MENU
5 Dicembre 2022 01:43
5 Dicembre 2022 01:43

Nasce “Alternativa Forense” a Taranto

Ieri presso il Tribunale di Taranto, si è tenuta l’assemblea costitutiva dell’associazione “Alternativa Forense” che si propone di tutelare gli interessi sindacali del ceto forense e più in generale di promuovere ogni iniziativa idonea alla concreta realizzazione dell’istanza di Giustizia del cittadino.

L’assemblea ha proceduto a nominare il suo primo Consiglio direttivo nelle persone degli Avvocati: Tommaso Notaristefano, Giuseppe Simeone, Nicola Marinelli, Maurizio Romano, Stefania Guelfo, Raffaello Esposito, Giandiego Monteleone. É stato nominato primo presidente dell’associazione l’Avv. Tommaso Notaristefano.

 

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Diritto all'oblio. La Corte di Cassazione detta nuove regole
BDO Italia S.p.A. e Studio legale Omnia insieme per le imprese del Territorio
Le decisioni del Ministero di Giustizia per la tutela da CoronaVirus negli uffici giudiziari
Dire “ti sputtanerò in tv” non costituisce una minaccia. Lo ha stabilito la Cassazione
Addio ai patteggiamenti in Tribunale. Per la Cassazione diventa "un' ammissione di colpa" in sede civile
Cassazione: l'energia elettrica non è indispensabile "Nessuna giustificazione per chi si allaccia abusivamente"
Archivi
Governo: "Durerà per intera legislatura"
Renzi lancia l'accordo di federazione Italia Viva-Azione
L'eleganza made in Italy piange la scomparsa di Cesare Attolini, "padre" della sartoria napoletana
Le Ferrovie dello Stato lanciano gara collegamento Aeroporto del Salento. I nuovi treni per la Puglia
Scoperti a Roma 95 "furbetti" del Reddito di cittadinanza: alcuni erano ai domiciliari e percepivano il sussidio

Cerca nel sito