MENU
1 Dicembre 2022 04:11
1 Dicembre 2022 04:11

Un pugliese in Formula Uno: Antonio Giovinazzi

Un pilota italiano torna finalmente ad essere "guida" titolare nel mondiale di F1. Antonio Giovinazzi , nato nel 1993 a Martina Franca in provincia di Taranto, affiancherà dalla prossima imminente stagione di Formula Kimi Raikkonen quale pilota ufficiale dell’Alfa-Sauber.

ROMA – Un pilota italiano torna finalmente ad essere “guida” titolare nel mondiale di F1. Antonio Giovinazzi, nato nel 1993 a Martina Franca in provincia di Taranto,   affiancherà dalla prossima imminente stagione di Formula Kimi Raikkonen quale pilota ufficiale dell’Alfa-Sauber.  Vice campione GP2 nel 2016, alle spalle del futuro pilota Red Bull Gasly, Giovinazzi ha dimostrato di essere più pronto che mai per la Formula Uno, dopo aver fatto un grosso  lavoro nevralgico al simulatore Ferrari, per aiutare il team, come ha fatto, ad avere la migliore macchina.

Giovinazzi ha trascorso interminabili ore al simulatore negli stabilimenti del cavallino rosso di Maranello a Modena . Non sono stati chilometri reali, che ha comunque percorso in pista con la Ferrari, Sauber e Haas, ma sicuramente la sua esperienza virtuale è stata fondamentale per poter vivere l’ambiente anche con impegni e occhi diversi e per avere un’immagine a 360° del mondo F1 che in pochi hanno.

Nei giorni scorsi il team Alfa Romeo Racing ha partecipato alla seconda giornata di prove sul circuito di Barcellona-Catalunya con Antonio Giovinazzi nella cabina di pilotaggio del concorrente del 2019, l’Alfa Romeo Racing C38. Giovinazzi  ha completato in totale 101 giri durante il giorno, concentrandosi principalmente sul lavoro di set up e sui test aerodinamici. Come ieri, la macchina si è rivelata affidabile e ha mostrato una buona prestazione. Il team si sente sicuro dopo la seconda giornata e continua a concentrarsi sul progresso.

 

Domani Kimi Räikkönen riprenderà la cabina di pilotaggio per la sua seconda giornata di test al Barcellona. Antonio Giovinazzi (auto numero 99) al termine delle prove ha commentato questa sua nuova esperienza: “È stata una grande esperienza guidare la mia vettura di Formula 1 per la prima volta e non vedo l’ora di svilupparla insieme al nostro team per tutta la stagione. Siamo all’inizio del processo di test, quindi abbiamo provato diverse configurazioni aerodinamiche per conoscere il comportamento della vettura, mi sono sentito molto a mio agio e abbiamo fatto un buon numero di giri. Nel complesso, è stata una giornata positiva e non vedo l’ora di tornare in macchina giovedì “.

E’ inutile dire che anche il CORRIERE DEL GIORNO come tutti i pugliesi e l’ italiani seguiranno faranno il tifo per questo ragazzo figlio del profondo Sud, che ancora una volta dimostra di poter fare la sua parte a testa alta. In bocca al lupo quindi ad Antonio Giovinazzi.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Il Cda della Juventus si è dimesso. Lascia anche il presidente Andrea Agnelli
DASPO DELLA POLIZIA AGLI ULTRAS DEL TARANTO CALCIO
Qatar 2022. Partiti i Mondiali di calcio tra polemiche e spese record
Pnrr, la Corte dei Conti ha approvato la delibera sui fondi per lo sport nelle scuole
La Curva Nord lascia San Siro. In un agguato a Milano ucciso il capo ultrà dell'Inter, il pluripregiudicato Boiocchi
Giorgia Meloni preferisce un'Alfa Romeo per l'esordio a Palazzo Chigi.Stop alle auto tedesche
Archivi
Previsti 19 milioni di euro nella Legge di Bilancio 2003 per integrazione salariale ai lavoratori ex-Ilva in a.s.
Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La lezione di Giorgia Meloni a Roberto Saviano:"Non è al di sopra della legge".
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Smantellata la rete di spie russe infiltrate in Svezia

Cerca nel sito