MENU
6 Ottobre 2022 16:45
6 Ottobre 2022 16:45

La Cassazione: se lei non vuol fare sesso, il marito può andarsene con l’amante

Lui abbandona il tetto coniugale per andare a vivere con un’altra compagna. La ragione ? Lei stava attuando un vero e proprio ‘sciopero del sesso’ con suo marito. Ma la Suprema Corte di Cassazione si è schierata dalla parte dell’uomo ed ha negato l’addebito della separazione a un marito di Pescara il quale aveva chiesto la separazione dalla moglie con la quale non aveva più avuto rapporti sessuali dal 2000, anno in cui era loro nato un figlio .

Il marito non sopportando più di venire mandato “in bianco” dalla moglie, se ne è andato di casa  andandosene a convivere con una nuova donna, decisione a seguito della quale l’azione legale intrapresa della moglie di addebitare la colpa della separazione al marito che aveva abbandonato il tetto coniugale.

Schermata 2016-02-11 alle 00.47.20

La Suprema Corte ha respinto la richiesta della moglie, attribuendole il dovuto peso e la colpa alla “violazione dei doveri coniugali. Il tentativo di incolpare della separazione il marito ,era stato già respinto dalla Corte d’appello dell’Aquila il 21 febbraio 2012, dopo aver ascoltato le dichiarazioni dell’uomo che aveva spiegato di “essere andato via di casa perchè la situazione familiare non era più sopportabile e che dalla nascita del figlio non vi erano stati più rapporti sessuali tra i coniugi“.

Quella dello sciopero del sesso intrapreso da parte della moglie, come attesta l’ordinanza 2539/2014 della Sesta sezione civile, era stata confermata anche dalla sorella del marito e peraltro mai smentita dalla diretta interessata. In definitiva, gli ermellini della Suprema Corte ha respinto il ricorso della donna, sostenendo che non erano stati introdotti “elementi di prova che possano escludere la preesistenza di una situazione di esaurimento della comunità morale e affettiva fra i coniugi cui attribuire la intollerabilità della prosecuzione della convivenza“.

Respinta anche la richiesta della moglie di ricevere un risarcimento danni. In sede di separazione il Tribunale di Pescara, nel settembre 2010, ha imposto all’ex marito un assegno di mantenimento per il figlio, per il quale è stato disposto l’affido condiviso, pari a 350 euro al mese.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Elezioni Csm: la sinistra della magistratura "divisa" aiuta la destra a prevalere
Cucchi, sentenza Cassazione: condanna a 12 anni per due carabinieri
I CORVI CON LE TOGHE PROTETTE DALL'ANONIMATO
GARANTE PRIVACY & DIRITTO ALL'OBLIO: "NO ALLA CANCELLAZIONE DI UN ARTICOLO DALL'ARCHIVIO ONLINE DI UN QUOTIDIANO"
MAFIA, ESTORSIONI E DROGA A BARI: 26 ARRESTI DEI CLAN
La Cassazione conferma la condanna: ora Denis Verdini rischia il carcere
Archivi
La procura di Potenza dopo Taranto adesso indaga sugli uffici giudiziari di Lecce. Ma quando si indagherà anche sulla procura lucana ?
Stadio della Roma. Beppe Grillo diceva: "Voi consiglieri non valete un ca..."
Perquisizioni delle Fiamme Gialle nelle abitazioni ed uffici della famiglia Matarrese: ipotesi di bancarotta fraudolenta
Operazione del Ros Carabinieri: 15 arresti per droga. Coinvolti anche due agenti della Polizia Penitenziaria ed un ex maresciallo dei Carabinieri
GFVip: una pagina di squallore televisivo che gioca sui sentimenti delle persone

Cerca nel sito