MENU
3 Dicembre 2022 07:49
3 Dicembre 2022 07:49

Poste Italiane conquista la doppia “A” di Morgan Stanley e debutta nell’indice dello Stoxx Global Esg Leaders

Il Gruppo guidato dall’AD Matteo Del Fante fra i leader della sostenibilità. L’avanzamento del rating MSCI e l’ingresso nello STOXX Global ESG Leaders index rafforza il ruolo chiave del Gruppo nella gestione dei rischi e delle opportunità ESG.

Poste Italiane migliora ancora la sua performance di sostenibilità aziendale e di leadership nel settore raggiungendo il rating “AA” secondo la valutazione di Morgan Stanley Capital International (MSCI), entrando inoltre a far parte dello STOXX Global ESG Leaders index. È la prima volta che Poste viene inclusa nel prestigioso indice internazionale.

Morgan Stanley Capital International è tra le principali agenzie di valutazione delle performance di sostenibilità aziendali sulla base di specifici criteri Environmental, Social and Governance (ESG). Serve oltre 1.700 clienti in tutto il mondo, tra cui i principali fondi pensione, gestori patrimoniali, consulenti, banche e assicurazioni. L’analisi svolta da MSCI è condotta su 8.500 società e oltre 680.000 titoli azionari e obbligazionari a livello globale.

Poste Italiane ha conquistato la doppia “A” rispetto al rating “A” dello scorso anno, grazie all’adozione di pratiche di governance che rispondono in maniera adeguata agli interessi degli investitori. Tale punteggio è dovuto anche ai miglioramenti nelle attività di talent management dell’Azienda, in termini di selezione e fidelizzazione delle proprie risorse, attraverso l’impiego di un’articolata strategia di coinvolgimento dei dipendenti. L’agenzia di rating ha inoltre valutato positivamente il Gruppo Poste Italiane in merito alla gestione delle emissioni di anidride carbonica, per la presenza di investimenti in energia green e la partecipazione a iniziative di investimento responsabile. Tale riconoscimento rappresenta il risultato di un’attenta valutazione basata su specifici criteri che misurano la resilienza delle aziende nella gestione dei rischi e le opportunità relative a ciascuna delle dimensioni della sostenibilità.

Poste Italiane è entrata a far parte anche dello STOXX Global ESG Leaders Index. L’indice include circa 400 società leader globali in termini di sostenibilità aziendale ed è strutturato a partire dal paniere di imprese appartenenti allo STOXX Global 1800. Le aziende sono selezionate con criteri best in class sulla base del rating di sostenibilità attribuito da Sustainalytics –società leader nella ricerca e nell’analisi socio-ambientale – con riferimento ai principali indicatori di performance. Sulla base del punteggio ottenuto rispetto alle singole dimensioni ESG, le aziende possono accedere a tre indici specializzati: STOXX Global ESG Environmental Leaders, STOXX Global ESG Social Leaders, STOXX Global ESG Governance Leaders. La performance delle aziende all’interno degli indici sopramenzionati determina l’accesso allo STOXX Global ESG Leaders index.

Matteo Del Fante, Ad di Poste Italiane

“L’avanzamento del rating MSCI e l’ingresso nello STOXX Global ESG Leaders index – commenta Matteo Del Fante Amministratore Delegato di Poste Italianedimostrano non soltanto l’efficacia sempre maggiore dell’integrazione dei principi ESG nella nostra strategia aziendale ma premiano anche il nostro costante impegno per l’ambiente. Considero poi di particolare rilevanza da parte dell’agenzia di rating MSCI aver apprezzato le nostre iniziative di investimento responsabile, un importante pilastro delle nostre strategie di business sostenibile”.

Giuseppe Lasco condirettore generale di Poste Italiane

“Il rating ottenuto da parte di MSCI e l’inserimento di Poste Italiane all’interno dell’indice STOXX Global ESG Leaders confermano la qualità delle nostre strategie di sostenibilità aziendale nell’odierno contesto globale e promuovono le nostre politiche di ricerca e valorizzazione del talento – commenta Giuseppe Lasco Condirettore Generale di Poste Italiane, . Il consolidamento del Gruppo nella fascia di leadership del rating MSCI e l’accesso nello STOXX Global ESG Leaders testimoniano anche l’efficace gestione dei rischi e delle opportunità ESG, offrendo un riferimento solido per gli investitori e per il Paese”.

Il miglioramento relativo al rating MSCI e l’inclusione nello STOXX Global ESG Leaders index si aggiungono ai risultati ottenuti da Poste Italiane con l’ingresso nei principali indici di sostenibilità del Dow Jones Sustainability Index, FTSE4Good, Bloomberg Gender-Equality Index, a conferma di un percorso che mira alla costante integrazione dei principi di sostenibilità nelle strategie di business. Poste Italiane ha infatti conquistato il primato nella graduatoria MIB® ESG ed è stata collocata nella fascia “Leadership” della classifica annuale stilata da CDP (ex Carbon Disclosure Project) ottenendo il punteggio “A-”.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977
A diciasette giornaliste il premio speciale "Matilde Serao" assegnato da Poste Italiane
Previsti 19 milioni di euro nella Legge di Bilancio 2003 per integrazione salariale ai lavoratori ex-Ilva in a.s.
Poste Italiane ottiene la certificazione "Equal-Salary" per le politiche salariali tra donne e uomini
Esperti nazionali ed internazionali si confrontano a Bari sul futuro dell’acqua
L'Antitrust sanziona per 5 milioni di euro Enel ed agenzie partner
Archivi
Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Per la Corte dei Conti la legge di bilancio 2023 "Manovra di ampia portata. Coperture efficaci ma poco efficienti"
Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977

Cerca nel sito