Skullgirls: luci, camera, dolore

Skullgirls: luci, camera, dolore

di Paolo Campanelli

Ogni 7 anni, lo Skullheart si rigenera e offre ad una ragazza la possibilità di esaudire un desiderio. Tuttavia se il desiderio non è puro, la ragazza verrà trasformata in una Skullgirls, padrona della necromanzia e portatrice di distruzione. 7 anni fa, la regina Nancy si sacrificò per fermare una guerra tra le nazioni usando l’oscuro artefatto. La città di New Meridian è stata sotto il controllo della famiglia Medici per anni, ma Ora una nuova Skullgirls è sorta, e i destini di coloro che le si oppongono si intrecceranno in una nottata di combattimento, senza esclusione di colpi.

 Il gioco è un picchiaduro in 2d dal rimo incalzante e con differenti stili di combattimento, ed alcuni personaggi in possesso di una o più tecniche in grado di attaccare dalla distanza; molta attenzione e stata prestata in modo che il gioco non soffrisse di problemi tipici del genere, principalmente la disparità fra personaggi in date situazioni e le combo infinite (in cui un giocatore, una volta messo il primo colpo, può continuare a colpire l’avversario incapace di difendersi fino alla sconfitta), rendendolo molto bilanciato.

 Sono disponibili una modalità storia, arcade, multiplayer, online e una modalità speciale, oltre ad una galleria contenente un grande numero di illustrazioni.i combattimenti possono essere affrontati da soli o a squadre di due o tre combattenti, inversamente più potenti a seconda del numero di combattenti. La modalità speciale, ottenibile inserendo un codice all’avvio, richiede una tastiera e “spezza” il combattimento, facendo inserire al giocatore una serie di parole durante l’esecuzione delle supermosse: inserire la parola correttamente aumenta il danno inflitto del doppio o riduce quello subito di un quarto, mentre sbagliarla riduce il danno inflitto ad un decimo.

 L’ambientazione ricorda un film d’azione degli anni 20, con parecchi rimandi all’uso dei film in pellicola e colori vibranti. Oltre agli esseri umani, sono presenti in grande quantità animali più o meno antropomorfi e esseri parassitari uniti al corpo delle persone presenti negli sfondi; il gioco ha ricevuto molti apprezzamenti per la grafica pulita e fluida dei personaggi durante i combattimenti e per gli effetti grafici degli attacchi. La modalità “storia” mette in mano al giocatore il comando del personaggio prescelto, il cui obbiettivo sarà invariabilmente sconfiggere la Skullgirl, incrociando gli altri personaggi e rivelando differenti frammenti e punti di vista della storia. È da notare che benché sia presente un filo logico tra i vari episodi e alcuni combattimenti siano in comune tra di essi, ogni finale escluderà gli altri in maniera più o meno assoluta

 I personaggi giocabili sono 9, con 3 personaggi scaricabili supplementari (numero destinato a salire) e uno segreto. Essi sono, rispettivamente:

Filia è una ragazza che soffre di amnesia in seguito essere diventata l’ospite del parassita Samson, che ne è la capigliatura. I due vanno a caccia dello Skullheart per poter recuperare la memoria della ragazza. Lo stile di combattimento alterna copi rapidi e leggeri ad attacchi più polenti o a lungo raggio.

 –Cerebella era una ragazzina orfana adottata dalla famiglia Medici; cresciuta nel circo di quest’ultimi, è in possesso del cappello Viceversa, un copricapo in grado di trasformarsi in un paio di muscolose braccia giganti, vuole recuperare lo Skullheart per conto della famiglia e al contempo da la caccia a Miss Fortune.

 –Miss Fortune è una Feral dall’aspetto felino precedentemente a capo della Fishbone Gang, un gruppetto di ladri. Il suo ultimo colpo a danno dei Medici è terminato con l’intera gang morta e il gioiello che erano intenzionati a rubare, la LifeGem, assorbita dalla ragazza stessa, ora incapace di morire anche dopo essere stata tagliata a pezzi. Il suo stile di combattimento fa grande uso di questa caratteristica, al puto tale di staccarsi la testa e lanciarla contro l’avversario per ostacolarlo.

 –Peacock è una ragazza orfana salvata dagli schiavisti da Lab8, uno dei centri di ricerca che creano armi viventi da usare contro le Skullgirls, benché il dottor Avian, a capo del progetto, sia più interessato a migliorare la vita delle persone che salva. Mutilata dagli schiavisti e con una psiche estremamente labile, Peacock è fissata con i cartoni animati e in possesso del sistema d’arma Argus e il parassita artificiale Avery, che gli permettono di utilizzare potenti laser e di ottenere in qualsiasi luogo le armi del Lab8, composte principalmente da cartoonesche bombe, incudini e martelli, in puro stile Tex Avery Show.

 –Parasoul, principessa del regno di Canopy e figlia della precedente Skullgirls, è determinata ad eliminare la minaccia dello Skullheart una volta per tutte. Armata di una pistola, del suo ombrello Krieg, un’arma vivente e con un gruppo di soldati, i Black Egrets, utilizza uno stile che le permette di colpire gli avversari mantenendosi ad una distanza di sicurezza. L’aspetto delle sue truppe e la pistola che utilizza ricordano vagamente l’esercito tedesco all’epoca della seconda guerra mondiale.

 –Valentine, unico membro sopravvissuto della squadra anti Skullgirls Last Hope e parte del Lab0, è ora costretta ad aiutare Double e Marie, l’attuale Skullgirls. È direttamente responsabile per l’operazione di Painweel. Ha una psicotica passione per le vivisezioni e uno stile di combattimento che fa uso di rapidi movimenti e strumenti tipici delle sale operatorie.

 –Painweel era una normale ragazza fino a quando non fu rapita da Brain Drain, il direttore di Lab0, e trasformata in un arma anti Skullgirls attraverso una mostruosa operazione. Sfigurata e con una coda artificiale terminante in una serie di falci, la ragazza combatterà contro il controllo dei suoi nuovi padroni e contro la Skullgirl, sperando di poter tornare ad una vita normale. Il suo stile di combattimento, così come il suo aspetto, traggono ispirazione da molti film horror e splatter

 –Double è una misteriosa mutaforma che aiuta la Skullgirls. si traveste da suora quando non combatte, ma durante le battaglie è una massa informe in continuo movimento di organi e tessuti; il suo stile di combattimento è letteralmente una amalgama di quello degli altri personaggi, prendendo tecniche altrui o unendo tra di loro due o più mosse

 –Big Band, primo personaggio maschile del cast, è un ex poliziotto tradito dai suoi colleghi dopo aver arrestato dei membri della mafia. La sua vita è stata salvata dai membri del Lab8, che lo hanno trasformato in un arma vivente in grado di combattere alla pari con le Skullgirl, in maniera simile a Peacock. È un personaggio molto grosso e potente, che combatte utilizzando un arsenale di strumenti musicali integrati nel suo corpo. Fa omaggio ai personaggi di Robocop e l’Ispettore Gadget.

 –Squigly è morta in un attacco della mafia 14 anni prima del gioco ed è stata riportata in vita dallo Sckullheart, ma ha mantenuto la sua coscienza grazie al parassita Leviathan, con l’aiuto del quale combatterà per sconfiggere la Skullgirl e riportare i morti al loro riposo. Da viva era una cantante

 –Elza, in comunione con il parassita Sekhmet, è sopravvissuta e ha mantenuto la sua bellezza inalterata per secoli nutrendosi di sangue. La famosa cantante è intenzionata a recuperare l’Artefatto per poter così contrastare i Medici, che hanno minacciato di rivelare il suo segreto al pubblico; il suo stile di combattimento si basa sulla emocinesi, l’arte di controllare il sangue anche a distanza, e fa pesante uso di riferimenti alla cultura e alla mitologia egizia. Un particolare interessante è il fatto che, quando in alcune mosse sarebbero visibili gli organi interni, si vedono invece dei vasi funerari egizi, che nell’antichità contenevano i suddetti organi dei defunti

 -il personaggio segreto Fukua è nato come un pesce d’aprile, facendo il verso all’usanza nei “picchia duro” di avere più personaggi con gli stessi stili di combattimento o con colori differenti, solo per aumentare il numero dei personaggi selezionabili.

Dato il successo ottenuto, il team ha deciso di mantenerla ed espanderne le mosse. L’aspetto e alcune tecniche del personaggio sono identici a quello di Filia, seppur con dei colori differenti, mentre altre differiscono totalmente. Nel gioco Fukua è il risultato di un incubo, e non è interessata allo Skullheart. La colonna sonora alterna temi musicali incalzanti a rilassate musiche da club anni ’20 facendo grande uso di strumenti a fiato. Il gioco è stato ricevuto con estrema positività dai giocatori, al punto tale da far indurre un concorso con cui sono stati scelti i personaggi scaricabili fra una pletora di comparse, ma ha ricevuto alcune critiche basate sul fatto che i personaggi fossero principalmente femminili.

 Prodotto da Revenge Labs e Lab Zero Games per computer, PS3, PS4, PSVita, e Xbox360 in forma Digital only (solo scaricabile dai negozi online) e rilasciato ad aprile 2012, Skullgirls ha avuto alcuni problemi con la distribuzione, che hanno portato al rilascio della versione Skullgirls:Encore. Il costo di tutte le versioni e di circa 15 euro con i personaggi scaricabili a 5 euro

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !