MENU
26 Giugno 2022 00:27
26 Giugno 2022 00:27

Foggia, l’ex sindaco leghista Landella e consiglieri comunali incandidabili

Oltre all'ex sindaco leghista Landella e a Iaccarino, sono quindi incandidabili gli ex consiglieri comunali di maggioranza Antonio Capotosto, Consalvo Di Pasqua, Dario Iacovangelo, Liliana Iadarola, Bruno Longo e l'ex vicesindaco di Foggia Erminia Roberto.

I giudici della prima sezione civile del Tribunale di Foggia hanno dichiarato incandidabile Franco Landella, ex sindaco della città capoluogo che aveva aderito alla Lega di Matteo Salvini, e Leonardo Iaccarino ex presidente del Consiglio comunale e altri sei consiglieri comunali di maggioranza. La dichiarazione di incandidatibilità era stata avanzata dal Ministero dell’Interno dopo lo scioglimento del Consiglio comunale per infiltrazioni mafiose nello scorso agosto.

l’ex sindaco Landella all’uscita del Tribunale di Foggia

Landella era stato arrestato il 21 maggio scorso ed in seguito rimesso in libertà con l’accusa di tentata concussione e corruzione nell’ambito di una inchiesta su un presunto giro di tangenti, mentre Iaccarino era stato arrestato e poi rimesso in libertà il 30 aprile scorso con le accuse corruzione, tentata induzione indebita e peculato.

Oltre all’ex sindaco leghista Landella e a Iaccarino, sono quindi incandidabili gli ex consiglieri comunali di maggioranza Antonio Capotosto, Consalvo Di Pasqua, Dario Iacovangelo, Liliana Iadarola, Bruno Longo e l’ex vicesindaco di Foggia Erminia Roberto. E’ stata invece rigettata la richiesta di incandidabilità nei confronti di altri due ex amministratori pubblici Pasquale Rignanese e Lucio Ventura.

Nelle motivazioni del dispositivo di sentenza si legge che: Franco Landella quale ex sindaco del Comune di Foggia, di Leonardo Iaccarino quale Presidente del Consiglio Comunale, di Erminia Roberto quale Vicesindaco e di Liliana Iadarola, Antonio Capotosto, Bruno Longo, Dario Iacovangelo e Consalvo Di Pasqua quali consiglieri comunali di maggioranza non abbiano esercitato i compiti di vigilanza e controllo sull’apparato burocratico-amministrativo del Comune, né posto in essere attività di indirizzo volte a contrastare ed impedire gli anzidetti comportamenti illegittimi, in tal modo non impedendo l’ingerenza della criminalità organizzata nelle attività di gestione dell’ente locale“. Diversa la posizione per Lucio Ventura e Pasquale Rignanese, la cui richiesta di incandidabilità è stata rigettata per “mancanza di prova“.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

A Taranto nominata la nuova giunta Melucci. Il manuale Cencelli vive ancora !
La Guardia di Finanza celebra i suoi 248 anni di attività al servizio del Paese
Mare Sicuro 2022: al via l'operazione della Guardia Costiera a tutela dei cittadini e del mare
"Zero danni da Fitto". La Corte di Appello assolve Raffaele Fitto dalle accuse di aver danneggiato la Regione Puglia
Elezioni Comunali a Taranto. Eletti e preferenze
Elezioni Comunali a Taranto e provincia . I risultati ufficiali | Diretta
Archivi
Paltrinieri compie un capolavoro mondiale e conquista la medaglia oro nei 1500 sl. Pilato medaglia argento nei 50 rana
E' iniziato il "de profundis" del Movimento 5 Stelle, ecco quanto valgono dopo la scissione
A Taranto nominata la nuova giunta Melucci. Il manuale Cencelli vive ancora !
L’Opinione del Direttore
Il pressing di Mario Draghi su Berlino riparte al G7

Cerca nel sito