MENU
8 Febbraio 2023 13:49
8 Febbraio 2023 13:49

Elon Musk deve dimettersi dalla guida di Twitter: lo hanno deciso i suoi follower

Hanno votato più di 17 milioni di utenti. Il 57,5% si è detto favorevole alle dimissioni. Nelle ore in cui si è svolto il sondaggio, Musk ha scritto altri tweet. “Coloro che bramano il potere sono quelli che meno lo meritano” ha scritto l’imprenditore

Elon Musk dovrà dimettersi e non sarà più il capo di Twitter, l’azienda che aveva acquistato soltanto due mesi fa sborsando 44 miliardi di dollari. L’imprenditore aveva affidato questa decisione a un sondaggio lanciato sulla piattaforma. “Dovrei dimettermi da capo di Twitter?” ha chiesto Musk ai suoi 122 milioni di follower, aggiungendo: “Rispetterò il risultato di questo sondaggio”.

Hanno votato più di 17 milioni di utenti. Il 57,5% si è detto favorevole alle dimissioni. Nelle ore in cui si è svolto il sondaggio, Musk ha scritto altri tweet. “Coloro che bramano il potere sono quelli che meno lo meritano” ha scritto l’imprenditore. E poi ha aggiunto: “Come dice il detto, attenzione a ciò che desiderate, potrebbe avverarsi”.

Musk inoltre ha annunciato che, dopo il sondaggio sulle dimissioni, ne lancerà un altro che riguarderà le regole di Twitter, aggiungendo: “Mi scuso, non accadrà più”. Non è chiaro se quello sulla policy sarà, di fatto, l’ultimo quesito che proporrà sul destino della piattaforma. Di certo in molti hanno criticato i continui ‘poll’ che hanno guidato la governance della piattaforma.

Musk infatti si è affidato più volte ai sondaggi, in passato, per affrontare decisioni controverse. “Vox Populi vox Dei” ha scritto il ceo di Tesla e SpaceX quando gli utenti di Twitter si sono detti favorevoli alla riammissione sul social dell’ex presidente Donald Trump.

Ancora, più recentemente, Musk ha riammesso – a seguito di un altro sondaggio che aveva lanciato personalmente – gli account dei giornalisti sospesi con l’accusa di aver favorito, in qualche modo, il tracciamento dei suoi spostamenti, in particolare del suo jet privato. “La gente ha parlato” ha scritto in questo caso l’imprenditore, riferendosi nuovamente a una sovranità popolare che non può essere messa in discussione. Neanche dal padrone del social.

Se Elon Musk dice che rispetterà l’esito del sondaggio, insomma, c’è da credergli. D’altronde l’acquisto stesso di Twitter è stato propiziato dalla risposta degli utenti a una sua domanda. Lo scorso 25 marzo, pochi giorni prima di formulare la sua offerta, Musk ha scritto: “La libertà di parola è essenziale per il corretto funzionamento di una democrazia. Credi che Twitter aderisca rigorosamente a questo principio?”.

Qualcuno ricorda che, al di là del recente sondaggioMusk aveva già in mente di lasciare il suo posto a un’altra persona. Lo scorso 16 novembre, nel corso di una testimonianza in tribunale – si discuteva del suo lauto compenso come Ceo di TeslaMusk ha affermato: “Sto pianificando di ridurre il tempo che dedico a Twitter e sto cercando qualcuno che guidi l’azienda al mio posto”.

E ora, se veramente Musk si farà da parte, chi prenderà il suo posto? E chi, soprattutto, sarà in grado di confrontarsi quotidianamente con gli umori dell’imprenditore? L’amministratore delegato in carica prima dell’arrivo di MuskParag Agrawal, sembrava aver trovato un buon feeling con l’imprenditore nelle prime fasi dell’acquisizione. Ma poco dopo è stato spazzato via brutalmente, come hanno raccontato i messaggi privati che i due si sono scambiati nei mesi scorsi.

“La questione non è trovare un amministratore delegato – ha scritto in queste ore Muskma trovarne uno che sia in grado di tenere Twitter vivo. Nessuno vuole questo lavoro, non esiste un successore”.

E a chi, scherzosamente, gli ha chiesto di affidargli la guida del social a costo zero, Musk ha risposto: “Devi essere masochista. Dovrai investire i risparmi di una vita su Twitter che si trova, da maggio scorso, sulla corsia preferenziale verso la bancarotta. Vuoi ancora il lavoro?”.

Lo scorso 26 ottobre, Elon Musk arrivava sorridente nella sede di Twitter, a San Francisco, con un lavandino in braccio. Voleva comunicare, simbolicamente, che si considerava l’ultima risorsa per la sopravvivenza dell’azienda, e dunque del social. “To throw the kitchen sink“, si dice in gergo. Dopo due mesi, anche quel lavandino è andato in pezzi.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Attacco hacker in corso sulla rete Internet: migliaia di server down nel mondo, anche in Italia
Il cane ucraino eroe di guerra: "Vask'ka è tornato nelle trincee su tre zampe"
Roma al settimo posto come migliore città del mondo per i turisti online
Il decalogo della Polizia Postale per evitare truffe per gli acquisti online
Le rivelazioni dei Twitter-files: utenti in blacklist e post oscurati.
Internet, Corte Ue: "Motori di ricerca rispettino diritto all'oblio"
Archivi
Arrestato Tumbarello, il medico di Messina Denaro. Il gip: “Il medico massone ha firmato 137 ricette per il latitante”
Sanremo 2023, anche il presidente della Repubblica Mattarella stasera sarà in prima fila
Continuano le "furbate" di Arcelor Mittal sull'acciaio italiano. E nessuno dice niente!
Pubblicava sui social minacce di morte ed insulti al premier Meloni: scoperto e denunciato dalla Polizia di Stato
Il "caso Donzelli" divide gli elettori. Sondaggio: due italiani su tre difendono il 41 bis

Cerca nel sito