Ifi srl,  tutte di Taranto, Iteg  srl di Grottaglie, Ctm sud srl di Faggiano, Tubimar srl di Crispiano.

Le indagini svolte hanno consentito di segnalare all’Autorità Giudiziaria oltre il Rinaldi, anche i titolari di  imprese operanti nel settore metallurgico, aventi sede a Taranto ed in altre città della provincia, per violazioni tributarie di cui al Decreto Lgs.vo+ 74/2000, i quali hanno utilizzato fatture false che venivano contabilizzate da altri imprenditori per falsare i propri bilanci, portando in detrazione costi che  in realtà non erano mai stati sostenuti, grazie alle fatture false  emesse in loro favore dalla società  dell’imprenditore utilizzata come “cartiera”, per un ammontare complessivo di 11 milioni di euro

CdG accertamenti GdF

Nel particolare, è stato accertato che i titolari delle suindicate imprese versavano gli importi relativi alle false fatture con assegni bancari accreditati sui conti correnti intestati al Rinaldi ricevevano illegalmente,  in contanti la restituzione dell’importo riferito a ciascuna fattura falsa, che veniva decurtato di una somma corrispondente all’I.V.A. oltre all’illecito compenso pattuito in media del 10% come tornaconto dell’imprenditore promotore del sistema fraudolento

CdG infissiIl giro di false fatture, relative a operazioni inesistenti e finti acquisti, accertato dalla Guardia di Finanza funzionava in questo modo: i titolari di altre imprese consegnavano assegni bancari per l’importo riportato nella fattura falsa, ma poi Rinaldi restituiva in contanti la somma trattenendo l’Iva e una percentuale pattuita come illecito compenso per il sistema fraudolento messo in opera. Il guadagno illecito era duplice: l’imprenditore che riceveva la fattura abbatteva gli utili soggetti a tassazione, riportando nelle dichiarazioni fiscali spese mai sostenute, e chi emetteva la fattura non versava l’Iva e tratteneva per sé un cospicuo guadagno.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Lotta alla 'ndrangheta. La DIA sequestra in Italia ed all'estero beni per oltre 32 milioni di euro
Arrestato sul litorale romano dai ROS dei Carabinieri il latitante 'ndranghettista Antonio Gallace
Il boss della ‘ndrangheta Rocco Morabito estradato dal Brasile è rientrato in Italia dopo 30 anni
La procura di Milano chiude l’indagine sulla truffa da 99 milioni sui servizi di telefonia. Coinvolta Wind-Tre
Crollo sulla Marmolada, 7 morti, 8 feriti, 13 dispersi. Il maltempo impedisce l'arrivo in elicottero del premier Draghi a Canazei, dove arriva in auto.
Gli "strani affari" di Massimo Bochicchio con la cosca Santapaola. Un nuovo mistero ?
Archivi
Le novità di WhatsApp: si possono cancellare i messaggi fino a due giorni dopo l'invio, uscita in incognito dai gruppi, status nascosto e blocco degli screenshot
"La Sirena delle Azzorre" in edicola il nuovo romanzo di Giovanni Valentini
Fratelli d’Italia e Crosetto ridicolizzano il TG1 e l' Usigrai sul Pnrr
Bloccato l’aggressore che ha violentato due turiste francesi a Bari
Perquisizione dell' Fbi a casa di Trump in Florida, portate via scatole di documenti.

Cerca nel sito