MENU
5 Febbraio 2023 01:38
5 Febbraio 2023 01:38

Scompaiono soldi dal conto bancario. Indagati direttore ed impiegata del Monte dei Paschi di Siena

Le indagini condotte dalle Fiamme Gialle hanno reso possibile di reperire elementi d'accusa in relazione alla sottrazione di somme di denaro avvenute ai danni di un cliente di 96 anni, deceduto a marzo scorso, titolare di un conto corrente presso lo sportello del Monte dei Paschi di Siena a Manduria.

Dal conto corrente di un anziano titolare del conto, dalla sua carta di credito risultavano prelievi dal bancomat ed addebiti sulla sua banca nonostante negli stessi giorni si trovasse ricoverato in gravi condizioni . È stata questa la prova più schiacciante dalle indagini delegate dal pm Remo Epifani titolare dell’inchiesta, alla tenenza di Manduria della Guardia di Finanza guidata del capitano Giuseppe Lorenzo, che avrebbe incastrato Giovedì Santo Giordano, 49 anni manduriano, direttore del Monte dei Paschi di Siena ed un’ altra dipendente Marina Verri, originaria di Caprarica ( Lecce) sua presunta complice, accusati in concorso di aver utilizzato indebitamente le carte di credito ed il bancomat intestato all’anziano correntista. Entrambi ieri hanno ricevuto la notifica dell’avviso di conclusione delle indagini a proprio carico. 

Le indagini condotte dalle Fiamme Gialle hanno reso possibile di reperire elementi d’accusa in relazione alla sottrazione di somme di denaro avvenute ai danni di un cliente di 96 anni, deceduto a marzo scorso, titolare di un conto corrente presso lo sportello del Monte dei Paschi di Siena a Manduria.

Gli investigatori della Guardia di Finanza nella loro relazione alla procura di Taranto scrivono che “La sottrazione è stata resa possibile attraverso la complicità di una dipendente della banca, preposta al rilascio degli strumenti di pagamento elettronico, atteso che la carta di credito utilizzata per gli illeciti prelievi risultava dai documenti ufficiali regolarmente consegnata al citato correntista, ma di fatto era nella disponibilità del direttore

Analizzando la documentazione bancaria acquisita, e confrontandola con le immagini acquisite dal sistema di video sorveglianza della banca, le Fiamme Gialle hanno potuto delineare ed accertare le modalità con cui venivano effettuate le sottrazioni in danno dell’ignaro correntista novantaseienne il quale peraltro era ricoverato in precarie condizioni di salute in una residenza sanitaria, nel periodo riferito alle movimentazioni illecite di denaro,

L’impianto accusatorio della Procura della repubblica jonica sostiene che sarebbero stati effettuati e accertati prelievi anomali, quantificati complessivamente in 9.100 euro nel periodo temporale di tre mesi,. Uno di questi prelievi sarebbe stato eseguito direttamente dal direttore dell’agenzia di Manduria del Monte dei Paschi di Siena il quale avrebbe prelevato dallo sportello bancomat la somma di 1.500 euro dal conto dell’anziano correntista mentre costui era ricoverato.

Lo scorso febbraio cioè un mese prima che l’inconsapevole vittima decedesse nella struttura dove si trovava ricoverato da tempo, gli investigatori della Guardia di Finanza si sono presentati dell’agenzia di Manduria della banca Monte dei Paschi di Siena fermandosi a parlare per ben due ore con il direttore, acquisendo dalla banca tutti i fascicoli documentali richiesti. Le indagini sono proseguite sino alla consegna della propria relazione depositata al pubblico ministero Remo Epifani titolare del fascicolo d’indagine , che ha definito le contestazioni dei reati per i due bancari c he al momento non stanno lavorando ed è prevedibile una loro sospensione dal servizio .

L’attività svolta dalla Guardia di Finanza testimonia ancora una volta il costante impegno per il contrasto di ogni forma di illegalità e truffe di ogni genere a danno dei cittadini onesti ed in particolare delle categorie più indifese e vulnerabili.

AGGIORNAMENTO

(15 maggio 2022)

Dispositivo-di-sentenza-Manduria

PDF Embedder requires a url attribute
TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Il Procuratore di Palermo: "Messina Denaro a tutto pensava tranne che a farsi catturare"
L'ex magistrato Nardi ed i suoi presunti complici a processo dinnanzi al Tribunale di Potenza
A processo l'ex presidente della Provincia e sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti e altri otto imputati
Venti di burrasca legale e giudiziaria su alcuni consiglieri dell' Ordine Avvocati di Taranto
Incendio nel centro di Taranto, trovata una donna morta. Intero attico distrutto
Elezioni Ordine avvocati a Taranto: "tutto in famiglia". Un'elezione falsata (?) dai diversi conflitti di interesse della commissione
Archivi
La lettera del premier Meloni al Corriere della Sera sul caso Cospito
'Ndrangheta, struttura 'locale' a Roma: 67 verso il processo
Il Procuratore di Palermo: "Messina Denaro a tutto pensava tranne che a farsi catturare"
La relazione riservata mandata a Nordio. Cospito: "La sinistra mi tratta come una macchietta"
M5S o il partito di Conte ? Buona la seconda. Addio Movimento ed addio multe sul cambio di casacca

Cerca nel sito