MENU
1 Marzo 2024 18:27
1 Marzo 2024 18:27

Ecco perchè Fitto ed i suoi sono “blindati” in Forza Italia

Forza Italia è, da tempo, un partito sull’orlo dell’esplosione. A dilaniarlo, innanzitutto, le contestazioni ad una leadership che pensa più alle aziende ed affari di famiglia che al Paese, una gestione quasi dittatoriale, l’assoluta mancanza di democrazia interna. Ma le tensioni del suo leader-padrone, Silvio Berlusconi, sono quelle con il capo dei dissidenti  e cioè l’europarlamentare Raffaele Fitto. L’ex-Cavaliere vorrebbe – e ne avrebbe molta  voglia – cacciare l’ex governatore della Puglia dal suo movimento politico. Il problema, però, è che legvalmente non può. A spiegarlo bene è stato il collega Tommaso Labate sul Corriere della Sera: Fitto potrebbe essere espulso soltanto dal collegio dei probiviri, che oggi, però, Forza Italia non ha.

FITTO

Oggi, dunque, non è possibile attivare la “pratica di espulsione“. Ma perché non esiste un collegio dei probiviri? Anche qui la risposta è piuttosto semplice. Quando è rinata Forza Italia dalle ceneri del Pdl, si conferì “al presidente Berlusconi pieno mandato politico e giuridico per attivare le necessarie procedure, anche attraverso le convocazioni degli organi statuari, secondo lo statuto di Forza Italia”. Nella delibera dell’ufficio di presidenza, dunque, l’unico riferimento è allo statuto forzista, che a sua volta prevedeva i seguenti provvedimenti disciplinari: “Richiamo, sospensione, espulsione e revoca dell’affiliazione“.

E il procedimento sull’espulsione, diceva la carta azzurra, può essere istruito solo davanti al collegio nazionale dei probiviri, “composto da 5 membri effettivi e 4 supplenti, eletti dal consiglio nazionale“. Ma il consiglio nazionale di Forza Italia non li ha mai nominati. Perché? Semplice: il consiglio a sua volta viene eletto dal congresso nazionale del partito, che però non si è mai tenuto.

Ecco quindi spiegata la ragione perchè Fitto non vuole saperne di uscire da Forza Italia ed il commissario Luigi Vitali strepita (inutilmente) tanto e Berlusconi non può far nulla. E secondo molti la resa dei conti in Tribunale è sempre più vicina.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Giochi del Mediterraneo, legittima la nomina del commissario Ferrarese ma sulle opere necessaria l'intesa con la Regione Puglia
A Torino, antagonisti assaltano volante della Polizia di Stato. La premier Meloni: "Pericoloso togliere sostegno alla Polizia"
Regionali, il centrodestra ricandida i governatori uscenti
La Von Der Leyen avverte: "una guerra non è imminente ma non è impossibile"
Lo sfogo di Decaro sul rischio di scioglimento per mafia del Comune di Bari, che però ha dimenticato il blitz antimafia
I sardi hanno provato che l'alleanza tra Pd e M5S può funzionare
Cerca
Archivi
Il Tribunale di Milano dichiara l'insolvenza per Acciaierie d'Italia: si sbloccano 320 milioni
Giochi del Mediterraneo, legittima la nomina del commissario Ferrarese ma sulle opere necessaria l'intesa con la Regione Puglia
Poste Italiane: Giuseppe Lasco nominato direttore generale
A Torino, antagonisti assaltano volante della Polizia di Stato. La premier Meloni: "Pericoloso togliere sostegno alla Polizia"
Regionali, il centrodestra ricandida i governatori uscenti

Cerca nel sito