MENU
28 Novembre 2022 03:15
28 Novembre 2022 03:15

Insediato il nuovo presidente del Tribunale di Taranto

Ieri mattina, si è svolta in Tribunale a Taranto la cerimonia di insediamento del nuovo presidente, il dottor Franco Lucafò già presidente della sezione fallimentare del Tribunale di Bari.  Hanno portato il saluto,  il procuratore della Repubblica, Franco Sebastio e il presidente dell’Ordine degli Avvocati, Angelo  Esposito . Il neo presidente del tribunale  ha sottolineato nel suo intervento  il ruolo strategico e l’importanza di Taranto in campo giudiziario  e si è impegnato a sostenere il grande impegno da parte della magistratura e dell’ordine forense, nel governare, i grandi processi ed eventi sociali che pongono la città di Taranto alla ribalta nazionale, pur vivendo un momento di grande crisi economica, ambientale e sociale.

Il giudice Lucafò arriva a Taranto sicuramente fortemente motivato per lasciarsi anche alle spalle una vicenda giudiziaria che lo vide indagato nel 2012 (insieme ad altri cinque giudici del tribunale di Bari)  dalla Procura di Lecce insieme con dieci imprenditori, avvocati e commercialisti,  nell’ambito di una inchiesta su presunte irregolarità che sarebbero avvenute nel 2009 nella sezione fallimentare da lui retta. Le ipotesi di reato erano di corruzione per atto d’ufficio, peculato e usura.

Il presidente del tribunale di Bari, Vito Savino, intervenne a suo tempo con una nota sulla notizia dell’inchiesta della Procura di Lecce precisando che “non è dato conoscere riferimenti specifici di reati ai singoli giudici, che si tratta di accertamenti in svolgimento, e che gli accertamenti sono derivati da denunzie puntuali presentate dagli stessi giudici (specificamente dal presidente della sezione Franco Lucafò in servizio all’epoca dei fatti alla sezione fallimentare da gennaio 2009)”. Savino precisò, inoltre, che “senza imputazioni formali e in contesto di indicazioni approssimative e generiche, non è corretto pubblicare riferimenti titolati, tali da determinare pubblico discredito per l’attuale svolgimento della attività giurisdizionale dei magistrati facenti parte della sezione fallimentare da me apprezzata per competenza, professionalità e moralità, impegnati d’altronde nella gestione di complesse ed importanti procedure fallimentari e concordatarie“.

Al dr. Lucafò neo presidente del Tribunale di Taranto, vanno gli auguri di buon lavoro da parte della direzione e redazione del Corriere del Giorno, auspicando che possa risollevare e migliorare il funzionamento e l’efficienza di un Tribunale lasciato sin troppo allo sbando, e dove la certezza di una sollecito esito processuale, a volte è a dir poco un sogno.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

I Carabinieri di Taranto confiscano beni per 230mila euro ad un condannato per associazione di tipo mafioso
Continuano l'offensiva della Polizia di Stato alla criminalità locale in provincia di Taranto
La Procura di Taranto indaga sui concorsi pilotati all' AMIU, l'azienda municipalizzata per l'ambiente.
L'omicida delle escort a Roma aveva filmato l'uccisione delle donne cinesi. Nel cellulare trovati foto e video "raccapriccianti"
La Procura di Perugia chiede archiviazione per ipotesi di corruzione e sulla Loggia Ungheria
La ricorrenza della “Virgo Fidelis” celebrata dall' Arma dei carabinieri a Taranto
Archivi
Disastro a Ischia. Le menzogne di Conte :"Nel 2018 non firmai un condono". Ma la parola "condono" si trova persino nel titolo della norma !
Manovra 2022: "Governo riprenda strada concertazione"
Frana a Ischia, fango e macerie, trovata morta una donna di 31 anni. 11 dispersi.
L’Opinione del Direttore
I Carabinieri di Taranto confiscano beni per 230mila euro ad un condannato per associazione di tipo mafioso

Cerca nel sito