MENU
18 Luglio 2024 09:50
18 Luglio 2024 09:50

La Corte di Giustizia Europea riconosce natura giuridica di impresa pubblica per Poste Italiane

Confermata la natura di impresa pubblica di Poste Italiane che riveste la qualità di "impresa pubblica" e quindi non di organismo di diritto pubblico, trattandosi di una società che opera in condizioni normali di mercato, che mira a realizzare un profitto e sostiene le perdite risultanti dall’esercizio delle sue attività, non può essere qualificata come organismo di diritto pubblico.

di Francesca Lauri

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea, con sentenza del 28 ottobre 2020, ha stabilito che Poste Italiane riveste la qualità di “impresa pubblica” e non di organismo di diritto pubblico. Pronunciandosi su una questione pregiudiziale rimessa dal giudice nazionale (TAR Lazio) relativa alla natura giuridica di Poste Italiane, ed in particolare se la stessa dovesse essere considerata organismo di diritto pubblico ai fini dell’applicazione del Codice dei Contratti Pubblici.

La Corte UE, recependo la tesi di Poste Italiane,  ha concluso che è confermata la natura di impresa pubblica di Poste Italiane, trattandosi di una società che opera in condizioni normali di mercato, che mira a realizzare un profitto e sostiene le perdite risultanti dall’esercizio delle sue attività, e dunque non può essere qualificata come organismo di diritto pubblico.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Antitrust avvia istruttoria su società dei gruppi Armani e Dior
Le "furbate" degli editori della Gazzetta del Mezzogiorno finiscono in Parlamento e sotto i riflettori delle Fiamme Gialle
A Bari l’evento "La Ripartenza, liberi di pensare" ideato dal giornalista Nicola Porro
Ok da Commissione Ue a prestito ponte da 320 milioni per Acciaierie d' Italia (ex Ilva)
Accordo da 450 milioni di euro tra BEI e Poste Italiane per promuovere digitalizzazione, automazione dei servizi e efficienza energetica
Il pugliese Giuseppe Inchingolo è il nuovo chief communication officer e chief Corporate affairs del gruppo Ferrovie dello Stato
Cerca
Archivi
La DIA di Milano arresta 2 imprenditori contigui ad un "clan" di Cosa Nostra. Sequestri per 5 milioni di euro
Lucia Morselli accusata di associazione per delinquere dalla Procura di Taranto
Antitrust avvia istruttoria su società dei gruppi Armani e Dior
Giovanni Canio Mazzaro, ex della ministra Santanchè, condannato a due anni e mezzo.
Alla ricerca del covo trapanese di Matteo Messina Denaro

Cerca nel sito