MENU
20 Maggio 2022 19:10
20 Maggio 2022 19:10

Guerra di poteri: il Csm disconosce la decisione del Consiglio di Stato

Uno scontro di poteri che si è celebrato ieri al Csm con una votazione che rischia di restare nella storia e che conferma la necessità di una rapida riforma dell'organo di autocontrollo della magistratura. La 5a commissione (incarichi direttitivi) ha infatti riconfermato il primo presidente della Suprema corte Pietro Curzio e la presidente aggiunta Margherita Cassano le cui nomine precedenti erano state ritenute illegittime dai magistrati di Palazzo Spada.

di Redazione Politica

Non era mai accaduto nella storia della magistratura e della repubblica che le nomine del vertice della Corte di Cassazione venissero azzerate dal Consiglio di Stato, che ha accolto il ricorso di Angelo Spirito, uno dei candidati esclusi, con due sentenze di venerdì scorso che hanno letteralmente “ribaltato” le precedenti decisioni del Consiglio superiore della magistratura, così come non era mai successo che per nomine di tale “peso” ed importanza la contro decisione di Palazzo dei Marescialli venisse adottata nel giro di sole 72 ore, con un weekend di mezzo.

Palazzo Spada, sede del Consiglio di Stato

Uno scontro di poteri che si è celebrato ieri al Csm con una votazione che rischia di restare nella storia e che conferma la necessità di una rapida riforma dell’organo di autocontrollo della magistratura. La 5a commissione (incarichi direttitivi) ha infatti riconfermato il primo presidente della Suprema corte Pietro Curzio e la presidente aggiunta Margherita Cassano le cui nomine precedenti erano state ritenute illegittime dai magistrati di Palazzo Spada.

Palazzo dei Marescialli, sede del CSM

La proposta è stata approvata con 4 voti a favore, 2 astenuti, non poche tensioni e qualche gioco di prestigio.Infatti i lavori sono stati interrotti per convincere il membro laico Alessio Lanzi (indicato) da Forza Italia, che voleva astenersi, a votare a favore della riconferma dell’ accoppiata, insieme ad Antonio D’Amato presidente di Magistratura indipendente , alla consigliera Alessandra Dal Moro della “sinistra” di Area; e Fulvio Gigliotti, membro laico indicato da M5S, componendo una maggioranza trasversale che definire imbarazzante è poca cosa. La 5a commissione incarichi direttivi del Csm ha dovuto riscrivere in fretta e furia le motivazioni delle nomine di Curzio e della Cassano, sulle quali si erano concentrati i rilievi del Consiglio di Stato.

Domani toccherà al plenum del Csm confermare l’indicazione della commissione per consentire la partecipazione legittimata di Curzio e della Cassano all’inaugurazione dell’Anno giudiziario dinanzi al Capo dello Stato, Sergio Mattarella. I due alti magistrati erano stati ritenuti di fatto “abusivi” dal Consiglio di Stato con due sentenze gemelle che avevano azzerato le due precedenti nomine del Csm avvenute il 15 luglio 2020 dando ragione al ricorso di Angelo Spirito, alto magistrato della Cassazione, determinato a far valere i propri maggiori titoli, basati sulle maggiori funzioni ricoperte ed una anzianità di servizio superiore.

Il Csm riconfermando le due precedenti nomine ha di fatto contestato e non rispettato le sentenze dei giudici amministrativi ritenute quasi uno “sgarbo” non solo nei riguardi del Csm, ma anche del suo presidente Sergio Mattarella, che in realtà è assolutamente estraneo alle decisioni non partecipando quasi mai alle sedute del plenum e tantomeno ha mai partecipato alle commissioni. Non è questa la prima volta che il Consiglio di Stato sbugiarda le decisioni e nomine di Palazzo dei Marescialli, dove le carriere si basano sull’appartenenza “politica” alle varie correnti della magistratura. Ed eclatante era stato il precedente caso della nomina illegittima a procuratore capo di Roma Prestipino, anch’essa “bocciata” dal Consiglio di Stato.

Il Capo dello Stato venerdì, sarà presente a “Palazzaccio” sede della Corte di Cassazione in pazza Cavour a Roma per l’inaugurazione dell’ anno giudiziario dovrà ascoltare proprio da Curzio la relazione sullo stato della giustizia, circostanza questa che ha spinto il Csm a confermare alla velocità della luce le due nomine. Mattarella potrebbe partecipare al plenum così come aveva partecipato alla nomina di Curzio.

Inamovibili le astensioni annunciate di Michele Ciambellini, magistrato napoletano della corrente moderata di Unicost, e di Sebastiano Ardita, ex procuratore aggiunto a Catania che fa squadra al Csm con il pm antimafia di Palermo Nino Di Matteo .Dalle voci di corridoio di Palazzo dei Marescialli, Ciambellini ha battagliato molto, manifestando non poche perplessità e critiche nel merito e nel metodo della nuova decisione. Avrebbe detto “Ci diranno e contesteranno che così facendo abbiamo eluso la decisione del Cds“, è stato il suo richiamo. Infatti la nuova rinomina rischia di provocare un ulteriore contenzioso. Ardita a sua volta ha evidenziato una giusta preoccupazione: “se in un pomeriggio abbiamo fatto quello che normalmente richiede dei mesi, che idea si farà adesso il cittadino” D’ora in poi per una nomina “ordinaria” dovremo impiegare dieci minuti?”

Il pm romano Eugenio Albamonte, segretario della corrente di Area gli ha replicato con un’intervista al sito di Repubblica : “Legittimo e assolutamente opportuno che il Csm abbia rinnovato con tempestività le due nomine. Chi sostiene cose diverse vuole demolire il ruolo del Consiglio e avallare un trasferimento dei suoi poteri in capo al Cds. La decisione avrebbe meritato una condivisione unanime senza distinzioni speciose”.

Ancora una volta una certa magistratura ritiene di poter fare politica con la toga addosso. Ed è questa a nostro parere la vera rovina della giustizia. Quelle che i cittadini più comunemente chiamano “malagiustizia“.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Stefania Craxi è la nuova presidente della Commissione Esteri del Senato
Il giornalista Furio Colombo, persona seria, sospende la collaborazione col "Fatto Quotidiano": "Non voglio essere complice di Orsini".
Mattarella a Venezia per i 60 anni della Scuola Navale Militare "Morosini"
Tg2, stella a 5 punte in ascensore a Saxa Rubra: indaga la Digos della Questura di Roma
Il Csm ha deciso. Il nuovo procuratore nazionale antimafia è Melillo preferito a Gratteri
Convegno della DIA a Brescia: "La corruzione nella pubblica amministrazione"
Archivi
Operazione Transilvania. Carabinieri ed Europol smantellano organizzazione criminale basata in Romania ma operante in Italia ed all'estero
Perquisiti i due broker coinvolti nella tentata mediazione di D'Alema per le armi alla Colombia.
Guerra Russia-Ucraina. Zelensky: "Missili su Desna, molti morti. C'è l'inferno nel Donbass", Contatti tra Washington e Mosca
Guerra Russia-Ucraina. Biden: “Svezia e Finlandia nella Nato? Con la Turchia andrà tutto bene”. Raid nel Donetsk, ucciso bimbo di 2 anni. Mosca caccia 24 diplomatici italiani
Stefania Craxi è la nuova presidente della Commissione Esteri del Senato

Cerca nel sito