Toghe contro toghe: i consiglieri autosospesi vogliono tornare al Csm. Una vera e propria crisi istituzionale della magistratura

ROMA – L’azione moralizzatrice  attuata nei giorni scorsi dal vicepresidente del Csm David Ermini, sostenuta dal Capo dello Stato, principale argomento dell’ incontro di ieri avuto con i consiglieri autosospesi  Corrado Cartoni, Paolo Criscuoli, Antonio Lepre e Luigi Morlini, sembra destinata a non essere accolta a seguito della presa di posizione  dei magistrati che hanno dimostrato di avere più sete di potere che senso dello Stato e rispetto per la legalità.

I consiglieri togati del Csm coinvolti nell’inchiesta di Perugia , che si erano autosospesi non si dimetteranno  e quindi torneranno a esercitare le loro funzioni ritenendo “infondata” la richiesta di dimissioni avanzata dall’ Associazione Nazionale Magistrati.

Ieri mattina il vice presidente del Csm, David Ermini durante l’incontro avuto con i quattro consiglieri autosospesi, aveva nuovamente rivolto loro un appello alla massima responsabilità istituzionale, invitando i quattro togati a prendere presto una decisione, perché l’autosospensione non è prevista da nessuna legge e quindi non poteva protrarsi oltremodo. Ermini non ha chiesto formalmente le loro dimissioni, non avendo mai proferito le parole: “mancano le condizioni“, in quanto a carico dei quattro magistrati togati del Csm al momento non c’è un’indagine penale, né un procedimento disciplinare, che a questo di certo arriverà . Un concetto sottinteso, sopratutto dopo la presa di posizione di tutte le altre correnti ed in particolare dell’ Associazione Nazionale Magistrati.

Magistrati contro magistrati

Soltanto Luigi Spina, che è indagato dalla Procura di Perugia si è dimesso. La decisione dei magistrati apre un nuovo capitolo della bufera giudiziaria che ha travolto le stanze ovattate del Csm, sopratutto a seguito della pubblicazione delle intercettazioni degli incontri notturni a cui hanno partecipato i cinque consiglieri “carbonari”  con i parlamentari del Pd Cosimo Ferri e Luca Lotti,  riunioni durante le quali si analizzavano e contavano i voti che avrebbero consentito in sede di votazione nel plenum la nomina dell’attuale procuratore generale di Firenze, Marcello Viola, a capo della Procura di Roma.

La presa di posizione di non dimettersi, e di rientrare nelle proprie funzioni al Csm, è avvenuta ieri sera. Determinante l’appoggio pieno della corrente, per i tre consiglieri espressione di Magistratura Indipendente al termine di una lunga riunione di tutti gli iscritti che , dopo aver ascoltato la loro ricostruzione dei fatti ha ribadisce la propria “fiducia“, mentre invece la corrente di Unicost, ha chiesto al proprio rappresentante Morlini le sue dimissioni. Secondo la versione dei cinque magistrati in questione, sarebbe stata del tutto casuale l’incontro con il politico (peraltro indagato)  Luca Lotti, sostenendo che avrebbero dovuto incontrare solo vedere solo Cosimo Ferri, magistrato in aspettativa, ( a lato nella foto) dimenticando che si tratta comunque di un parlamentare, esponente politico del Partito Democratico

Lotti

Nessuno di noi sapeva che Lotti sarebbe venuto, si è palesato all’improvviso” questa la risibile giustificazione che non trova però riscontro nelle intercettazioni captate dal trojan della Guardia di Finanza nel telefono del pm Luca Palamara, candidatosi alla nomina di procuratore aggiunto alla procura di Roma. Di fatto il plenum del Consiglio Superiore della Magistratura è diviso e siamo in presenza di una profonda ed imbarazzante crisi istituzionale senza precedenti .

La corrente di Magistratura Indipendente nel documento approvatoall’esito di un’ampia e partecipata assemblea, afferma l’esigenza del rigoroso rispetto dei profili etico professionali nell’esercizio delle funzioni di magistrato e di consigliere nonché l’impegno ad evitare, in futuro, ogni contatto con qualunque esponente politico estraneo al Csm, ancorché magistrato” con un chiaro riferimento a Cosimo Ferri, il leader ombra della corrente e “ribadisce la centralità del Csm quale unico luogo di confronto istituzionale“.

Affermazioni con cui la corrente sembra prendere per la prima volta le distanze da Cosimo Ferri, il deputato del Pd che è sempre stato il punto di riferimento dei magistrati di Mi. Nel documento si legge anche : “all’esito della ricostruzione dei fatti fornita oggi dai consiglieri Lepre, Cartoni e Criscuoli rinnova loro la fiducia ed auspica pertanto la pronta ripresa delle loro attività consiliari. Il documento stigmatizza l’impropria campagna mediatica originata da un procedimento penale a carico di magistrati estranei a Magistratura Indipendente. Sottolinea la propria contrarietà a decisioni basate su giudizi sommari non suffragati dalla compiuta conoscenza degli atti“. Ed ancora una volta si cerca di dare la responsabilità ai giornalisti, che invece hanno consentito all’opinione pubblica di prendere conoscenza della mancanza di etica (e spesso di legalità) di alcuni magistrati.

La posizione di Pasquale Grasso, giudice civile e presidente dell’ ANM, esponente di Magistratura Indipendente  che ieri in assemblea si è astenuto, è risultata più che imbarazzante, in quanto proprio da presidente dell’Anm, nel corso del comitato direttivo centrale di mercoledì scorso dell’ Associazione Nazionale Magistrati , aveva chiesto le dimissioni dei tre consiglieri, posizione questa formalizzata nel documento finale votato dal parlamentino del sindacato delle toghe,  che  non è coerente ed allineata con quella espressa dalla sua “corrente”.

Per questo motivo Grasso ha lasciato Magistratura Indipendente con una letteraperchè ormai la casa natale mi sta stretta” ringraziando i colleghi “persone serie, per bene. ottimi magistrati”. In un’intervista ad un quotidiano della Capitale, Grasso ribadisce però che la sua ormai ex-corrente ha torto perchè “soggetti che hanno interloquito con un imputato (Lotti n.d.a.) per trattare il destino della Procura di Roma devono dimettersi“, concludendo “in questo incarico ci ho creduto ma non si può rimanere ad urlare nel deserto”. Una metafora che dice tutto sulla spaccatura interna alla magistratura, che vede il suo primato dell’indipendenza dalla politica, sbandierato da sempre come vessillo della legalità ormai lacerato definitivamente.

Sullo sfondo della crisi istituzionale del Csm incombe  lo spettro di una riforma del Consiglio che non convince le toghe né tanto meno alcuni costituzionalisti. Solo che i magistrati dimenticano di essere servitori dello Stato, e che le Leggi dello Stato le fanno ancora i parlamentari….




I politici e le manovre di Palamara. Tra i nemici Ermini il numero due del Csm

ROMA – Anche il vicepresidente del Csm David Ermini era finito nel loro mirino della “cupola con la toga” che non volevano ostacoli nella scelta dei nuovi procuratori. Incredibilmente era stato proprio l’accordo  tra le correnti di Magistratura Indipendente di Cosimo Ferri ed Unicost, di Luca Palamara, a determinare l’elezione del parlamentare ex-responsabile per la giustizia del Pd al vertice dell’organo di autogoverno delle toghe, come vicepresidente al fianco del Capo dello Stato  Sergio Mattarella.

Luca Lotti

I “registi” dell’accordo toghe-politici si aspettavano che Ermini si rivelasse disponibile alle loro richieste, e quando si sono accorti  che il vicepresidente del Csm non si faceva “pilotare”in quel momento sono cominciate le critiche nei suoi confronti. E come l’inchiesta sta rilevando grazie alle intercettazioni in possesso del Gico della Guardia di Finanza, il dissenso non arrivava soltanto da Ferri e Palamara, ma persino anche dei consiglieri che si incontravano di notte nell’ hotel dove alloggia il magistrato-parlamentare Cosimo Ferri per accordarsi sulle nomine. In primis il suo concittadino e compagno di partito Luca Lotti, fiorentino come Ermini, che era tra i più determinati a  sostenere che il prossimo magistrato  alla guida della Procura di Roma  dovesse garantire “la discontinuità” dalla precedente gestione di Giuseppe Pignatone .

Lotti vuole alla guida della procura di Roma Marcello Viola, attuale procuratore generale di Firenze, che conosce e del quale cui evidentemente si fida e non fa mistero della sua ostilità per l’altro candidato, anch’egli a Firenze, il Procuratore della Repubblica Giuseppe Creazzo, ritenuto inaffidabile, se non addirittura “ostile”, per aver travolto con le sue indagini la famiglia Renzi. Nella seconda settimana di maggio, l’ 8 maggio all’indomani dell’uscita di Pignatone , Lotti vuole dunque che si proceda con Viola. E soprattutto pretende che la nomina venga fatta in fretta, infischiandosene degli inviti del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, a procedere alle audizioni dei tre candidati alla sua successione (Lo Voi, Creazzo e Viola) affinchè la discussione in seno al Consiglio sia meditata e trasparente.

 

Queste conversazioni captate grazie al “trojan” inserito nel cellulare di Palamara ha portato alla luce tutti i retroscena sulle nomine che le toghe incredibilmente condividevano con i politici del Pd. Una trattativa che ha visto coinvolto anche il presidente della Lazio Claudio Lotito, recentemente candidatosi  e “trombato”, cioè non eletto nelle liste di Forza Italia in Campania, in virtù dei suoi rapporti personali con Ferri e con lo stesso Palamara, nonostante questi sia tifoso sfegatato della Roma !

Ieri Luca Lotti ha diramato una nota a dir poco minacciosa annunciando che “alla fine di questa storia chiederò a tutti, nessuno escluso, di rispondere delle accuse infondate e infamanti contro di me” aggiungendo: “Pare che incontrarmi o cenare con me sia diventato il peggiore dei reati: se così fosse in molti dovrebbero dimettersi, magistrati e non“. Ma nella sua nota, il braccio destro di Matteo Renzi non fa alcun cenno alla coincidenza che lui si occupasse della designazione del capo della Procura da cui è stato imputato a seguito della richiesta di rinvio a giudizio per la vicenda Consip. Tutto ciò nonostante le intercettazioni effettuate per conto dei magistrati di Perugia provano che Lotti discuteva con Palamara non a cena ma durante i colloqui notturni, dettando le condizioni e criticando anche il ruolo di Ermini dopo aver evidenziato che il vicepresidente del Csm , avvocato ed ex responsabile giustizia del Pd durante la segreteria di Matteo Renzi ,  avrebbe dovuto rispondere proprio a lui delle scelte compiute.

David Ermini

Ma le critiche ad Ermini arrivano anche da alcuni magistrati-consiglieri del Csm che insieme Palamara si sarebbero lamentati del comportamento di Ermini che non partecipava alle votazioni in Consiglio e in questo modo non agevolava le loro strategie, o meglio le loro “lotti…zzazioni”

In alcune occasioni al tavolo delle trattative partecipava anche Claudio Lotito, che vanta una frequentazione di anni con Ferri e Palamara . Le conversazioni intercettate hanno portato alla luce  un interesse personale del proprietario della Lazio Calcio che nonostante i suoi guai giudiziari avuti in passato, si preoccupava soprattutto per delle inchieste che coinvolgono alcune persone a lui vicine, come ad esempio il consigliere di Stato Sergio Santoro indagato per “corruzione”  nell’inchiesta sulle tangenti per aggiustare le sentenze amministrative dal Consiglio di Stato, che ha travolto Fabrizio Centofanti e gli avvocati Pietro Amara e Giuseppe Colafiore . Da segnalare che la stessa Procura di Roma, ha chiesto nei giorni scorsi, l’archiviazione della posizione di Santoro.

Santoro è uno degli amici più cari di Lotito , con il quale condivide non solo la passione per il calcio, le vacanze a Cortina d’ Ampezzo, siede negli organi della giustizia federale calcistica, dove lo ha imposto proprio Lotito. Guarda caso a fine maggio, accade che Santoro in qualità di presidente del collegio della Corte di appello della FIGC, debba decidere del ricorso del Palermo Calcio che, il 13 maggio, si è visto retrocedere dalla serie B in C a seguito di una pronuncia del tribunale federale per illecito amministrativo. Una pronuncia che di fatto salva dalla retrocessione in C della squadra di calcio della Salernitana, che il caso vuole, ha come proprietario proprio Claudio Lotito. Santoro lo scorso 29 maggio, si asterrà non in quanto amico di Lotito,  ma perché ancora indagato a Roma,  e la Corte Federale ribalterà la sentenza. Più di qualche coincidenza evidenzia che l’attrazione di Lotito per le toghe non è soltanto una cortesia di biglietti omaggio.

Il Presidente della Lazio quando si discuteva negli incontri notturni sui nuovi vertici della Procura della Capitale,  voleva dire la sua indicando i nomi di chi riteneva debbano essere il capo e gli “aggiunti”. E guarda caso l’ex presidente dell’Anm Luca Palamara ora indagato per corruzione a Perugia era uno dei magistrati candidatisi alla nomina a procuratore aggiunto di Roma .

Il presidente della Lazio Claudio Lotito, intervistato dai colleghi del quotidiano La Repubblica , la “butta in caciara”, come si dice a Roma. E come Luca Lotti, passa alle minacce: “Querelo tutti” sottraendosi a qualsiasi domanda. Già dal mese di aprile, Lotito andava dicendo in giro di avere un misterioso “candidato” per la Procura di Roma, ma nessuno sa di chi si tratti. Più di qualcuno ipotizza sia il magistrato che proprio in quello stesso mese, comincia  a Roma,  la sua campagna elettorale. Si tratta del  procuratore di Velletri Francesco Prete, che si è candidato alla successione di Pignatone al Csm , il quale spiega in qualche cena come sia venuto il momento di “archiviare” la stagione di Pignatone con la discontinuità dal suo operato.

La linea dell’Anm “Via i coinvolti, non sono degni”. Ma loro resistono

Parte in salita e con il freno a mano il riscatto del Consiglio Superiore della Magistratura nel tentativo di “riaffermare la propria autorevolezza” . Mentre il vicepresidente David Ermini è impegnato a redistribuire gli incarichi nelle commissioni dopo l’uscita di scena dell’indagato Luigi Spina e l’autosospensione di altri quattro componenti coinvolti negli incontri con i due parlamentari  del Pd, ferri e Lotti, non si può non segnalare la resistenza degli asutosospesi a rassegnare le dimissioni dal Csm, atto che consentirebbe all’organo di autogoverno di alleggerirsi da un peso che di giorno in giorno diventa sempre più difficile da sopportare.

Dimissioni che vengono richieste ufficialmente anche dall’Associazione Nazionale Magistrati che rappresenta le toghe italiane che sono coloro che eleggano i componenti togati del Csm , e riunisce tutte le correnti. Corrado Cartoni, Antonio Lepre e Paolo Criscuoli, di Magistratura indipendente, e Gianluigi Morlini, di Unicost- Unità per la Costituzione, però non hanno  al momento  alcuna intenzione di lasciare l’organo di autogoverno. E tantomeno vi sono norme e regolamenti per estrometterli d’ufficio. I magistrati che si sono auto-sospesi dal Csm momentaneamente si sono fatti da parte, a seguito dell’ invito dell’invito ricevuto dal vertice del Csm, ma non hanno mai speso  di rivendicare la propria correttezza di comportamenti,  e così facendo attivato un vero e proprio braccio di ferro dalle conseguenze imprevedibili.

Luca Palamara

La decisione di ieri dell’Anm è stato votata all’unanimità: le riunioni in cui si discutevano le prossime nomine dei procuratori di Roma e Perugia,  a cui partecipavano il parlamentare del Pd Cosimo Ferri , magistrato in aspettativa,  e dell’ex ministro renziano Luca Lottirappresentano con evidenza un’inammissibile interferenza nel corretto funzionamento dell’autogoverno». I componenti del Csm che vi hanno partecipato «non appaiono degni dell’incarico istituzionale“. Parole pesanti e durissime, che hanno attivato  la denuncia di tutti al Collegio dei probiviri , compresi Luca Palamara, che  è stato presidente dell’Anm, oltre che ex componente del Csm ed oggi fa il pm a Roma, e Cosimo Ferri,  per eventuali violazioni del codice etico.

Luca Lotti al telefono…..

Al giudizio dell’Anm si ribellano i tre consiglieri di Magistratura indipendente, la corrente moderata di cui Ferri rimane il “leader”. “La richiesta di dimissioni è priva di fondamento” dicono spiegando che loro erano a cena con Ferri e altri colleghi di Unicost, e che solo “all’improvviso si è palesato Lotti“. A loro dire senza alcun preavviso. Ma sui contenuti delle conversazioni intercettate tacciono , solo Cartoni replica: “Il modo di procedere dell’Anm è sommario e basato solo sulla stampa, che confonde fatti diversi“. Come sempre quando qualcosa non funziona in Italia per i magistrati ed i politici la colpa è sempre della stampa…

Anche Gianluigi Morlini, del gruppo centrista Unicost, sostiene che l’arrivo di Lotti non era previsto, ed afferma ” io mi sono allontanato con una scusa, ben prima che l’incontro terminasse, certo di non aver fatto nulla contro i miei doveri di consigliere” ed aggiunge che da presidente della Commissione Incarichi Direttivi  del Csm aveva respinto l’accelerazione del voto sul procuratore di Roma e s’era schierato per le audizioni dei candidati chieste espressamente dal vicepresidente anche per conto del Quirinale. Audizioni poi mai effettuate in quanto bocciate col voto determinante di altri.

Pasquale Grasso

Il presidente dell’Anm Pasquale Grasso fa parte di Magistratura indipendente, che era stato molto prudente nei giorni scorsi  e per questo motivo s’è attirato le critiche degli altri gruppi, ieri si è “allineato” votando il documento unitario, pur ribandendo che sarà necessario accertare la veridicità di quanto emerso finora, “se non vogliamo trasformarci in una bestia cieca in cerca di violenza purificatrice e autoassolutoria“. I magistrati del suo gruppo, consiglieri del Csm coinvolti, raccontano di essere stati strumentalizzati da Ferri che aveva convocato Lotti a loro insaputa, non hanno gradito il cambio di rotta di Grasso. Si annunciano a questo punto, delle rese dei conti all’interno delle varie correnti. Le eventuali dimissioni infatti comporterebbero nuovi equilibri nel Csm: ai tre giudici (due di Magistratura indipendente e uno di Unicost) ne subentrerebbero due di Autonomia e Indipendenza (la corrente che fa capo a Piercamillo Davigo) e uno di Area (la corrente più di sinistra ), mentre per i due pubblici ministeri bisognerà rivotare. Di fatto la corrente di Magistratura indipendente, uscita vincitrice dalle elezioni di un anno fa, verrebbe fortemente ridimensionata. Con molti mal di pancia…




Csm a pezzi, magistrati indagati da magistrati. Troppi giochi di potere per il controllo della giustizia

Luigi Spina

ROMA – La credibilità del  Consiglio superiore della magistratura è in crisi: quattro consiglieri togati , cioè eletti dagli stessi magistrati, sui sedici si sono autosospesi. Uno di loro Luigi Spina, indagato per “favoreggiamento” e “violazione di segreto” si è già dimesso qualche giorno. Il comitato di presidenza ha incontrato tutti i componenti del Consiglio. Momenti drammatici, mai vissuti nella storia dall’organo di autogoverno della magistratura, nel giorno in cui il plenum affronta il caso delle toghe sporche

Pochi minuti prima dell’apertura del plenum straordinario fissato per le 16:30 era arrivata l’auto-sospensione di altri due magistrati, Gianluigi Morlini e Paolo Criscuoli, che si aggiungono alla stessa decisione adottata da Antonio Lepre e Corrado Cartoni. Delle iniziative che però non paralizzeranno l’attività del Csm. Infatti secondo la legge istitutiva, il  Consiglio superiore della magistratura ha bisogno per funzionare  di 10 consiglieri magistrati e cinque laici. Allo stato siedono 13 magistrati (11 togati più il presidente e il pg della Cassazione), ma le uscite rappresentano un segnale “forte”. Numeri che nonostante le dimissioni ed auto-sospensioni  consentono al Csm di operare .

Cartoni e Lepre si sono auto-sospesi lunedì sera, così come richiesto dalla sezione Anm di Milano alla fine di una affollata riunione a cui hanno partecipato più di 300  magistrati del distretto della corte d’appello di Milano. Cartoni nei giorni scorsi ha sostenuto la correttezza del proprio operato, negando qualunque condizionamento. Un concetto questo, ribadito, insieme a Lepri, nella nota con la quale hanno comunicato la decisione di sospendersi: “Pur consapevoli e certi della correttezza del nostro operato, per senso istituzionale e per evitare attacchi strumentali al Csm – si legge – comunichiamo la autososospensione dalle funzioni consiliari in attesa che sia fatta chiarezza sulla vicenda”.  L’Anm milanese ha parlato nella sua nota di vicende di “inaudita gravità” che hanno fatto “emergere l’esistenza di una questione morale nella magistratura”.

“In questi giorni è in corso una campagna di stampa che confonde e sovrappone indebitamente i piani di una indagine penale relativa a fatti rispetto ai quali sono del tutto estraneo, come già emerso, con l’attuale attività svolta presso il Csm. Ciò ha offuscato e rischia di compromettere ulteriormente l’immagine e la percezione che dell’organo di governo autonomo della Magistratura hanno i cittadini prima ancora dei magistrati”, ha detto Criscuoli è componente della prima commissione (quella per le incompatibilità ) e della sesta, che si occupa di corruzione e contrasto alle organizzazioni mafiose e terroristiche, definendolo un “clima di caccia alle streghe.

Morlini è l’attuale presidente della Commissione Direttivi, esponente di Unicost, la corrente di centro delle toghe , in una lettera inviata al vicepresidente del Csm  ha scritto: “Pur se nessuno mi ha contestato nulla a livello penale o disciplinare, e pur se il mio nome nemmeno è uscito sulla stampa, so di avere, casualmente ed in modo da me non programmato, raggiunto alcuni magistrati ad un dopo cena in cui, ad un certo punto e senza che io lo sapessi o lo potessi prevedere, è intervenuto l’onorevole Lotti. Mi sono quindi poco dopo congedato, ben prima che la serata terminasse, certo di non avere detto o fatto nulla in contrasto con i miei doveri di consigliere”. Alla corrente di  Unicost appartengono i magistrati Luigi Spina accusato di “favoreggiamento e “violazione di segreto, e  Luca Palamara accusato di “corruzione”,  dalla Procura di Perugia.

Proprio nel giorno in cui era stato convocato  il plenum straordinario del  Consiglio superiore della magistraturaSpina si è presentato negli uffici della procura di Perugia da cui è indagato insieme al pm di Roma Stefano Rocco Fava, nell’inchiesta su Luca Palamara. Il magistrato Spina secondo i pm umbri avrebbe rivelato a Palamara di essere sotto inchiesta per corruzione, e dell’arrivo al Csm di un esposto di Fava contro Giuseppe Pignatone e Paolo Ielo, rispettivamente procuratore capo (in pensione da alcune settimane) e procuratore aggiunto della Procura di Roma.

L’ex consigliere del Csm Spina non ha brillato per trasparenza, decidendo (legittimamente) di avvalersi della facoltà di non rispondere. I suoi avvocati hanno così spiegato tale decisione “Abbiamo deciso, d’intesa con il dottor Spina, di procrastinare l’interrogatorio per raccogliere tutti gli elementi che consentiranno quanto prima di chiarire la sua posizione processuale” . Anche il pm Stefano Rocco Fava attualmente in servizio presso la Procura di Roma, indagato anche lui per “favoreggiamento” e “rivelazione del segreto di ufficio” è stato  ascoltato in Procura a Perugia in un interrogatorio durato ore  dai magistrati inquirenti.

Il pm Fava è l’ autore dell’esposto al Csm contro il procuratore Giuseppe Pignatone e l’aggiunto Paolo Ielo, viene accusato di alcune affermazioni intercettate: “C’avrai la tua rivincita perché si vedrà che chi ti sta fottendo (…)”  diceva al telefono Spina all’amico Palamara forse sarà lui a doversi difendere a Perugia, per altre cose perché noi a Fava lo chiamiamo”, e  Palamara rispondeva: “No adesso lo devi chiamare altrimenti mi metto a fare il matto”.

Lunedì sono arrivati gli atti della Procura di Perugia trasmessi al vicepresidente Ermini, ex deputato del Pd di cui era responsabile giustizia sotto la segreteria Renzi, il quale ha trascorso un paio d’ore a Palazzo dei Marescialli impegnato a leggere le carte ricevute dai magistrati umbri, prima di salire al Quirinale per incontrare il  Presidente della Repubblica Sergio Mattarella (che è il presidente del Csm) a cui ha sottoposto il testo del proprio discorso pronunciato oggi in apertura del plenum.

Il presidente Mattarella ed il vice presidente CSM David Ermini

Un dramma, una vicenda assimibilabile “a quella della P2 ha detto il vicepresidente del Csm  David Ermini riferendosi all’inchiesta della procura di Perugia, proferendo parole sferzanti nell’ introdurre il plenum di Palazzo dei Marescialli, aggiungendo Gli eventi di questi giorni sono una ferita profonda e dolorosa alla magistratura e al Consiglio superiore. L’associazionismo giudiziario è stato un potente fattore di cambiamento e di democratizzazione della magistratura. E ancora oggi svolge un ruolo prezioso. Ma consentitemi di dire che nulla di tutto ciò vedo nelle degenerazioni correntizie, nei giochi di potere e nei traffici venali di cui purtroppo evidente traccia è nelle cronache di questi giorni. E dico che nulla di tutto ciò dovrà in futuro macchiare l’operato del Csm. Siamo di fronte a un passaggio delicato: o sapremo riscattare con i fatti il discredito che si è abbattuto su di noi o saremo perduti”.
Secondo Ermini, che ha concordato il suo intervento al plenum con il presidente della Repubblica, “il Csm e la magistratura hanno al loro interno gli anticorpi necessari per poter riaffermare la propria legittimazione agli occhi di quei cittadini nel cui nome sono pronunciate le sentenze. Il Csm  è e deve essere la nostra sola casacca. Altre non ne abbiamo” ha detto il vicepresidente del Csm aggiungendo “Questa consapevolezza implica innanzitutto che l’attività di ogni componente venga svolto tenendo conto dell’autorevole consiglio e dell’esempio animatore che provengono dal Capo dello Stato, il quale non ha mai fatto mancare la sua guida illuminata attraverso la continua interlocuzione con il vicepresidente”.

Il numero due di Palazzo dei Marescialli ha escluso ogni ipotesi di scioglimento del consiglio: “Può continuare a svolgere le funzioni affidategli purché la reazione a condotte indiscutibilmente non compatibili sia chiara, rapida e non suscettibile di fraintendimenti. E io credo che così sarà perché il Csm e la magistratura hanno al loro interno gli anticorpi necessari per poter riaffermare la propria legittimazione agli occhi di quei cittadini nel cui nome sono pronunciate le sentenze”.

Ermini ha parlato delle nomine del futuro: “Ogni determinazione venga assunta al riparo di interessi esterni ed al solo fine di assicurare l’efficienza e la conformità a Costituzione della attività giurisdizionale”. In poche parole stop all’  ingerenza delle correnti.  Mentre per quanto riguarda le poltrone di procuratore capo,  le cui manovre sotterranee sono emerse grazie all’inchiesta di Perugia sul magistrato Luca  Palamara – “le nomine dei capi degli uffici giudiziari siano effettuate attraverso la rigorosa osservanza del criterio cronologico, fuggendo la tentazione di raggrupparle in delibere contestuali che inducano il sospetto di essere state compiute nell’ambito di logiche spartitorie o non trasparenti”.

Non è mancato nell’intervento di Ermini un passaggio sulle correnti. “L’associazionismo giudiziario – ha detto Erminiè stato un potente fattore di cambiamento e democratizzazione della magistratura, favorendo una presa di coscienza collettiva in ordine ai valori costituzionali che la giurisdizione ha il compito di attuare e difendere. Ma consentitemi di dire che nulla di ciò che io vedo nelle degenerazioni correntizie, nei giochi di potere e nei traffici venali di cui purtroppo evidente traccia è nelle cronache di questi giorni dovrà in futuro macchiare l’operato del Consiglio Superiore“.

“È un errore  descrivere questa vicenda come una guerra tra correnti. Le correnti, come ha ben scritto la segreteria di Unicost nel suo documento della scorsa settimana, sono le vittime di una vicenda connotata da individualismo, smania di potere, intolleranza alle regole” ha aggiunto Cascini che deve aver dimenticato quante “lottizzazioni” sono state effettuate nelle nomine anche dalla sua stessa corrente di appartenenza ( Area n.d.r.) , che non può essere esente da censure morali e critiche,

Alle discussioni interne a Palazzo dei Marescialli si sono aggiunte le polemiche interne  nell’ Anm che si riunirà domani con all’ordine del giorno proprio il “caso Palamara“, mediante l’attivazione dei probiviri.  Ai vertici dell’Associazione dei magistrati vi sono  posizioni contrastanti con il vicepresidente Luca Poniz (della corrente Area), il quale ha preso le distanze da quanto affermato dal leader del sindacato delle toghe, Pasquale Grasso. Un un’intervista alla Stampa Grasso ha parlato della necessità di un “esame di coscienza” e di “trasparenza” ma ha anche definito come “fisiologici” i contatti con la politica: “Ritengo sia un problema di limiti, e di opportuna e doverosa autolimitazione delle condotte”.

Di parere assolutamente diverso ed opposto la posizione di Poniz: “L’intervista di Grasso vede molti di noi su posizioni radicalmente diverse perchè esclude che vi sia uno scandalo nei fatti accaduti”,  parlando di relazioni che al contrario “fanno scandalo“.

L’ex-procuratore capo di Torino, Armando Spataro

Fa discutere la proposta avanzata dall’ex magistrato Bruno Tinti, sulle colonne di Italia Oggi, di sorteggiare i componenti del Csm e dell’Anm per evitare che nelle nomine dei magistrati influiscano giochi di potere e di correnti. “Una proposta immonda e Bruno Tinti sa come la penso” commenta l’ex procuratore capo di Torino Armando Spataro.

“L’idea non ha né capo né coda” secondo Giovan Domenico Lepore, ex procuratore capo della Repubblica di Napoli, che si dice in ogni caso favorevole “all’abolizione delle correnti all’interno della magistratura: spesso le nomine avvengono seguendo logiche di corrente invece che valutando il merito“. “Il sorteggio – afferma  Raffaele Guariniello, ex procuratore aggiunto di Torino – è una misura implacabile. Ma è pur sempre una retromarcia nella scelta dei migliori. Io sono per premiare chi merita, la competenza. Capisco la proposta di Tinti, ma allora vuol dire che siamo davvero messi male, Chi garantisce che i sorteggiati non faranno le stesse cose degli eletti? La sua proposta dimostra la crisi in cui è caduto il Csm. Quando sono entrato in magistratura le correnti erano un fatto positivo, erano un luogo di confronto. Ora sono centri di distribuzione degli incarichi. Dobbiamo trovare procedure che diano garanzia a tutela della trasparenza e del merito” dice Guariniello.




"Toghe sporche" . Altri due togati del Csm coinvolti nelle trattative segrete per controllare le procure

ROMA – All’interno dei faldoni dell’inchiesta della Procura di Perugia sul “mercato” delle nomine al Csm compaiono due altri nomi. Si tratta di due magistrati, consiglieri togati, della corrente Magistratura Indipendente: Corrado Cartoni, attualmente giudice presso il Tribunale di Roma, ed Antonio Lepre, pubblico ministero della Procura di Paola in Calabria. Cartoni è membro della terza commissione del Consiglio, mentre Lepre è membro della quinta commissione , cioè quella che valuta le candidature per gli incarichi direttivi e semidirettivi.

Secondo l’informativa del Gico della Guardia di Finanza  contenente il risultato investigativo pedinamenti e le intercettazioni telefoniche , vengono  documentati  delle riunioni “carbonare” a cui hanno partecipato il pm Luca Palamara, ex presidente della Anm ed ex consigliere del Csm, attualmente indagato per corruzione e “regista” delle grandi operazioni che volevano determinare la geografia negli uffici giudiziari chiave del Paese, e sopratutto i suoi interlocutori nel “Palazzo” : a partire  dal parlamentare del Pd, Cosimo Ferri, magistrato ex sottosegretario alla giustizia e “dominus” della corrente di Magistratura Indipendente della quale è stato segretario), e l’ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con Matteo Renzi, successivamente ministro Luca Lotti. Incontri avvenuti nel mese di maggio appena terminato, in almeno tre occasioni.

Secondo quanto riferiscono fonti investigative qualificate, le intercettazioni dei finanzieri del Gico “fotografano” infatti i magistrati Cartoni, Lepre e Palamara, con i parlamentari Ferri e Lotti beccati a discutere del “dopo Pignatone“, cioè della nomina del suo successore alla guida della procura di Roma, che sembra essere diventata un’ossessione per Lotti, conseguenziale probabilmente al suo coinvolgimento nell’ “inchiesta Consip“, condotta dal pool dei reati contro la pubblica amministrazione guidata da Paolo Ielo che pochi mesi insieme al pm Mario Palazzi avevano chiesto per lui il rinvio a giudizio e negli incontri delle ultime settimane Lotti avrebbe sostenuto la necessità di un cambio di rotta, patrocinando la candidatura del procuratore aggiunto di Firenze Marcello Viola, invece di quello di Palermo Francesco lo Voi, considerato troppo vicino alla gestione Pignatone.

Un’inchiesta che Lotti ritiene una macchinazione in suo danno. Infatti non a caso l’ex ministro Pd braccio destro da sempre di Matteo Renzi è da tempo alla ricerca di di un editore che gli pubblichi un suo libro sulla vicenda “Consip”. Il tenore ed i modi di questa cricca della malagiustizia,  le loro parole intercettate non devono essere molto “istituzionali” al punto da costringere la Procura di Perugia, a trasmettere a Palazzo dei Marescialli gli atti relativi a questo passaggio dell’inchiesta perché il Consiglio valuti gli aspetti disciplinari del comportamento di Cartoni e Lepre, con riserva di eventuali future valutazioni penali .

Nei prossimi giorni, dopo l’autosospensione da consigliere comunicata ieri al Csm dall’indagato Luigi Spina  magistrato di Magistratura Indipendente, che viene indicato nelle indagini della Procura di Perugia come il “sodale” che assieme a Palamara tramava per la rovina di Paolo Ielo, procuratore aggiunto di Roma ritenuto “uomo di Pignatone“, la corrente di Mi e il Consiglio Superiore della Magistratura  potrebbero perdere altri due consiglieri. Un’inchiesta che si è rivelata un vero e proprio ciclone inarrestabile.

Un “ciclone” giudiziario che ha origine della squallida vicenda professionale e non solo del pm Luca Palamara, sembra ormai non potersi più fermare,  coinvolgendo persino anche gli uffici della Direzione Nazionale Antimafia, dove è bene ricordare, l’ex procuratore capo Roberti è stato appena eletto parlamentare europee nelle liste del Pd. Sono arrivate arrivate alla D.N.A. le telefonate intercettate dell’ex Presidente dell’Anm Palamara, che cercava di coinvolgere Cesare Sirignano  magistrato antimafia di via Giulia per decidere il nome del futuro capo della Procura di Perugia (fino a ieri diretta da Luigi De Ficchy, da oggi in pensione), una sede “fondamentale” per i suoi destini personali ed in generale strategica nei rapporti di forza interni alla magistratura in quanto procura competente sui reati commessi dai magistrati di Roma. Il 7 maggio scorso Palamara incontra il magistrato Sirignano e gli dice che “Fava vuole andare a Perugia“, riferendosi all’esposto che il pm romano Stefano Rocco Fava ha deciso di presentare accusando Pignatone e Ielo di presunte scorrettezze nella gestione delle inchieste.

Paolo Ielo

La Guardia di Finanza delegata alle indagini ha comprovato una vera e propria attività di dossieraggio svolta contro il procuratore aggiunto di Roma, Paolo Ielo e ha indicato il commercialista Andrea De Giorgio tra i più attivi nella raccolta delle informazioni , motivo per cui mercoledì scorso è stata effettuata una perquisizione nei suoi confronti. De Giorgio è un consulente della Procura di Roma, il quale gli scorsi 25 marzo e l’11 aprile contattava Palamarae lo informa di aver acquisito informazioni sul fratello di Ielo che potrebbero danneggiare quest’ultimo“. Palamara ne parla con Spina, il 16 maggio ed insieme concordano delle nuove mosse contro Ielo. Spina manifesta assoluta sicurezza sull’esito ed anticipa di quanto accadrà al Csm: “C’avrai la rivincita perché si vedrà che chi ti sta fottendo e sarà lui a doversi difendere a Perugia, perché noi Fava lo chiamiamo“.

Il captatore trojan inserito da remoto dagli investigatori del Gico della Guardia di Finanza nello smartphone di Palamara ha consentito agli inquirenti umbri di poter ascoltare e registrare il frenetico impegno del magistrato romano e della sua corrente Unicost nel cercare di raggiungere compromessi ed accordi con le altre componenti della magistratura che, si scopre ora, hanno riguardato, nella passata consiliatura (cioè quella nella quale il pm Palamara è stato consigliere) e in quella presente il destino di quattro uffici giudiziari del Mezzogiorno aventi un “peso” politico per il tipo di procedimenti ed inchieste che gestiscono.

A partire dalla Procura di Gela dove – come raccontato ieri da “Repubblica” – gli “amici” di Palamara, gli avvocati Amara e Calafiore, hanno cercato di imporre ala guida  il pm Giancarlo Longo precedentemente in servizio presso la Procura di di Siracusa, il quale successivamente è stato arrestato per corruzione, ed ha lasciato la magistratura. O la Procura di Trani, dove Antonio Di Maio venne incredibilmente preferito a Renato Nitti, un capace ed eccellente magistrato della Direzione distrettuale Antimafia di Bari. Nonostante il Consiglio di Stato, aveva bloccato nell’ottobre del 2018, la nomina di Di Maio invitando il Csm a riconsiderare quella di Nitti, l’attuale composizione del plenum del  Consiglio Superiore della Magistratura, nel febbraio 2019, ha riconfermato la precedente nomina di Di Maio.

Pietro Argentino

Per finire alla Procura di Matera, dove nel luglio del 2017, il Csm aveva indicato e nominato  Pietro Argentino come Procuratore capo, nonostante lo stesso magistrato fosse stato indicato dal Tribunale di Potenza come testimone falso e reticente nel processo penale che aveva mandato in carte il pm Matteo Di Giorgio che sta scontando una condanna a 8 anni di carcere proprio a Matera.

Alfredo Robledo che da cinque anni non più in magistratura, dopo essere stato procuratore aggiunto presso la Procura di Milano, Robledo nel 2014 da aggiunto, aveva il coordinamento del pool di magistrati della procura milanese che si occupava dei reati nella pubblica amministrazione, ma gli venne contestato dei rapporti non ortodossi cn l’avvocato Domenico Aiello, ritirate le deleghe ed in seguito trasferito a Torino, a suo dire proprio per volontà di Palamara. “E’ lui che ha scritto il provvedimento cautelare con cui sono stato trasferito a Torino, ed è lui, ancora lui a a comporre la sentenza con cui quel trasloco diventa definitivo“. Sentenza contro la quale Robledo si è rivolto alla Corte Europea (CEDU) a Strasburgo presentando un ricorso, che è stato ritenuto ammissibile.

Palamara con una lettera inviata al presidente dell’Anm, Pasquale Grasso ha spiegato i motivi della sua decisione di dimettersi dall’ ANM: “Sono certo di chiarire i fatti che mi vengono contestati – scrive Palamara (a lato nella foto)  – il mio intendimento ora è quello recuperare la dignità e l’onore e di concentrarmi esclusivamente sulla difesa nel processo di fronte a tali infamanti accuse. Per tali ragioni mi assumo la responsabilità di auto sospendermi dal mio ruolo di associato con effetto immediato. Sono però sicuro –  conclude conclude il pm di Roma, che ha guidato l’Anm dal 2007 al 2012 –  che il tempo è galantuomo e riuscirà a ristabilire il reale accadimento dei fatti“.

E proprio l’Anm questa mattina ha chiesto gli atti dell’inchiesta alla Procura di Perugia. L’azione dei magistrati italiani, sottolinea l’Anm, “deve ispirarsi quotidianamente a principi di correttezza, trasparenza, impermeabilità ambientale, assoluta distanza e terzietà dagli interessi economici e personali. Ogni comportamento che si discosta da tali principi compromette e lede l’immagine dell’intera magistratura. Immagine che l’Anm intende tutelare: chiederemo alla Procura di Perugia gli atti ostensibili per poter avere una diretta conoscenza dei fatti e consentire una preliminare istruzione dei probiviri sulle condotte di tutti i colleghi, iscritti alla Anm, che risultassero in essi coinvolti“. È un atto che “riteniamo necessario per salvaguardare il lavoro, l’etica e l’impegno che ogni magistrato – conclude la nota dell’Anm – testimonia ogni giorno col suo lavoro“.

Intanto è stato convocato per mercoledì 5 giugno  il Comitato Direttivo Centrale dell’Anm per prendere alcuni provvedimenti dopo un’analisi di quanto accaduto negli ultimi giorni. In una nota, i consiglieri del Csm Corrado Cartoni e Antonio Lepre, di Magistratura indipendente,che avrebbero partecipato a incontri con esponenti politici per discutere della nomina del Procuratore di Roma, si difendono: “Il nostro comportamento è sempre stato improntato alla massima correttezza. Non siamo mai stati condizionati da nessuno. Marcello Viola è il miglior candidato alla procura di Roma e solo ed esclusivamente per questo lo sosteniamo”.

La corrente della magistratura Unicost, Unità per la Costituzione, alla quale appartiene il pm  Palamara, ha reso noto che se al termine dell’inchiesta di Perugia dovesse aver luogo un processo, “si ritiene parte lesa, sicchè sin da oggi ci riserviamo, in caso di successivo processo, la costituzione di parte civile a tutela dell’immagine del gruppo, gravemente lesa“. Lo dichiara il presidente Mariano Sciacca, ex componente del CSM  “Più leggiamo gli articoli e ancor più ci convinciamo del danno, forse ancora non compiutamente calcolabile, che la vicenda all’attenzione della magistratura perugina porterà alla magistratura italiana“, aggiunge Unicost nella nota firmata oltre che dal presidente Sciacca dal segretario Enrico Infante. “Al di là delle polemiche e delle strumentalizzazioni, Unità per la Costituzione, ma ancor prima ciascuno dei suoi associati, non possono accettare la perdita di credibilità davanti ai colleghi e ai cittadini”. E questa non è “ vuota retorica, ma sostanza”, affermano ancora i vertici della corrente di magistrati , assicurando che tutto il gruppo è pronto ad “assumere la propria responsabilità politica senza sconto alcuno“. E conclude: “Chiediamo ai colleghi Spina  e Palamara, iscritti a Unità di Costituzione – ai quali auguriamo di potere chiarire tutto tempestivamente –  di assumersi le rispettive responsabilità politiche, adottando le decisioni necessarie delle dimissioni dall’istituzione consiliare e dalla corrente“.

Poco dopo il Comitato di Presidenza del Consiglio Superiore della Magistratura ha reso noto le dimissioni di Spina, di Unicost, da membro togato, ed annunciato un plenum straordinario convocato per martedì 4 giugno, alle ore 16.30.

Da noi contattato un importante magistrato, già componente del Csm , a Palazzo dei Marescialli,  ci ha dichiarato: “Stiamo attenti a colpevolizzare un’intera categoria, che ha il diritto di essere difesa dalle mele marce. Se questa inchiesta è venuta alla luce è proprio grazie alla indipendenza e determinazione di alcuni magistrati“. Anche se bisogna ricordare che a Perugia da oggi il procuratore capo è in pensione, ed è proprio per quella poltrona, cioè di capo della procura che indaga sulle vicende oggetto dell’inchiesta giudiziaria in corso,  che si è scatenata questa inchiesta sulle toghe sporche .