MENU
18 Agosto 2022 19:09
18 Agosto 2022 19:09

“Populismo” in crisi ma la politica dimostri di aver imparato la lezione

Il fatto è che la politica tradizionale non sembra ancora avere elaborato il significato della sfida che il populismo ha portato nella sua metà campo. Nè sembra avere una chiara idea di come procedere di qui in avanti.

E’ probabile che alla fine non ne trarranno un gran vantaggio né gli uni né gli altri tra i grillini che si sono appena scissi. O magari forse invece la scissione proclamerà un vincitore tra i contendenti di questi ultimi giorni. Quello che appare certo è che la parabola del M5S, nel suo insieme, è drammaticamente in discesa, e che le ragioni che quattro anni fa spinsero un terzo degli italiani ad affidare loro le sorti del paese non stanno letteralmente più in piedi. Prova ne siano i numeri clamorosamente meno lusinghieri delle ultime tornate amministrative -per non dire quelli dei sondaggi, altrettanto impietosi.

E’ la crisi del populismo, per dirla con una sola parola, tagliata con l’accetta, un po’ rozzamente. E cioè la fine dell’illusione che ad affidare a non politici le sorti della politica, a scommettere sui dilettanti buoni contro i professionisti cattivi, si sarebbe fatto un grande affare. Non è andata così. Tant’è che degli scommettitori del 2018 ne sono rimasti appunto, si e no, un terzo. Naturalmente, ci sarà sempre un girone di ritorno. Ma al momento le sorti della partita sembrano volgere verso una sconfitta piuttosto secca e perentoria.

E però, mentre la crisi del grillismo si dispiega impietosamente sotto gli occhi di tutti, la rivincita della politica d’antan -quella di una volta- resta ancora tutta da vedere. Perché è vero, il M5S ha deluso alla prova del governo e a quella non meno severa della politica. Ma il resto del mondo (chiamiamolo così) deve ancora dimostrare di avere imparato qualcosa dalle lezioni e dalle sconfitte di tutti questi anni.

Ed è qui che sembra di intravedere il punto debole di tanti sospiri di sollievo che si levano da questa parte del campo al cospetto della doppia difficoltà di Conte e di Di Maio. I quali non se la passano affatto bene, è evidente. Ma senza che questa loro prova così deludente rimetta al mondo, come per incanto, partiti e leader di più antico lignaggio che a loro volta non

Il fatto è che la politica tradizionale non sembra ancora avere elaborato il significato della sfida che il populismo ha portato nella sua metà campo. Nè sembra avere una chiara idea di come procedere di qui in avanti. Restano infatti senza risposta, ancora oggi, le due fondamentali domande che il trambusto di tutti questi anni aveva posto a tutti noi. E cioè, prima questione: il populismo fa parte del nostro carattere nazionale o è un alieno sbarcato non si sa bene da quale lontano pianeta? E, seconda questione: se il populismo non è proprio quel che si dice la nostra tazza di te, come se ne viene a capo ? Occorre prenderlo di petto e combattere colpo su colpo ? O magari invece è meglio diluirlo, scioglierlo in un impasto più grande, amalgamarlo ben bene, in modo che si possa offrire ai nuovi arrivati l’ammaestramento che nasce dall’esperienza in cambio della vitalità che nasce dalle più ardite sperimentazioni ?sembrano aver fatto moltissimo per meritare l’occasione che adesso viene loro offerta.

Queste domande, formulate ancora all’inizio di questa legislatura, sono rimaste poi in sospeso in tutti questi anni. Un po’ perché si sperava che i populisti entrassero in crisi per conto loro, senza bisogno né dei nostri ammaestramenti né delle nostre prediche. E un po’ perché dalle parti di quello che una volta si sarebbe definito il “sistema” (politico e non solo) si annidavano troppo paure e troppe convenienze per venire a capo di tutti questi dilemmi.

*di Marco Follini per ADN Kronos
TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

La politica e lo specchio rotto di Dorian Gray
M5S : "Dilemma su terzo mandato svela questione identitaria non banale"
Elezioni : "Vince centrodestra? Staremo a vedere"
"Governo, non è il momento di dar fuoco alle polveri"
Delusi dai partiti gli italiani sognano il sindaco d’Italia
Legge elettorale, "Italia affronti nodo"
Archivi
Sequestrato un milione di euro dalla Guardia di Finanza ad una coop di assistenza ai migranti
I disservizi di Dazn all’inizio del campionato di Serie A. Ecco come farsi rimborsare
È morto Niccolò Ghedini, storico avvocato di Berlusconi. Il Cavaliere: "Dolore immenso"
Liste centrodestra, la corsa è ancora lunga: troppi nomi sul tavolo e pochi collegi
Controlli di Ferragosto dei NAS alla case di riposo: blatte in cucina ed operatori in stato di ebrezza

Cerca nel sito