MENU
3 Febbraio 2023 21:08
3 Febbraio 2023 21:08

Gregorio Lamusta

Cronaca Giudiziaria | Cronaca Puglia |
I due ragazzi ancora minorenni di 16 e 17 anni, vengono chiamati a rispondere dei reati di violazione di domicilio, lesioni personali, percosse, molestie, furto, sequestro di persona e tortura, questo il reato più pesante di tutti, aggravato dalla sopraggiunta morte del pensionato  capo di imputazione quest’ultimo per il quale rischiano una condanna a trent’anni di reclusione.
20 Settembre 2019
I minori per i quali è stato confermato il fermo e disposto il carcere, secondo il gip Morelli potrebbero inquinare le prove o ripetere gesti violenti. Anche per i due maggiorenni il Gip del Tribunale Penale Ordinario di Taranto, la dottoressa Alessandra Romano ha convalidato lo stato di fermo e disposto la detenzione cautelare depositando alla mezzanotte di ieri la sua decisione
3 Maggio 2019
Due maggiorenni (di 19 e 22 anni) ed i sei minorenni tutti 17enni saranno interrogati e dovranno rispondere delle accuse per i per i reati di tortura, con l’aggravante della crudeltà, sequestro di persona, violazione di domicilio e danneggiamento. AGGIORNAMENTO ALL’INTERNO
2 Maggio 2019

Cerca nel sito