MENU
3 Dicembre 2022 06:34
3 Dicembre 2022 06:34

“La signorina Lucarelli, che due palle !”

Facci l'aveva anche definita "ignorante" e "attempata stagista del giornalismo tradizionale". E Facci conferma oggi in suo articolo sul quotidiano LIBERO, che era tutto vero ! Aggiungendo di essere stato accusato che le aveva dedicato "insulti di stampo sessista", "discriminazioni di genere" e che avevo "denigrato la sua capacità professionale". Ma in questo caso il giornalista conferma solo l'ultima cosa

Era il 10 aprile 2020 quando il giornalista Filippo Facci scriveva che “la giornalista non-professionista Selvaggia Lucarelli era un’incompetente, e che farla scrivere di Covid (sul Fatto Quotidiano) era una follia. Scrissi che aveva pubblicato delle sciocchezze e che faceva disinformazione”. In un tweet, poi, invocò la pensione anticipata piuttosto che si potesse credere “che questa gossipara spargizizzania, che porta male a tutto quel che tocca ed è diventata nota perlopiù perle sue tette da vecchia matrona, possa essere accomunata allo stesso mestiere che faccio io“.

Affermazioni che spinsero la Lucarelli a querelarlo sostenendo che Facci l’aveva anche definita “ignorante” e “attempata stagista del giornalismo tradizionale”. E Facci conferma oggi in suo articolo sul quotidiano LIBERO, che era tutto vero ! Aggiungendo di essere stato accusato che le aveva dedicato “insulti di stampo sessista“, “discriminazioni di genere” e che avevo “denigrato la sua capacità professionale”. Ma in questo caso il giornalista conferma solo l’ultima cosa.

In data 20 ottobre 2020, il pm assegnatario del fascicolo con la querela della Lucarelli a Facci depositò la richiesta di archiviazione della querela. Secondo voi poteva finire così? Ma certo che no ! La Lucarelli non si dette per vinta, e si oppose. Il Gip Livio A. Cristofano però in data 18 maggio 2021, confermò la richiesta di archiviazione. La Lucarelli però non si rassegnò. Facci racconta oggi che la Lucarelli lo aveva anche denunciato all’Ordine dei giornalisti, scrivendo una mail con incipit “Caro Alessandro” e con “un abbraccio” finale. Il 9 novembre scorso l’Ordine dei Giornalisti ha disposto il non luogo a procedere con un’archiviazione dell’ esposto disciplinare: “ha detto, in pratica, che non gliene frega niente” scrive oggi Filippo Facci che conclude così “Ora vorrei solo aggiungere, circa la signorina Lucarelli, a bocce ferme: che due palle” !

La querelle fra Facci e la Lucarelli ha origini “datate”. Nel luglio 2017 Filippo Facci, seccato di essere stato accostato alla Lucarelli in un articolo sulle pagine del quotidiano Libero, si tolse qualche sassolino dalle scarpe. Il giornalista non ci andò affatto leggero, ed il ritratto che fece della Lucarelli è a dir poco sorprendente. La portinaia di Civitavecchia – così la definiva (e, spiega, non è l’unico dell’ambiente a farlo) – ha la nota abitudine di rispondere “Tizio ci ha provato con me, e gli ho dato il due di picche” a qualsiasi critica maschile che le dia particolarmente fastidio, e di recente l’ha fatto anche con me. Ha scritto sul suo blog che in passato avrei più volte cercato di fidanzarmi con lei”.

A questo punto come racconta il quotidiano online Today i toni si fecero più duri e Facci svelò tutto: “Siccome lo considero altamente diffamatorio, anche perché il metodo è vigliaccamente imperniato sulla difficoltà di provare il contrario, il problema è che con me è cascata male, perché conservo ancora l’intero carteggio email (da lei iniziato nel marzo 2003) in cui lei mi tampinava, mi spediva il suo numero telefonico, mi mandava sue foto in costume alle Maldive (conservo anche quelle), spediva contratti, chiedeva prefazioni, e specificava che, secondo sua madre, dovevamo fidanzarci. Una sera, addirittura, si presentò direttamente a casa mia a cucinarmi gli spaghetti, anzi, ecco la sola citazione testuale che mi permetto, ossia una sua email del 5 ottobre 2003, ore 16:26: ‘Tu non mi hai mai corteggiata. Ci siamo visti una volta sola perché io ero a Milano e perché mi sono presentata a casa tua. E ho fatto anche il caffè con la moka gigante“. 

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

A diciasette giornaliste il premio speciale "Matilde Serao" assegnato da Poste Italiane
Ancora una volta la Bernardini De Pace perde i clienti: dopo la Moric, è la volta di Francesco Totti
La procura di Forlì apre un’inchiesta per istigazione al suicidio dopo il servizio televisivo delle Iene
San Casciano dei Bagni, ritrovate oltre 20 statue di bronzo: "Scoperta più importante da Riace"
Quello che i grillini e Selvaggia Lucarelli non commentano
Le rivelazioni di Adriana Volpe su Istagram: "Ho registrato le conversazioni tra mia figlia e suo padre"
Archivi
Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Per la Corte dei Conti la legge di bilancio 2023 "Manovra di ampia portata. Coperture efficaci ma poco efficienti"
Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977

Cerca nel sito