MENU
5 Febbraio 2023 02:36
5 Febbraio 2023 02:36

La presidenza del Copasir a Lorenzo Guerini (Pd)

Per Guerini ex ministro della difesa, si tratta di una seconda volta a Palazzo San Macuto: nella scorsa legislatura ha guidato l’organismo parlamentare di controllo sui Servizi segreti prima di lasciare l’incarico per assumere il ruolo di ministro della Difesa nei governi Conte due e Draghi

Il deputato del Pd Lorenzo Guerini è stato eletto presidente del Copasir l’organismo parlamentare di controllo sui Servizi segreti . La sua nomina alla guida del comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, composto da 10 membri equamente suddivisi tra maggioranza e opposizione, è arrivata quasi all’unanimità, con 9 voti (e una scheda bianca).

L’approdo di Guerini in Parlamento avviene nel 2013 dopo aver vinto le parlamentarie volute dall’allora segretario dem Pierluigi Bersani . Con Matteo Renzi dalla prima ora, Guerini diventa subito la sua eminenza grigia e il suo braccio destro prima nella scalata alla guida del partito (dicembre 2013) e poi al governo (febbraio 2014). Portavoce della segreteria, poi vicesegretario, poi coordinatore: è sempre lui il “Gianni Letta” di Renzi, l’infaticabile mediatore, l’artefice del Patto del Nazareno con Forza Italia sulle riforme costituzionali e la legge elettorale, il detentore dei dossier più delicati del partito e del governo.

Renziano, certo, ma prima di tutto democratico. Lorenzo Guerini non segue Renzi nella scissione dell’autunno 2019: le cronache parlamentari raccontano di una discussione molto accesa durante la quale “il democristiano” – come è chiamato Guerini dai compagni di partito per la sua arte del compromesso – pronuncia il suo “no” spiegando all’ex premier che “lasciare il Pd è un errore di cui ti pentirai”.

Per Guerini,  classe 1966, laurea in scienze politiche, di professione consulente assicurativo ex ministro della difesa, si tratta di una seconda volta a Palazzo San Macuto: già nella scorsa legislatura ha guidato l’organismo parlamentare di controllo sui Servizi segreti prima di lasciare l’incarico per assumere il ruolo di ministro della Difesa nei governi Conte due e Draghi. Giovanni Donzelli (Fdi) è stato nominato vicepresidente, mentre Ettore Rosato (Iv) segretario del Comitato.

“C’è stata un’espressione netta del Comitato, a larga maggioranza, sull’ufficio di presidenza. Ora iniziamo a lavorare” ha detto Donzelli, lasciando Palazzo San Macuto. “Clima serenissimo“, ha aggiunto, rispondendo a una domanda sulla riunione.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

La relazione riservata mandata a Nordio. Cospito: "La sinistra mi tratta come una macchietta"
M5S o il partito di Conte ? Buona la seconda. Addio Movimento ed addio multe sul cambio di casacca
Ecco chi è Alfredo Cospito(dagli attentati al 41 bis) difeso dal PD ed i suoi alleati
Il guardasigilli Nordio smentisce la sinistra: “Donzelli non ha svelato atti segreti o classificati”
Il Consiglio Nazionale Forense annulla la decisione della Commissione Elettorale dell' Ordine degli Avvocati di Taranto. I candidati ( 3 dei quali eletti) non andavano esclusi
Politiche industriali europee. Per il ministro Urso: “Italia in prima linea”
Archivi
La lettera del premier Meloni al Corriere della Sera sul caso Cospito
'Ndrangheta, struttura 'locale' a Roma: 67 verso il processo
Il Procuratore di Palermo: "Messina Denaro a tutto pensava tranne che a farsi catturare"
La relazione riservata mandata a Nordio. Cospito: "La sinistra mi tratta come una macchietta"
M5S o il partito di Conte ? Buona la seconda. Addio Movimento ed addio multe sul cambio di casacca

Cerca nel sito